Casa / Art / Baró Galleria riceve mostra il circuito nazionale Trovoa
Autore: Aline Motta. Titolo: "Lacune Bridging # 3". Dati: 2017. Tecnica: Foto. Dimensioni: 80 x 45 cm.

Baró Galleria riceve mostra il circuito nazionale Trovoa

"La notte non si addormenta mai nei nostri occhi" nasce dalla necessità di discutere la pluralità delle lingue, mezzi di comunicazione e di ricerca che sono prodotti dalle donne razzializzate per paese

Spettacoli compone di opere da realizzare lungo un tuffo 4 settimane e opere preselezionate

La Galleria Baró inaugura la collettiva "La notte non addormentarsi mai nei nostri occhi", con opere di Aline Motta, Bruna Amaro, Carolina Rich Lee, Gabriela Monteiro, Heloisa Hariadne, Olabiwonu, Juliana Santos, Lidia Lisboa, Luiza Alexander, Lyz Parayzo, Mariana Rodrigues, Micaela Cyrino, Monica Ventura, Rebeca Ramos, Renata Felinto, Sheila Vieni, Val Souza e Garcia Yaminah, sotto la curatela di Carollina Lauriano. La mostra riunisce una collezione di dipinti, fotografie, assemblaggi, site-specific, spettacoli e strutture – alcuni inediti, progettato per mostrare -, e deriva dalla chiamata nazionale proposta da parte del collettivo di artisti donne Trovoa. Il lavoro nasce dalla necessità di presentare e discutere la pluralità delle lingue, mezzi di comunicazione e di ricerca che sono prodotti dalle donne razzializzate per paese, cercando nel contempo di decentralizzare i discorsi e di creare un network di artisti donne, ampliando così il circuito dell'arte.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Per comporre il collettivo di essere esposti a Galleria Baró, artisti donne di diverse generazioni stanno partecipando a un processo coinvolgente 4 settimane, in cui aprirsi e discutere le loro produzioni, per favorire esperienze, rafforzare i discorsi, comprendere i processi creativi e ampliare l'ecosistema delle arti visive. "questi incontri, sorgere il lavoro che sarà parte dello spettacolo, anche presentando un nuovo modo di organizzare una mostra dal reciproco interesse di quei corpi dissidenti reinventare nuove possibilità future", dice curatore e Carollina Lauriano - svolge anche la mediazione di tali riunioni.

"La notte non addormentarsi mai nei nostri occhi"È inoltre composto del lavoro prodotto al di fuori del suddetto processo coinvolgente. Aline Motta visualizza l'immagine “Ponti sul abissi #3“, cosa “(…) artista Niterói utilizza una serie di strategie al fine di mettere insieme una possibile genealogia familiare. rapporti di storia orale, po 'di documentazione, file di famiglia e il test del DNA ricreare legami african-atlantiche di parentela, un percorso invertito della tratta degli schiavi: spazzatrici Città, a Rio de Janeiro, verso la Sierra Leone, in Africa", dice Hélio Menezes, il “Storie afro-atlantiche”. Il curatore mette in evidenza anche le questioni affrontate dal ciascun artista, che attraversano spiritualità e processi di guarigione, memoria e identità, spostamenti, lotte e violenza istituzionalizzata.

Come parte dello spettacolo, sarà discussione ciclo dal titolo "Cosa succede dopo che abbiamo ottenuto qui?", non si riflettono solo sulla presenza di artisti razzializzati nel campo dell'arte, ma anche la diversità delle sue produzioni e ricerche artistiche che attraversano il loro lavoro. Nelle parole di Carollina Lauriano: "All'entrata di questi corpi nel sistema, sia esso istituzionale o commerciale, come abbiamo iniziato un nuovo capitolo nella storia dell'arte? Curatori e artisti saranno invitati a pensare a sesso e razza all'interno delle istituzioni e del mercato, e ciò che deve ancora essere fatto per raggiungere un piano di parità. Sarebbe questo desiderio possibile e in grado di eseguire? Oltre alla discussione, vi proponiamo di trovare soluzioni per le questioni aperte".

Esposizione: "La notte non addormentarsi mai nei nostri occhi"
Artisti: Aline Motta, Bruna Amaro, Carolina Rich Lee, Gabriela Monteiro, Heloisa Hariadne, Olabiwonu, Juliana Santos, Lidia Lisboa, Luiza Alexander, Lyz Parayzo, Mariana Rodrigues, Micaela Cyrino, Monica Ventura, Rebeca Ramos, Renata Felinto, Sheila Vieni, Val Souza e Garcia Yaminah
A cura di: Carollina Lauriano
Apertura: 1 Giugno 2019, Sabato, come 14 às 19h
Periodo: 3 da giugno a 20 luglio 2019*
Local: Galleria Baró - www.barogaleria.com
Indirizzo: consolazione Via, 3417 - Cerqueira Cesar – São Paulo/SP
Orari: Dal martedì al venerdì, il 10 às 19h | Sabato, il 11 às 19h
Telefono: +55 11 3661-9770
Numero di opere: 20
Tecniche: Dipinti, fotografie, assemblaggi, spettacoli e strutture
Dimensioni: 10 x 15 cm un 400 x 300 cm
Valori: R $ 4.000,00 R $ 95.000,00
* Durante tutto il periodo della mostra, Prestazioni ospita un Festival, con una data ancora da definire

.

Media Relations - Comunicazione Balady
Silvia Balady – silvia@balady.com.br | Zeca Florentino - zeca@balady.com.br
(11) 3814-3382 | (11) 99117-7324

Carollina Lauriano

Laureata in Comunicazione Sociale con il corso di estensione a ricerca artistica, da Central St Martins, a Londra. Da 2018, parte del team di curatori e gestione di Ateliê397, ci 15 anni agisce come uno dei principali spazi d'arte indipendenti di San Paolo. Nella loro ricerca, interessi discutere l'inclusione delle donne nel mercato dell'arte, dai loro risultati e sfide.

Galleria Baró

Ha aperto le sue porte nel 2010 e da allora si è affermata come un riferimento internazionale nel circuito dell'arte brasiliana. Diretto da espatriato spagnola Maria Baró, la galleria si trova a San Paolo. Barone Galleria mira a rafforzare il dialogo tra artisti, Trustees, collezionisti e istituzioni culturali. priorità Baró è quello di visualizzare le opere site-specific e progetti curatoriali, con grande enfasi su artisti del 1970 e 1980, come o filippino David Medalla, Messicano Felipe Ehrenberg e l'argentino Roberto Jacoby, possiblitando la sua coesistenza con una squadra di giovani talenti. Il flusso costante di idee, progetti e lavoro dà spazio un'atmosfera unica. La galleria ospita anche un programma di residenza per giovani artisti. Storia Esposizione di Mondrian Fanclub: Hélio Oiticica, Lygia Clark, Lygia Pape è uno dei tanti esempi di eccellenti spettacoli prodotti da Baró Galleria. Così come altri igualmentes mostre importanti ed inediti in Brasile come Tatiana Trouvé e Roman Signer, Lourival Cuquinha, Pablo Siquier, Daniel Arsham, tra l'altro. Estremamente attivo nel mercato internazionale, la galleria partecipa anche a diverse fiere come Basel Miami, armeria- NY, ArtBO, ArtB, SP-Arte, ArtRio, MACO-Messico, Arco-Madrid, ArtDubai, Pinta di Londra e New York, tra gli altri.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*