Casa / Art / “I colori del paesaggio – Napoli-Rio negli occhi degli artisti italiani dell'Ottocento” nel Palazzo Imperiale

“I colori del paesaggio – Napoli-Rio negli occhi degli artisti italiani dell'Ottocento” nel Palazzo Imperiale

La mostra senza precedenti si apre il giorno 23 da novembre per la visita con circa 50 Dipinti italiani e brasiliani, oltre alle fotografie

Con il bicentenario della nascita di D. Teresa Cristina (1822-2022), al esposizione “Colori del Paesaggio – Napoli-Rio negli occhi degli artisti italiani dell'Ottocento”, un'iniziativa dell'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro, visitabile in giornata 23 Novembre, nel Palazzo Imperiale.




La mostra inedita – e nessun roaming pianificato – intende presentare come Napoli e Rio de Janeiro si sono incontrate nella storia dell'arte, attraverso l'aspetto costruito, per la creazione artistica, intorno al paesaggio delle due città.

La mostra riunisce dipinti di diversi pittori italiani stabilitisi in Brasile nel XIX secolo, tra questi Luigi Stallone, venuto da Napoli per insegnare pittura all'imperatrice di. Teresa Cristina, oltre alle opere di Edoardo de Martino, napoletano anche quello, dopo aver fatto carriera a Rio de Janeiro, divenne il pittore di corte britannico della regina Vittoria e ebbe successo con le sue vedute notturne, così come Nicolau Facchinetti, autore delle viste più celebri della baia di Guanabara (ha avuto un'intensa performance come insegnante di pittura, con studenti come Maria Fornero, una delle poche ed eccezionali pittrici in Brasile nel XIX secolo).

I dipinti provenienti dai musei italiani raccolti rappresentano i due filoni del vedutismo napoletano, che all'epoca ebbero grandi ripercussioni., compresi gli schermi giganti Giacinto, uno dei maestri della Scuola di Posillipo, e Marco de Gregorio, uno dei nomi di spicco della Escola de Resina.




I due gruppi di pittori identificati con località del napoletano sono noti per il rinnovamento della pittura di paesaggio nell'Ottocento, da una prospettiva che valorizza l'esperienza sensoriale, esplorando le variazioni di luce e colori durante il giorno e la notte, dando un carattere soggettivo all'ambiente.

Questo rinnovamento dello sguardo sul paesaggio è contemporaneo all'invenzione della fotografia. Così, la mostra propone anche un dialogo tra la creazione fotografica di Camilo Vedani, il fotografo paesaggista italiano stabilitosi a Rio de Janeiro, il 1859, e le immagini di Giorgio Sommer, che allo stesso tempo divenne il fotografo più noto a Napoli.

“La mostra porta tra noi un numero significativo di dipinti e fotografie italiane mai presentate prima, stabilire un dialogo tra la pittura di paesaggio in Brasile nel XIX secolo e la creazione artistica italiana nella regione siciliana di Napoli allo stesso tempo. Questo dialogo è sempre citato dai critici d'arte, ma raramente approfondito a causa della mancanza di accesso alle immagini artistiche. D'altronde, la mostra sottolinea l'importanza del matrimonio di D. Pedro II come D. Teresa Cristina per la storia dell'arte in Brasile”, dice il curatore, Paolo Knauss.

Ricevi notizie da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Per il direttore dell'Istituto Italiano di Cultura, Livia Raponi, ideatore del progetto e responsabile del disegno generale insieme a Knauss, “l'importanza e il carattere innovativo di questa mostra non risiedono solo nell'aspetto puramente artistico, nell'eccellenza delle opere pittoriche, ma anche nella ricchezza dei temi e dei linguaggi trattati, presentando una fitta rete di relazioni culturali e antropologiche tra Napoli e Rio, tra Italia e Brasile, che passa attraverso la musica, emozionante parte del percorso espositivo, archeologia e fotografia”.



“Landscape Colors” è organizzato in quattro moduli che esplorano i colori della rappresentazione diurna e notturna, dalla terra e dal mare, passando per le sfumature del bianco e nero della fotografia, con un set di ca. 50 Dipinti italiani e brasiliani, datato 1844 al 1899, oltre a fotografie dell'epoca.

Os quadros vêm dos acervos da Certosa e Museo di San Martino e do Museo di Capodimonte, entrambi a Napoli, Casa della Marchesa de Santos e Museo Antonio Parreiras (FUNARJ), Museo d'Arte di Rio/MAR, Museo della Repubblica/Ibram, Museo Nazionale di Belle Arti / Ibram, Casa Geyer/Museo Imperiale/Ibram, Museo della Vita/Fiocruz, Museo Navale e Fondazione della Biblioteca Nazionale. Le fotografie appartengono alla Collezione Speranza, collezione privata italiana, e la Collezione Gilberto Ferrez dell'Instituto Moreira Salles.

La mostra è organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura con Paço Imperial/IPHAN e ha il patrocinio del Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro e Generali. Curata da Paulo Knauss e curata congiuntamente per l'arte italiana da Fernanda Capobianco, la produzione è di Artepadilla.

A proposito della mostra

La storia è nota che l'imperatore D.. Pedro II fu presentato alla sua futura moglie e imperatrice del Brasile, d. Teresa Cristina, attraverso un ritratto. Il matrimonio sarebbe stato celebrato tramite avvocati, nella città di Napoli nell'anno di 1843, senza la presenza dell'imperatore.

Di qui l'importanza del quadro, che rappresentava la giovane principessa del Regno delle Due Sicilie accompagnata dal paesaggio dominato dalla presenza del Vesuvio, identificando la sua origine napoletana. Il dipinto, dal pittore brasiliano Correia Lima, ripetuta la formula dei ritratti degli imperatori brasiliani che si distinguevano per la presenza del paesaggio carioca con il Pan di Zucchero.

Il paesaggio ha partecipato alla costruzione delle identità politiche attraverso l'arte. Tuttavia, le motivazioni politiche più profonde di quel tempo potrebbero essere dimenticate dal potere attrattivo del paesaggio del Golfo di Napoli e di Rio de Janeiro.

Giuseppe Garibaldi, per esempio, il rivoluzionario dei due mondi, che ha combattuto, nel sud del Brasile, nella Rivoluzione Farroupilha e combatté per l'Unità d'Italia, assicurato, nei tuoi ricordi, che l'esperienza di contemplare le baie di Napoli e Rio de Janeiro lo faceva sentire un poeta.

La dichiarazione del rivoluzionario conferma il potere di attrazione delle due città portuali, rispettivamente, dall'Italia e dal Brasile che condividono il contesto naturale di una baia di acque protette che incontra un rilievo locale segnato da montagne significative associate a un gigante dormiente.

Nessun caso del Napoli, il riferimento è al monte del vulcano Vesuvio, conosciuto come il gigante dormiente. Nel caso di Rio de Janeiro, il riferimento è a tutta la Serra do Mar, le cui linee suggeriscono la figura nota come il gigante dormiente, evidenziando il Pan di Zucchero.

Scopri di più su Paul Knauss

Dottore in Storia, Professore del Dipartimento di Storia dell'Università Federale Fluminense (UFF), membro del Comitato Brasiliano di Storia dell'Arte (FAQ) e membro dell'Istituto storico e geografico brasiliano (IH GB), ex direttore del Museo Storico Nazionale.

Come ricercatore si dedica alle relazioni con l'arte, Immagine e cultura visiva, autore di numerose opere pubblicate, oltre a fungere da curatore di mostre.

Scopri di più su Livia Raponi

Direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro, è Addetto Culturale presso il Ministero degli Affari Esteri d'Italia. Ha conseguito un dottorato di ricerca in lettere presso l'Università di San Paolo (USP). è un autore, insieme a Joaquim M. Andrade, dal libro “Italiani dietro la macchina da presa. Traiettorie e prospettive notevoli nella fioritura della fotografia in Brasile” (Ed. UNESP, 2022).

Ha una vasta esperienza nella cura di mostre d'arte ed eventi interculturali, sviluppato nell'ambito della sua opera di promozione della lingua e della cultura italiana.

Scopri di più su Fernanda Capobianco

Ha lavorato per molti anni come storica presso il Ministero della Cultura italiano., avendo curato diverse mostre a Napoli e all'estero e direttore del settore Export di Napoli, do Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e do Parco e Tomba di Virgilio.

Ha pubblicato diversi studi sulle collezioni dei musei di Napoli, la storia della scultura napoletana e la creazione del pittore Giacinto Gigante. Ha curato numerose mostre a Napoli e all'estero su artisti napoletani dell'Ottocento., tra cui gli scultori Vincenzo Gemito e Domenico Morelli.

Servizio:

“Colori del Paesaggio – Napoli-Rio negli occhi degli artisti italiani dell'Ottocento”
A cura di Paulo Knauss, a cura di Fernanda Capobianco
Visitazione: di 23 Novembre 2022 al 12 Febbraio 2023
Ingresso libero
Local: Paço Imperial
Indirizzo: Piazza del 15 novembre, Centro – RJ
Funzionamento: Martedì a Domenica e festivi, da 12.00 a 18:0
Ufficio stampa: Avviso sulle comunicazioni di BriefCom
Bia Sampaio +55 21 98181-8351; biasampaio@briefcom.com.br; @briefcomunicacao
Realizzazione: Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro e Artepadilla
Supporto istituzionale: Ambasciata d'Italia e Consolato Generale d'Italia a Rio de Janeiro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*