Casa / Art / MAM São Paulo presenta in anteprima il lavoro di Frederico Filippi nel suo Sculpture Garden

MAM São Paulo presenta in anteprima il lavoro di Frederico Filippi nel suo Sculpture Garden

L'opera effimera intitolata grande cobra avrà la forma di una catena di deforestazione, strumento utilizzato nel disboscamento nel territorio amazzonico, e farà il giro del Giardino davanti al museo




Il Museo di Arte Moderna di São Paulo MAM São Paulo – caratteristiche da 10 da dicembre un nuovo lavoro nel tuo giardino delle sculture, situato nel Parco Ibirapuera. Firmato dall'artista Frederico Filippi, gli site-specific grande cobra (2022) sarà un lavoro temporaneo, effimero, vista la sua composizione, che lo rende soggetto alle condizioni della vita quotidiana. L'iniziativa rientra nelle commemorazioni del 30 anni del MAM Sculpture Garden, da completare in 2023.

Nato a San Carlo, Interno di São Paulo, Filippi ora vive e lavora a San Paolo, e negli ultimi sei anni si è concentrato sui temi della frontiera tra il bosco e il progresso dell'industria. grande cobra è un lavoro che fa parte di una serie che ha sviluppato sui dispositivi di deforestazione. “La mia ricerca artistica è iniziata in relazione agli attriti tra matrici di civiltà diverse dopo l'invasione dell'America e nel tempo mi sono interessata a questo luogo situato al centro di quel continente., e questo è un luogo di contesa, che produce molta cupidigia”, commenta.




Da 2016, l'artista lavora a progetti di costruzione di comunità nella regione amazzonica e nel sud-est del Brasile. Questa vicinanza al territorio ha portato la sua ricerca verso studi su questa “frontiera della deforestazione”, mentre chiama.

In opere precedenti sviluppate da quello stesso luogo, Federico ha portato riflessioni sugli strumenti utilizzati nel processo di deforestazione, come i machete, catene per motoseghe e parti di macchinari. L'opera nel MAM Sculpture Garden avrà la forma di una grande catena, dispositivo utilizzato come tecnica di disboscamento ostensivo nei boschi.grande cobra sarà una replica a grandezza naturale di questa catena che si collega a due trattori alle sue estremità, abbattere la vegetazione in modo rapido e brusco.

la grande catena, che occuperà un ampio spazio nel giardino creato da Burle Marx davanti al museo, sarà fatto di adobe, materiale ampiamente utilizzato nella bioedilizia – una tradizionale tecnica di costruzione in argilla come, per esempio, il canniccio e il daub – e sarà ospitato a forma di arco tra gli alberi nell'area esterna del museo.



Composto da argilla e fibre vegetali, adobe è un materiale a basso impatto ambientale. Ognuno di 180 le maglie della catena saranno modellate da questa miscela. I pezzi, tuttavia, non passerà attraverso il normale processo di masterizzazione, si asciugherà solo alla luce del sole, ottenendo un aspetto immaginario molto simile al ferro ossidato. per non essere bruciato, il materiale deve sfaldarsi a causa di fattori naturali e quotidiani, come la pioggia e il vento.

L'artista sottolinea che “l'opposizione di elementi naturali e industriali (serpente/catena, argilla/acciaio) costituisce il concetto di minaccia e successiva deposizione”. Secondo Federico, esiste, pertanto, un contrasto che si rivela anche nella percezione dell'opera da parte del pubblico, che a priori si può dimostrare essere costituito da un materiale (ferro ossidato) e se guardato più da vicino, viene mostrato qualcos'altro (adobe). “Queste discrepanze sui temi sono molto importanti anche per il lavoro”, dice l'artista.

“Opera di Federico Filippi, dall'argilla, materia prelevata dalla terra e che ad essa ritornerà, ci permette di riflettere sulle perverse tecniche di deforestazione attualmente praticate. Nel momento critico in cui si trova il pianeta Terra, dal punto di vista della crisi ambientale, l'opera contribuisce a richiamare l'attenzione su una questione urgente e fondamentale per il mantenimento della biodiversità e della vita in generale”, riflette Cauê Alves, capo curatore del MAM San Paolo.

Ricevi notizie da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Informazioni sul giardino delle sculture MAM

In 1993, gli Museo di Arte Moderna di São Paulo ha inaugurato il Giardino delle sculture con opere della sua collezione e del Municipio di San Paolo. L'iniziativa ha creato uno spazio unico e diversificato per la città, già abituato alle opere d'arte negli spazi pubblici, oltre, ora, ha ricevuto una mostra all'aperto nel parco più visitato del paese. The Sculpture Garden segna un'iniziativa che ha fatto rivivere la collezione MAM nel proprio spazio, gratuito e con un gran numero di persone – un percorso che si completa 30 anni in 2023.

Il progetto paesaggistico è stato commissionato per l'ufficio dell'iconico architetto paesaggista Burle Marx. Al giardino MAM, Burle Marx ha creato la propria logica per la disposizione dei volumi artistici con caratteristiche moderne, e combinato il paesaggio, i volumi delle opere e gli intervalli in una fruizione carica di un'apparente informalità delle curve, avvicinandoti all'architettura di Oscar Niemeyer intorno a te, in particolare nel tendone e in Oca.

Le opere formano un gruppo eterogeneo, che mostra in modo asimmetrico un taglio importante della produzione tridimensionale dell'arte contemporanea brasiliana, incentrato sulla seconda metà del XX secolo. In gran parte, questo deriva dalla sua stessa storia di conformazione, poiché alcune delle opere sono state lascito di diverse biennali e altre sono state aggiunte man mano che il MAM ha potuto intervenire nello spazio. Così, per esempio, prossimi lavori come fantastica jeep, di Mario Garofano, che ha partecipato alla V Bienal de São Paulo – integrando il padiglione Bahia di Lina Bo Bardi –, con lavori in acciaio José Resende, donato a MAM di Itau Cultural, che si snoda nello spazio. In un'altra situazione simile, c'è la scultura in granito di Lélio Coluccini, La cacciatrice, appartenente alla città di São Paulo, vicino ad opere cariche di razionalità costruttiva, come le sculture di Amilcar de Castro e Franz Weissman.

La diversità delle origini e delle produzioni conferisce al Giardino una rilevanza individualizzata nel paesaggio del Parco, che ha mobilitato più volte il MAM su questi 30 anni. Sono state apportate modifiche all'insieme delle opere esposte, alla fine si sono svolte mostre temporanee, importanti restauri e progettazione illuminotecnica, oltre alla perenne rappresentazione dell'Educativo do mam in questo spazio.

Maggiori informazioni sul set di 30 I lavori di giardinaggio sono disponibili presso sito web del museo.

A proposito di MAM San Paolo

Fondata nel 1948, il Museo d'Arte Moderna di San Paolo è una società civile di interesse pubblico, senza scopo di lucro. La sua collezione ha più di 5 mille opere prodotte dai nomi più rappresentativi dell'arte moderna e contemporanea, principalmente brasiliano. Sia la collezione che le mostre privilegiano lo sperimentalismo, aprendosi alla pluralità della produzione artistica mondiale e alla diversità di interessi delle società contemporanee.

Il Museo mantiene una vasta gamma di attività che includono corsi, seminari, lezioni, spettacoli, spettacoli musicali, sessioni video e pratiche artistiche. Il contenuto delle mostre e delle attività è accessibile a tutti i pubblici attraverso visite guidate in sterline, audio descrizione delle opere e video guide in Libras. la collezione di libri, giornali, documenti e materiale audiovisivo è formato da 65 1000 titoli. Lo scambio con le biblioteche dei musei in diversi paesi mantiene viva la collezione.

Situato nel Parco Ibirapuera, l'area verde più importante di San Paolo, l'edificio MAM è stato adattato da Lina Bo Bardi e ha, oltre le sale espositive, con studio, Biblioteca, auditorium, ristorante e un negozio dove i visitatori trovano prodotti di design, libri d'arte e una linea di oggetti a marchio MAM. Gli spazi del Museo sono visivamente integrati nel Giardino delle Sculture, progettato da Roberto Burle Marx per ospitare le opere della collezione. Tutte le strutture sono accessibili ai visitatori con bisogni speciali.

Servizio
Inaugurazione dei lavori grande cobra, di Federico Filippi
Local: Giardino delle Sculture al Museo d'Arte Moderna di San Paolo
Apertura: 10 Dicembre, Sabato, dalle 11.00
Biglietti: Gratuito al MAM Sculpture Garden
Indirizzo: parco Ibirapuera (AV. Pedro Álvares Cabral, s / nº – cancelli 1 e 3)
Orari: Dal martedì alla domenica, das 10h às 18h (con ultimo ingresso alle 17:30) 
Telefono: (11) 5085-1300
Accesso per persone con disabilità
ristorante/bar
Aria condizionata

www.mam.org.br/MAMoficial
www.instagram.com/MAMoficial
www.twitter.com/MAMoficial
www.facebook.com/MAMoficial
www.youtube.com/MAMoficial

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*