Casa / Art / Il museo virtuale interattivo riunisce la vita e l'opera del pittore José Antonio da Silva

Il museo virtuale interattivo riunisce la vita e l'opera del pittore José Antonio da Silva

Con visualizzazione tridimensionale e audio integrato 360 gradi immersivi, la piattaforma digitale con azioni gamificate va in diretta da mercoledì (1º/2) con raccolta digitalizzata in alta definizione di 69 dipinti, 16 sculture, 27 collage, fotografie, lettere e oggetti personali dell'artista autodidatta di origine contadina che visse a São José do Rio Preto (SP) ed è stato scoperto in 1946

Annuncio

da questo mercoledì, 1febbraio, il pubblico potrà visitare il Museo Virtuale Silva sem Fronteiras, dedicato alla vita e all'opera del pittore José Antonio da Silva (1909-1996), considerato uno dei più importanti artisti primitivi brasiliani del XX secolo. 20, definito moderno in tutto il mondo.

Su una piattaforma digitale interattiva con azioni gamificate, dove i visitatori possono esplorare i materiali in vari modi, gli museo virtuale fornisce visualizzazione tridimensionale e suono in 360 gradi immersivi. Ciò consente un'esperienza di visita online completa., che è gratuito e di facile accesso da qualsiasi dispositivo con internet, come computer, smartphone, tablet e occhiali per realtà virtuale.

Annuncio

La piattaforma si riunisce 69 dipinti, 16 sculture, 27 collage, oltre alle fotografie, lettere ed effetti personali del poliedrico artista che fu anche scultore, progettista, scrittore e pentito. Il materiale digitalizzato appartiene alla collezione del Museo d'Arte Primitivista José Antonio da Silva (CARTA GEOGRAFICA), situato a São José do Rio Preto (SP), dove Silva trascorse la maggior parte della sua vita e fece scoprire la sua arte, attrezzature collegate alla Segreteria Comunale della Cultura. L'iniziativa è del collettivo Robo.Art, coordinato da Vinicio Dall'Acqua, gruppo di artisti con sede in città, ed è curata dal professore e ricercatore Romildo Sant'Anna, studioso dell'universo dell'artista e direttore di MAP fino a 2019.

Il percorso espositivo si compone di sei stanze virtuali che consentono la suddivisione delle serie pittoriche, come il 14 quadri che compongono le “Storie di São José do Rio Preto” (1966). una delle stanze, intitolato "Memoria", rivela la traiettoria dell'artista attraverso immagini fotografiche e oggetti personali. Un altro degli spazi contiene una conferenza esclusiva del curatore sulla vita e il lavoro dell'artista.. Nel processo di scansione, sviluppato in uno studio allestito in loco presso il museo stesso, sono state utilizzate foto di alta qualità dei dipinti con regolazioni della profondità e della luminosità della trama. per le sculture, È stata applicata la risorsa di fotogrammetria 3D, che permette una dimensione fisica dell'oggetto.

Annuncio

Il tour interattivo del Museo Virtuale Silva sem Fronteiras si svolge sulla base delle informazioni fornite dalle audioguide, sviluppato dal poliartista Jef Telles e raccontato dallo stesso curatore, che porta il suo occhio critico e le sue esperienze personali ad accompagnare il pittore dagli anni '90 1970 fino alla tua morte, mentre l'alta fedeltà della digitalizzazione consente di visualizzare le trame delle tele e le pennellate. Inoltre, il pubblico entra in contatto con la dimensione reale delle opere, Volta, quando si accede alla piattaforma, ogni visitatore sceglie un avatar di dimensioni standardizzate per simulare una visita fisica. Quando si cammina per le stanze, i visitatori potranno utilizzare i tasti freccia oi tasti “W”., "UN", “S” e “D” e rotazione del mouse, come nei giochi, o semplicemente il “tocco" fare smartphone.

Durante tutti i fine settimana di febbraio, tre ore al giorno, un educatore sarà online in tempo reale per guidare all'utilizzo della piattaforma e rispondere a qualsiasi domanda sul pittore. Il pubblico sarà invitato a compilare una scheda che racconta l'esperienza, che servirà da base per eventuali aggiustamenti futuri.

Dall'Acqua osserva che il Museo Silva, come è noto, manca di riconoscimento come patrimonio storico-culturale da parte della popolazione di riopretense e l'applicazione di mezzi tecnologici può contribuire all'espansione dell'accesso e alla sua dovuta importanza e anche alla conservazione della collezione. “La creazione del museo virtuale parallelo annulla i limiti fisici delle disposizioni geografiche alle opere e alla collezione dell'artista. pur contenendo 106 opere catalogate, molti non sono in mostra al Museo di Arte Primitiva a causa dello spazio limitato.. Perché è stato sviluppato per l'ambiente virtuale, l'ampliamento del Museo Virtuale Silva sem Fronteiras consente una mostra completa”. L'idea è di ampliare la collezione digitale in futuro, compreso l'inserimento di pezzi provenienti da collezioni private.

Ricevi notizie da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Il progetto del Museo Virtuale Silva sem Fronteiras è reso possibile da ProAC Editais, dal Segretariato della Cultura e dell'Economia Creativa del Governo dello Stato di San Paolo, nella modalità “Musei e collezioni, riforma, espansione e modernizzazione.

A proposito di Silva

Nato a Sales de Oliveira, di origine contadina e poco scolarizzata, Silva era autodidatta. In 1946, alla mostra inaugurale della Casa della Cultura di São José do Rio Preto, i suoi dipinti hanno attirato l'attenzione dei critici Lourival Gomes Machado (1917-1967), Paolo Mendes de Almeida (1905-1986) e il filosofo João Cruz e Costa (1904-1978). Nella prima mostra personale, due anni più tardi, alla Galleria Domus, a São Paulo, l'allora direttore del MASP, Pietro Maria Bardi, acquistò i suoi quadri e ne depositò parte nella collezione del museo. In 1951, 1 ° Biennale Internazionale di San Paolo, Ha ricevuto il premio per l'acquisizione dal MuseumofModernArt (MoMA) de Nova York. In 1966, vince la Sala Especial alla 33a Biennale di Venezia e registra due LP, con composizioni proprie.

Nello stesso anno, a São José do Rio Preto, ha creato il Museo Civico di Arte Contemporanea, con pezzi della sua collezione personale. mantenne il museo fino al 1979, quando sei andato in pensione. In 1980, quando vivevo già a San Paolo, fu fondato il Museo di Arte Primitiva José Antonio da Silva, con opere dell'artista e pezzi del vecchio museo da lui fondato. In 2012, le strutture sono state trasferite nello storico edificio dell'ex biblioteca comunale, dove lavori. Tra i suoi libri pubblicati, è “Maria Chiara” (1970), preceduto dal critico letterario Antônio Candido (1918-2017).

Iscriviti per ricevere prima le notizie sugli eventi e l'universo delle arti!

“Silva ha concepito scene drammatiche, fiducioso, segreterie telefoniche, meditativo, deprimente, testi, pieno di profonde emozioni. Forse perché è incompreso nella sua città, aveva fretta di portare le sue tele agli occhi dell'esterno. Pensavo che essere un sognatore significa credere in qualcosa che non ha bisogno di esistere., nota il curatore del Museo Virtuale Silva sem Fronteiras. Sant'Anna sottolinea l'importanza dell'artista in quanto fu il primo primitivista brasiliano ad entrare nel circuito artistico nazionale con quel soprannome. Osserva, ancora, che la sua produzione va oltre i limiti della cosiddetta arte primitivista, ingenuo o popolare. “Silva stesso si considerava un espressionista, un surrealista, rifiutò di essere etichettato come primitivista, ciò che considerava al di sotto del suo lavoro.

Il critico P.M.. Bardi divide la pittura di Silva in quattro fasi e definisce una caratteristica comune a tutte: il movimento. “Le sue tele aprono ad ampi spazi, che appare in primo piano nella scena – teatro, danza, animali, piantagioni di caffè e gli infiniti campi di cotone (…) La spontaneità dell'artista nell'astrarre i dettagli attira l'attenzione: file di punti bianchi ricordano la fioritura del cotone, e le linee nere sparse su uno sfondo color terra sono autentici tronchi abbattuti”, annotato, il 1981.

Informazioni su Robo.Art

Creato nel 2018, a São José do Rio Preto, Robo.Art è un gruppo di ricerca e produzione artistica in più lingue, gestione e produzione di progetti culturali. Composto da sei artisti provenienti da diverse aree (Vinicius Dall’Acqua, Elissa Pomponio, Gustavo Aronne, Vinicio francese, Fabiana Pezzotti, José Vitor Gomes e Eric Barbosa), attualmente sviluppa lavori all'interno di vari segmenti artistici, con un'enfasi sulle arti audiovisive e sui loro aspetti, arti plastiche, interventi e performance basati sulla ricerca di nuove piattaforme e sull'uso della tecnologia.

FACTSHEET:

Coordinamento generale e artista 3D: Vinicius Dall’Acqua
A cura di: Romildo Sant'Anna
Produzione esecutiva e comunicazione visiva del museo: Elissa Pomponio
Produzione e regia di audioguide: Jef Such
educativo: Gustavo Aronne
Fotografia e videografia: Produttore Abete
orientamento scenografico: Leo Bauab
attore e narratore: Glauco Garcia
Ufficio stampa: Graziela Delalibera

SERVIZIO:

Museo Virtuale Silva sem Fronteiras
visita libera, dal 1 febbraio 2023
Dove: www.robo.art.br/museu-virtual-silva-sem-fronteiras
Accesso da dispositivi abilitati a Internet come un computer, smartphone, tablet e occhiali per realtà virtuale

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*