Casa / Art / Claudia Ciappino - “Riciclaggio geniale”

Claudia Ciappino - “Riciclaggio geniale”

Tony Franco é Administrador de Empresas.

Tony Franco è un amministratore aziendale.

Claudia Ciappino è un'artista italiana che si occupa di questioni di conservazione ambientale e fa appello alle sue opere utilizzando materiali riciclati. Fornire una nuova vita e uno scopo a questi materiali, mostra rispetto per il pianeta Terra, solo la nostra casa, e ci fa riflettere anche per il rispetto.

Intervista

Claudia, raccontarci qualcosa di te ...

Sono nata a Formia (LT) e vivi in ​​un piccolo paese della provincia di Caserta. Vengo da una famiglia di umili origini. Fin da piccola ho sempre amato disegnare paesaggi. Sono molto affascinata dai colori e ricordo che quando guardavo i quadri appesi in casa, fantasticavo di sapere chi li aveva dipinti. Così ho iniziato a studiare gli artisti del passato e ho fantasticato che un giorno sarei potuto diventare come loro. Nel tempo mi sono dedicato al disegno a matita, mettendoci amore e passione. Da qui la scelta di una formazione artistica. In realtà mi sono diplomato all'Istituto Statale d'Arte di Cascano. In passato ho lavorato come commessa in un supermercato, ora sono una casalinga e una madre a tempo pieno.

Claudia Ciappino é Artista Plástica.

Claudia Ciappino è un'artista visiva.

Quando si è svegliato il suo desiderio di essere un artista visivo?

Il mio desiderio di utilizzare la plastica nei miei lavori è nato da un problema ambientale nella mia provincia:

»Corretto smaltimento dei rifiuti«

Per alcuni miei lavori raccolgo e inserisco i rifiuti. Lo faccio per sensibilizzare le persone sul corretto smaltimento dei rifiuti come la plastica, carta, vetro e alluminio. Con la plastica realizzo composizioni floreali in rilievo su tela.

Che tipo di arte ti piace di più?

Ci sono due tipi di arte che preferisco e che faccio: arte astratta e figurativa. Arte astratta perché do sfogo a tutta la mia immaginazione creando immagini che non appartengono alla realtà visiva cercando di esprimersi in composizioni prive di linee, forme, core, senza imitare la realtà concreta, cerco di comunicare contenuti e significati con l'uso del colore per suscitare forti emozioni interiori. A differenza dell'arte astratta, l'arte figurativa si occupa della rappresentazione di immagini riconoscibili dal mondo che ci circonda, cercando di trasmettere emozioni profonde a chi osserva l'opera.

Come ha sviluppato il suo stile (tecniche)?

La tecnica che uso è mista. Uso gli acrilici, olio, glitter e materiali riciclati. Tendo ad usare l'acrilico a causa dell'ampia varietà di colori che mantengono la lucentezza e anche perché ha un breve tempo di asciugatura. Poi arricchisco i quadri con applicazione di materiale riciclato e glitter per far brillare le opere. Essendo un esperimento autodidatta utilizzo anche la tecnica del decoupage nei miei quadri.

Cita se hai avuto influenze artistiche nelle tue opere e quali artisti?

Sì, nella mia carriera artistica ne ho avuti alcuni artisti che ha influenzato la mia arte. Picasso per gli astratti ma anche per le sculture realizzate con materiale di riciclo. Davvero, ha creato molte opere come la cavea del Toro, la capra e il giovane babbuino. Poi c'è Vincent Van Gogh per i suoi paesaggi affascinanti che mi commuovono molto. E infine la mia cara artista, Fabiana Macaluso, con la sua arte che nasce dal suo lavoro., ci sono molti ritratti di donne africane, con questi lavori dell'ultimo periodo mi ha indirizzato a ritrarre volti femminili. Ma sto ancora cercando nuove idee e stili di pittura per crescere artisticamente.

Hai un familiare o un conoscente che è un artista?

Non, Non ho familiari che siano artisti della plastica.

Vivere dall'arte è possibile?

Sì, ma non è semplice. Il mondo di arte oggi non è per tutti perché spesso si spendono risorse e sforzi. Oppure ci sono quelli privilegiati dove il talento artistico è in sottofondo. Tutto in questo periodo è aggravato dal grave problema che affligge il mondo intero, il Covid, che ha messo in ginocchio l'intera economia nazionale e internazionale.

Mai pensato di non agire con più arte? può commentare perché?

come una ragazza, quando stavo per laurearmi, Ho deciso di chiudere arte. Uno dei tanti motivi è che stavo pensando alla vita vissuta da Van Gogh, un grande artista che non è stato riconosciuto nella vita, ma solo dopo la sua morte. Tutto questo mi ha scoraggiato, facendomi credere in un primo momento che non sarei mai riuscito a far conoscere la mia arte e tutto ciò che è dentro di me. Situazione che nell'ultimo periodo è cambiata principalmente per le conoscenze artistiche che ho acquisito, un altro motivo era pensare che fosse impossibile entrare nel mondo dell'arte perché avevo poca fiducia in me stesso.

Quali competenze sono necessarie oggi per l'artista?

Ci vuole molta immaginazione, determinazione e dedizione nel lavorare con le arti plastiche per far rinascere un'opera da un semplice oggetto plastico da buttare definitivamente. Avere abilità manuali per lavorarlo, poi decoralo dandogli una nuova vita, ribaltando la forma che aveva inizialmente, dandoti una nuova vita per darti il ​​giusto valore.

Cosa provi quando crei o apprezzi un'opera d'arte?

Quando creo, Carico tutto ciò che sento sullo schermo: rabbia, risentimento, tristezza, afflizione, felicità, gioia. Dipingo colori e pennelli. Non riesco nemmeno a pensare ai problemi che mi circondano, è come se mi stessi allontanando da tutti, passando tutte le paure, Provo una grande soddisfazione mentre il lavoro prende forma e quando finalmente lo finisco provo una gioia immensa che mi porta a pubblicarlo a tutti.

Le tue ispirazioni per creare un'opera d'arte?

A volte mi ispiro alle persone con cui vivo, problemi quotidiani e ambientali.

Quale arte ti ha colpito di più finora?

L'arte che finora mi ha colpito di più è l'iperrealismo. È un movimento artistico che si è sviluppato negli Stati Uniti alla fine dell'anno 60, in seguito arrivando anche in Europa. È un movimento artistico che si ispira agli oggetti della vita quotidiana e al consumismo. La figura stilistica di assoluto rilievo che caratterizza questa corrente artistica è quella di realizzare opere quanto più reali possibile. O iperrealismo, Infatti, visto per imitare la realtà e gli artisti che ne sono ispirati rappresentano come appare ai loro occhi, niente filtri e niente bugie.

Devi sempre creare o creare solo in determinati momenti?

Non sempre. Lo faccio quando ne ho voglia e quando l'ispirazione per un nuovo lavoro cresce dentro di me. Quando non sono dell'umore giusto, Non posso fare niente. Ci sono periodi che non dipingo e periodi in cui le idee mi vengono in mente una dopo l'altra, è in quel momento che lavoro incessantemente.

Il prodotto del tuo lavoro è unico o ha una relazione stretta o distante con il tuo lavoro precedente?

I miei lavori hanno sempre avuto un rapporto tra loro. Preciso che questa non è una ripetizione dei lavori, ma di un filo conduttore che descrivo sono sempre i paesaggi, figure femminili e fiori. Io non entro, sono lavori eseguiti con tecniche differenti.


pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima


Quali sono le sfide dell'arte / artista nello scenario attuale?

La sfida è riuscire ad entrare nei musei, essere valorizzato e storicizzato, un altro è mettere le opere stesse sul mercato anche perché viviamo in un certo periodo storico a causa della grave crisi economica e del susseguirsi di diverse lacune.

I social network ti hanno aiutato a diffondere il tuo lavoro?

Sì, in questo periodo pubblicizzo sempre i miei lavori attraverso i social network ma con l'ausilio di gallerie e musei. Oggi risulta essere l'unico canale per farti conoscere.

Come le arti plastiche possono contribuire all'istruzione e alla cultura?

Le arti plastiche possono contribuire tanto quanto una campagna di sensibilizzazione per il corretto smaltimento dei rifiuti. E con l'avvento della rivoluzione industriale che avvia il processo di industrializzazione, l'emergere di grandi fabbriche con i conseguenti scarichi chimici industriali, sono stati aggiunti ad altri rifiuti, l'inquinamento atmosferico danneggia l'ambiente e la salute umana ed è un dato di fatto che non dimentichiamo i nostri oceani che stanno diventando sempre più le discariche della Terra. Dai sacchetti di plastica ai pesticidi, la maggior parte dei rifiuti prodotti dall'uomo finisce in una forma o nell'altra in mare, anche navi e piattaforme petrolifere. Ogni minuto un camion della spazzatura si ferma in mare, buste di plastica, scarpe, palloncini, materiale da imballaggio, in particolare la plastica, che è un materiale non biodegradabile, corre il rischio di essere ingerito dalle balene, tartarughe marine, gabbiani e altri pesci, finendo anche ai nostri tavoli.

Come analizzi le qualità di un'opera d'arte?

La qualità di un file opera d'arte non si analizza semplicemente osservando e apprezzando un dipinto, è necessario conoscere alcune informazioni che indichino la data di esecuzione e il contesto in cui è stata effettuata. Osservalo attentamente e metodicamente, descriverlo verbalmente, trasformare il linguaggio visivo in linguaggio parlato e scritto. Questa operazione ci permette di creare connessioni mentali tra l'opera d'arte e la nostra storia personale. Così, il nostro occhio vede aspetti particolari che uno sguardo frettoloso e distratto ci porta a trascurare.

Quali sono i criteri per stabilire il valore di un'opera d'arte?

Per stabilire il valore di un'opera d'arte è necessario concentrarsi sulle caratteristiche principali. Per valutare correttamente un'opera, devi prima valutare la simmetria, l'armonia e anche gli elementi ritenuti provocatori. Allora, esistono criteri soggettivi legati alla firma, per l'assegnazione di conservazione, provenienza, bibliografia, autenticità, valore estetico e culturale, soggetto e dimensioni. Nella determinazione del valore di mercato di un'opera d'arte, si tiene conto della reputazione dell'artista e delle vendite passate.

Parla dei tuoi progetti oggi ...

Un progetto che ho in mente è un collettivo artistico con il gruppo a cui appartengo, gli Workshop Virtual Art Social Group senza scopo di lucro da Fabiana Macaluso. Una mostra sul tema dei rifiuti, sul modo corretto per eliminarli e sul rischio dell'ambiente che ci circonda, quindi una vera e propria campagna di sensibilizzazione.

Qual è il tuo consiglio per chi ha appena iniziato?

Il mio consiglio per chi inizia adesso perché siamo in un brutto momento, è preferibile farsi conoscere attraverso i social network. Inizia a contattare le gallerie per iniziare un percorso artistico per esporre le tue opere. Poi gradualmente mostre arriverà anche nei musei.

Se vuoi lasciare un messaggio ...

Il messaggio che voglio lasciare è rispettare il nostro pianeta Terra. Quindi invito tutti a fare la raccolta differenziata e il corretto riciclo della plastica, del vetro, di carta e alluminio. Viviamo su un pianeta che abbiamo il dovere di rispettare, che rappresenta la nostra casa e non ne abbiamo altre, quindi ridiamoci su e rispettiamo noi stessi.

A proposito delle tue mostre, avere commenti in merito, sentimenti ...

Sono particolarmente felice solo perché le mie opere sono viste da molte persone, principalmente non esterno, grazie alle innumerevoli mostre virtuali a cui ho avuto l'onore di partecipare.

Potresti commentare qualche curiosità artistica?

Una curiosità artistica nella notte stellata di Vincent Van Gogh e Saint-Remy-de-Provence nel sud della Francia. Van Gogh dipinse l'opera mentre era ricoverato come paziente presso l'ospedale psichiatrico Saint Paul de Mausole di Saint Remy. Il mio pensiero su questa storia di Van Gogh è che mi dispiace molto perché ha condotto una vita piena di sacrifici e problemi di salute.

Come definiresti la tua arte in una riga?

Riciclo geniale.

Social networking:

Facebook: @Claudia Ciappino

Instagram: @claudiaciappino

 

* Grazie a Buana Lima, consulente dell'artista plastico, per tutte le informazioni pertinenti l'intervista.

 

 


Gruppo non Facebook | Instagram
LinkedIn | Facebook | Cinguettio

laudia Ciappino è un'artista italiana che si occupa di questioni di conservazione ambientale e fa appello alle sue opere utilizzando materiali riciclati. Fornire una nuova vita e uno scopo a questi materiali, mostra rispetto per il pianeta Terra, solo la nostra casa, e ci fa riflettere anche per il rispetto. Intervista Claudia, raccontaci un po 'di te… sono nata a Formia (LT) e vivi in ​​un piccolo paese della provincia di Caserta. Vengo da una famiglia di umili origini. Fin da piccola ho sempre amato disegnare paesaggi. Sono molto affascinato dai colori e…

Score

Eccellente!!

Conclusione : Valuta l'intervista! Grazie per la vostra partecipazione!!

Voto Utenti : 4.9 ( 2 voti)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*