Casa / Art / L'African Film Festival lancia Revista Crítica lo stesso giorno 15 Aprile

L'African Film Festival lancia Revista Crítica lo stesso giorno 15 Aprile

La pubblicazione online gratuita raccoglie recensioni, saggi e profili sul cinema del continente africano e della sua diaspora

La Festival del cinema africano lancia in giornata 15 Aprile (Venerdì) la pubblicazione elettronica Rivista di critici cinematografici africani. per il tuo debutto, erano radunati 20 testi, tra le critiche, saggi e profili, nonché traduzioni in portoghese di pubblicazioni specializzate. O site também recupera entrevistas em vídeo feitas com cineastas africanos realizadas dentro da Mostra. L'opera è visionabile all'indirizzo cinemasafricanos.com.br.





La compilazione dei testi rivela la diversità dell'estetica, Narrazioni e stili cinematografici africani, sia classico che contemporaneo. Molti dei titoli analizzati sono stati mostrati dal Festival del cinema africano, come l'Uganda “La ragazza con la felpa gialla”, o nigeriano “Storie di Juju”, e i kenioti "Tesoro" e “Supa Modo”. Altre funzioni disponibili in Brasile, come il franco-senegalese "Atlantico" e o angolano "Aria condizionata", compaiono anche nelle recensioni. Film già considerati dei classici, come "Africa sulla Senna” e Touki Bouki anche ottenere risalto.

Spazio dedicato alla cinematografia del continente africano e della sua diaspora, al Nasce Critical Magazine con l'obiettivo di contribuire alla riduzione dell'invisibilità di queste produzioni nei circuiti di critica e giornalismo culturale in Brasile. “Consideriamo la critica uno spazio importante per la produzione di conoscenza e valore sui prodotti culturali, e crediamo che i cinema africani manchino ancora di questo spazio specializzato in Brasile”, valuta il ricercatore bahiano Ana Camila Esteves, editore di progetto.

“Cerchiamo anche di avvicinare i critici brasiliani alle cinematografie africane, da quando questi film hanno occupato sempre più spazio nei festival cinematografici, diventando accessibile a un pubblico più ampio”, spiega Ana, chi è curatore di Festival del cinema africano e autore di altre pubblicazioni sull'argomento. “Pertanto, produrre conoscenza su questi prodotti è fondamentale per collocare i cinema africani nel contesto del cinema mondiale, creare spazi di discussione e dibattiti, oltre a produrre memoria sui film”, si conclude.

Sono stati invitati critici da tutto il Brasile, come Lorena Roccia (BH), Gabriel Araújo (BH), Luiz Santiago (RJ), Juliana Costa (RS), e la collaborazione di ricercatori come Leticia Santinon (SP), Analu Bambirra (PR) e Marcelo Esteves (RJ). Tra gli ospiti spiccano i nomi di Bahia, come Rafael Carvalho, Amanda Aouad, Wanderley Teixeira, Lucas Ravazzano, oltre ai ricercatori Giudice Oliveira, Moschea di Laiz, Evelyn Sacramento, Cristina Mariani, Detoubab Ndiaye e Marcelo Ribeiro.

Il debutto del magazine online è accompagnato dal rilancio del memoriale in onore del professore Maometto Bamba (1966-2015), ricercatore nato in Costa d'Avorio che ha contribuito immensamente alla ricerca sui cinema africani in Brasile e in portoghese negli ultimi anni. 10 anni della tua vita. Il memoriale racconta un po' della sua storia e raccoglie tutte le pubblicazioni dell'autore, disponibile per la consultazione.

Questo progetto ha ricevuto il Premio Riachão – Small Size Projects, dalla Fondazione Gregorio de Mattos, Municipio di Salvador, attraverso l'Aldir Blanc Cultural Emergency Act, a cura della Segreteria Speciale per la Cultura del Ministero del Turismo, Governo federale.

Servizio
Lancio online della pubblicazione Revista Crítica de Cinemas Africanos
Quando: 15 Aprile 2022 | Gratis
Sito: cinemasafricanos.com.br

A proposito del Festival del cinema africano

L'African Film Festival è stato concepito nel 2018 di Ana Camila Esteves (Brasile) e Beatriz Leal Riesco (Spagna) e ha già proiettato oltre un centinaio di cortometraggi e lungometraggi di vari filoni del cinema africano. L'approccio curatoriale soddisfa la domanda del pubblico brasiliano di film recenti prodotti in Africa e nella sua diaspora, e la promozione di questa cinematografia ancora in gran parte invisibile. L'Esposizione è già circolata in tutto il Brasile in città come San Paolo (SP), Salvatore (BA), Porto Alegre (RS), Aracaju (SE) e Poços de Caldas (MG), oltre ad avere tre edizioni online, con film diretti da registi di tutte le regioni del continente africano. I curatori seguono le traiettorie dei film africani nei più importanti festival cinematografici del mondo. Questa è la seconda edizione dell'African Film Festival in collaborazione con Sesc São Paulo.

A proposito di Ana Camila Esteves

Ana Camila Esteves è laureata in Comunicazione con Abilitazione in Giornalismo presso la Facoltà di Comunicazione dell'Università Federale di Bahia (2009) con la ricerca sul cinema d'autore del regista spagnolo Julio Medem. Master in Comunicazione con specializzazione in Cinema presso il Corso di Laurea in Comunicazione e Cultura Contemporanee dell'UFBA (2012), con una ricerca sul cinema d'autore in una prospettiva di analisi narrativa. Attualmente sta sviluppando ricerche nell'ambito del suo dottorato sul cinema africano contemporaneo nello stesso programma. È co-fondatrice e curatrice della Mostra de Cinemas Africanos e curatrice collaboratrice dell'Africa in Motion Film Festival. (Scozia). Ha pubblicato articoli e saggi sul cinema africano in diverse riviste e cataloghi., e ha co-curato l'e-book Cinema africano contemporaneo: approcci critici (Sesc São Paulo) con Justiele Oliveira in 2020. Classi e corsi facilitati su vari argomenti della cinematografia africana nell'ambito dell'African Film Festival, da Cine Africa, dal Sesc San Paolo, della Scuola Superiore di Pubblicità e Marketing (ESPM) Sao Paulo, da Ulbra – Università luterana del Brasile, fare GT Africa RS, da Unicamp e Intercom – Congresso Brasiliano di Scienze della Comunicazione, oltre ad essere professore in visita presso la School of Arts dell'Università di Londra (Inghilterra), e na Facoltà di Media + Art + Spettacolo da Università della Regina (Canada).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*