Casa / Art / Maikon K presenta prestazioni a SESC Belenzinho
Terrario - Danza Privé un portale interdimensionale. Foto: Lauro Borges.

Maikon K presenta prestazioni a SESC Belenzinho

Terrario - Prive DANZA IN UN PORTALE
Interdimensional parte del rapporto dell'artista con il corpo
specchi, luce e sabbia e prende un'esperienza sensoriale al pubblico

In Terrario - Prive ballo in un portale interdimensionale l'artista Curitiba Maikon K lavora al confine tra le prestazioni e la danza, teatro e rituale. L'azione fa presentazioni giorni 23, 24 e 25 Febbraio, Venerdì e Sabato alle 21:30 e Domenica alle 18:30.

Il fulcro dell'arte Maikon K è il corpo come fissatore di realtà ei confini tra umani e non umani. L'azione continua la ricerca dell'artista presente anche in DAN DI DNA, selezionati dall'artista Marina Abramovic di integrare l'esposizione Terreni comunali, nel mese di marzo 2015, SESC Pompeia, a São Paulo.

Strutturato in due parti distinte, la prestazione è circa osservare ed essere osservati, senza per questo lasciare tocco. Il nome dell'azione si riferisce al contenitore che ricrea le condizioni ambientali per l'allevamento e le piante, da cui è possibile osservare il comportamento degli esseri viventi all'interno.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

cubo nero

Nella prima parte Terrario - Prive ballo in un portale interdimensionale, Maikon K è in piedi e attende l'input da parte del pubblico. Sul pavimento di fronte, uno fatto con pezzi di superficie dello specchio. Retro della stanza, un cubo nero alto tre metri. L'esecutore si inginocchia e, mentre parla, una striscia abbigliamento. E poi esegue una danza sugli specchi: illusionismo erotico, corpo in frantumi, manipolazione biologica, ipnosi. "In questa fase, il focus è sul rapporto con gli specchi, la luce che viene riflessa e la musica ", Egli spiega.

in secondo luogo, Maikon K entra senza cubo. Questa scatola nera è allineato con la sabbia e specchi coprono le pareti. Un microfono è posizionato al soffitto ed i suoni prodotti all'interno del mozzo dagli altoparlanti fuori, manipolato dal musicista Beto Kloster. Il pubblico è collocato nella posizione del voyeur e guardare le prestazioni attraverso piccole finestre, scegliere dove si vuole guardare, catturando pezzi e riflessioni del corpo che ci si muove. Il gioco di specchi permette allo spettatore di creare diverse prospettive. L'artista si riferisce alla sabbia e dissotterra pezzi di abbigliamento: una cintura di cuoio e una gonna nera. "In questo Peep Show xamânico costruendo gradualmente una persona, emergenti attraverso la mia voce, respirazione e movimenti. Una serie di specchi in cui il pubblico osserva e si osserva anche. Contemplando l'aspetto e la morte di stati e immagini successive ", conto dell'artista.

Per Maikon K nel mondo attuale e webcam istantanee, cattura, Selezioniamo e offriamo la nostra immagine di una folla di occhi. Un'immagine che si sta diffondendo deselezionata, virale. "Siamo in grado di comunicare con il mondo da dentro la nostra camera, auto, bagno, prigione. E il mondo viene a noi, fibra ottica, sorbita dalle retine smaltate. Consumiamo un mondo di immagini, e siamo consumati da essa ", crederci.

La libertà di parola

Come campo sensibile delle esperienze, l'arte ha il potere di formare territori poetici eterogenei, dove coesistono la libertà di parola e le espressioni di varie libertà. Attraverso questa attività, SESC ribadisce il suo impegno per la cultura e l'istruzione, per far apparire produzioni e processi artistici che discutono concretamente la libertà di espressione, nella loro sovrapposizione con la libertà dei corpi - che ha bisogno di essere costruita in modo permanente.

A proposito di Maikon K

Naturale Curitiba - PR, 1982. Si lavora ai confini tra le prestazioni, danza e rito. Il focus della sua ricerca è il corpo come establisher di realtà e matrice simbolica. La sua formazione è iniziata nel 1997 le arti dello spettacolo e aggiunge diverse aree del sapere: laurea in Scienze Sociali (enfasi in Antropologia Theatre), tredici modi anni di ricerca di espandere la coscienza attraverso pratiche corporee e riti ancestrali in connessione con gli elementi della natura. In ghigliottina (2008) - musicale sciamanico-terrorista per un attore in classe - l'azione ha avuto luogo in una sala universitaria. In 2011, come artista residente Casa Hoffmann (Movimento Centro Studi), tenuto Gesto e Paesaggio Voice, in quel movimento integrato e suono vocale per generare forme archetipiche. In 2013, creato Corpo ancestrale, nel indagando la danza come un mezzo per raggiungere stati espansi di coscienza. Nello stesso anno debutta la danza-installazione DAN DI DNA, previsto dal Funarte premio Klauss Vianna 2012. Entrambe le opere indagano i confini tra umano e non umano. In 2015, creato una seconda versione Corpo ancestrale e ha debuttato Terrario - un portale interdimensionale ballo Privé, che utilizza specchi e materiali quali sabbia. Il vostro compito è di centrare il corpo e la vostra capacità di cambiare le percezioni, influenzato dalla visione del mondo sciamanico, in cui l'esecutore si svolge in diverse situazioni attraverso tecniche fisiche specifiche, da song, suono non-verbale, danza, Segni visivi e ritualizzata attività. In 2015, E 'stato invitato dalla performance di dell'artista Marina Abramovic per presentare DAN DI DNA in mostra Comunale Terra, in marzo / maggio 2015, SESC Pompeia. Per l'anno 2016, prepara il suo nuovo lavoro L'ano solare, insignito del Premio Funarte Myriam Muniz 2015 e ispirato dalla letteratura Bataille.

Per script:

Terrario - Prive ballo in un portale interdimensionale -Giorni 23, 24 e 25 Febbraio, Venerdì e Sabato alle 21:30 e Domenica alle 18:30, Mostra la stanza mi SESC Belenzinho. Design e prestazioni - K Maikon. Partners - Michelle Moura (drammaturgia); Fernando Tides (ambiente); Faetusa Tezelli (costume); monastero Beto (come); fábia Regina (luce); Lauro Borges (fotografia). Durata - 60 minuti. Raccomandato per le persone sopra 18 anni. Biglietti – R$ 20,00 (intero); R $ 10,00 (studente, server pubblico scolastico, + 60 anni, pensionati e persone con disabilità) e R $ 6,00 (completo delle credenziali: lavoratore di scambi di merci, Servizi e turismo a Sesc e dipendenti iscritti).

SESC BELENZINHO -Rua Padre Adelino, 1000 -Belenzinho (nei dintorni di stazione della metropolitana di Belém). Telefono: (11) 2076-9700. Accesso per persone disabili. Box office -Dal martedì al venerdì dalle 09:00 alle 21:30 e sabato, Domenica e festa di 09:00 alle 19:30 (biglietti in vendita in tutte le unità del SESC). Capacità della sala I Occhiali - 35 luoghi. Parcheggio – R$ 12,00 la prima ora e R $ 3,00 per ulteriore tempo e R$ 5,50 la prima ora e R $ 2,00 ora supplementare (completo delle credenziali). Prezzo promozionale per spettacoli serali pagati dalle 17h su presentazione del biglietto - R $ 15,00 e R $ 7,50 (completo delle credenziali).

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*