Casa / Art / Dennis Esteves - “Tradurre le tue emozioni”, Edmundo Cavalcanti

Dennis Esteves - “Tradurre le tue emozioni”, Edmundo Cavalcanti

Edmundo Cavalcanti é Artista Plástico, Colunista de Arte e Poeta.

Edmundo Cavalcanti Plastic Artist, Editorialista Arte e poeta.

1- Dove sei nato? E qual è la tua formazione accademica?

Sono nato a Santo André, ABC e io sono autodidatta.

2- Come e quando si dà il primo contatto con le arti?

Sono nato in una famiglia dove l'arte era parte della vita di tutti i giorni. Mia madre è coreografa, e gestisce una scuola di balletto 45 anni… lei è molto creativo e ha qualche capacità di progettare in quanto rende tutti i bozzetti di costumi per le vostre presentazioni, e mio padre, anche se è morto quando io ero solo 3 Anni mi ha lasciato il patrimonio genetico per la progettazione e la musica.

3- Come hai trovato questo o regalo?

Mia madre mi ha sempre incoraggiato a disegnare darmi materiali… lei era colui che ha scoperto il mio talento rsss.

Dennis Esteves é Artista Plástico.

Dennis Esteves è di plastica Artista.

4- Quali sono le vostre influenze principali?

Nella fine degli anni ottanta che volevo fare l'animazione, come sempre sono stato un fan per lo spostamento d'arte, le tue fantasie, gioie, e ironias. In 1989 mia madre mi ha dato un regalo di una retrospettiva libro Ziraldo carriera fumettista dove ho trovato vere opere d'arte e l'abilità eccezionale nel lavorare con i colori. Così, Posso dire che il primo artista che mi ha ispirato è stato il Ziraldo. Nello stesso periodo ho incontrato l'artista Adelio Sarro, e ho avuto la possibilità di frequentare il suo laboratorio, dove ho sviluppato una tecnica che è una continuazione della tecnica che usa. Queste sono le due aree principali che hanno ispirato la mia costruzione tecnica e tematica.

5- Quali materiali si usa nelle sue opere?

Olio su tela.

6- Qual è il tuo processo creativo in sé? O che ispira?

Ciò che mi ispira sono le scene gioiose della vita… tutto ciò che è buono.

7- Quando si effettivamente cominciato a produrre o creare le loro opere?

La mia prima mostra era in 1990 quando avevo quattordici anni e ho fatto le mie prime vendite, dopo che ha fatto una certa esposizione occasionale, e ho iniziato a dedicarmi interamente alla pittura 1997.

8- L'arte è una squisita produzione intellettuale, dove le emozioni sono incorporati nel contesto della creazione, ma nella storia dell'arte, vediamo che molti artisti sono derivati ​​da altri, seguendo movimenti tecnici e artistici attraverso il tempo, Possiedi un qualsiasi modello o l'influenza di qualsiasi artista? Chi sarebbe?

Mi considero un discepolo della tecnica Sarro, ma con un tema e propria identità. Nel corso della mia carriera ho ricevuto molte influenze, dal modernismo alla Pop Art, viaggia in nomi come Picasso, Milton da Costa, Ziraldo, Candido Portinari, Mondrian, Sarro, Roy Lichtenstein, e Jasper Jones. Anche pensare che l'artista deve essere sempre aperto a nuovi riferimenti e questo ciclo è necessario per raggiungere la maturità.

9- Che cosa significa per te l'arte? Se si dovesse riassumere in poche parole il significato delle Arti nella vostra vita…

L'arte è un modo per tradurre le mie emozioni.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

10- Quali tecniche si usa per esprimere le proprie idee, sentimenti e percezioni sul mondo? (Sia che si tratti attraverso la pittura, scultura, disegno, collage, fotografia… o utilizza diverse tecniche per rendere un mix di varie forme d'arte).

Sono stato un ballerino e insegnante di premi tip tap americani nei principali festival di danza del paese, e ho anche su 100 composizioni musicali, ma attualmente le arti visive sono i miei principali strumenti di espressione.

11- Ogni artista ha il suo mentore, quella persona che è stato eseguito il mirroring, hai incoraggiato e ispirato a seguire questa carriera, andare avanti e prendere i vostri sogni degli altri livelli di espressione, che questa persona è e come si introdusse nel mondo dell'arte?

è stato il Sarro. Ha aperto le porte del suo studio quando ero ragazzo, Mi ha mostrato come sbattere le ali, e ho volato.

12- Avete un'altra attività di là di arte? Si dà lezioni, conferenze etc.?

Non.

13- Le sue principali mostre nazionali e internazionali e le loro premi? (menzione 5 ultimo).

Non ho mai inviato i miei concorsi d'arte… Odio, e quindi non ho premi, Ma di recente ho ricevuto un premio Fellowship Paul Harris la Fondazione internazionale per contribuire alla mia arte nello sviluppo di Vigna di mia città, e conoscendo questa entità e le importanti azioni svolte per conto di società che è stata una fonte di grande orgoglio.

In tutta la mia 29 anni di esposizione sono stati più di un centinaio di mostre in Brasile e paesi come la Svizzera, Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Inghilterra, Scozia e gli Stati Uniti… E 'difficile elencare i più importanti, ma forse il più significativo erano in Mube a São Paulo, e il Museo di GLDF a Parigi.

14- I suoi progetti per il futuro?

Effettivamente penetrare il mercato americano Arts.

15- Secondo lei qual è il futuro dell'arte brasiliana e dei suoi artisti? (nel contesto generale) e perché così tanti artisti stanno dando la preferenza per mostrare il loro lavoro in mostre internazionali nonostante i costi elevati?

“Il futuro di arte brasiliana è molto promettente. Abbiamo un'identità, un sacco di creatività e sanno molto bene improvvisare. Il fatto che gli artisti cercano mostre internazionali possono parlare per me credo che queste mostre internazionali portano una maggiore visibilità, esperienza, e opportunità, e anche io credo che l'artista è un essere di tutti.”

16- Ho notato che alcune gallerie tradizionali attività di chiusura. Artisti stanno dando la preferenza ad esporre a spazi culturali. Secondo te quale sarebbe la causa?

“Le persone sono molto intelligenti, e la maggior parte delle gallerie sono congelati nel tempo con le loro collezioni polverose arenati, Hanno bisogno di essere più veloce e meno attenzione per gli artisti della collezione a mio parere… Con i social media semplicemente non trovare l'artista che non vuole. Le gallerie hanno bisogno di reinventare e rendere solide partnership e di collaborazione con gli artisti, e gli artisti devono avere l'etica e l'impegno per i galleristi… Credo che al giorno d'oggi è molto più ognuno per sé, e la mancanza piuttosto vinceremo insieme, invece di andare a vincere su di lui. Credo che bisogni Galleria artista e artista ha bisogno galleria.”

Sito web: www.atelierdesteves.com

Facebook: www.facebook.com/atelierdesteves

Instagram: @destevesartes

.

….

.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*