Casa / Art / Rio de Janeiro vista ad occhio nudo di Rogério Reis
Bagnanti a Praia Vermelha con il Pan di Zucchero. Foto: Rogério Reis.
Bagnanti a Praia Vermelha con il Pan di Zucchero. Foto: Rogério Reis.

Rio de Janeiro vista ad occhio nudo di Rogério Reis

il titolo perfetto “occhio nudo”, si configura in una grande metafora per un artista sempre spregiudicato, inquieto, multidisciplinare, disposti a creare e ricreare, unendo magistralmente temi diversi nel suo lavoro coerente ed esteso.

Juan Esteves – critico fotografico e curatore

occhio nudo – Rogério Reis (Instituto Olga Kos, 2021), 160 pagine, R $ 120,00, è il nuovo? libro dal famoso fotografo Rogério Reis, in uscita in libreria a settembre. La bella pubblicazione curata dai fratelli João e Kiko Farkas, riunisce una panoramica coerente del lavoro di Rogério, la cui traiettoria segna circa 40 anni ininterrotti.





Tutto in bianco e nero, bilingue (inglese portoghese), occhio nudo è suddiviso in opere famose di Rogério Reis, come su tela, nessuno è di nessuno, momenti della sua lunga carriera di fotoreporter che porta immagini storiche come il bellissimo ritratto di Carlos Drummond de Andrade (1902-1987), di 1982, quando il poeta finì 80 anni, prodotto per Jornal do Brasil (JB), i surfisti del treno della filiale Japeri di Rio de Janeiro, lavoro di ripercussione internazionale, all'Agenzia F4, tra le altre splendide immagini per le strade e le spiagge di Rio de Janeiro, tante nuove come le suore di Leblon, RJ, che rimandano al momento decisivo bressoniano. occhio nudo lui fa, pertanto, un bellissimo omaggio alla street photography, ampiamente utilizzato nel XX secolo e un po' dimenticato con la digitalizzazione delle immagini. "Questo libro per me è una riunione editoriale con la street photography" dice Rogério Reis.

Il libro mostra al lettore Rio de Janeiro così com'è. Il fotogiornalismo fattuale emerge con forza anche in immagini forti. Nella prima pagina del libro, il lettore ammira una splendida immagine della città che incanta il mondo per i suoi paesaggi suggestivi. Nella seconda pagina il lettore può già trovare la foto scioccante della polizia all'interno di un caveirão. Ci sono fotografie sensuali profonde e immagini forti che riaffermano il passaggio da una semplice situazione giornalistica ad una realtà assolutamente sintetica. “La somma di questi piccoli riassunti, attraverso look che chiameremo editoriali, di editori, compone un tutto, che all'improvviso chiameremo l'universo, una visione personale di una città.” dice João Farkas, editore di libri.

Con fantasia editoriale, il libro porta, ancora, il record di a stimolante conversazione dell'autore con l'editore del libro, il fotografo di San Paolo João Farkas; l'artista e insegnante del Pará Mayra Rodrigues; il fotografo di San Paolo Edu Simões; il giornalista e professore di Rio de Janeiro Rosental Alves; La storica di Rio de Janeiro Ana Mauad e lo storico di Rio Maurício Lissovsky, un cast stellare di produzione artistica e pensiero, di immagine fotografica e storia sociale brasiliana.

Olho Nu è uno di quei libri che diventa un sogno di consumo per ogni scaffale.

Tutti gli importi raccolti dall'autore dalle vendite di libri nelle librerie saranno devoluti a un progetto sociale nella città di Rio.

Rogério Reis è nato a Rio de Janeiro, il 1954, dove vivi e lavori ancora. Si è laureato in giornalismo presso l'Universidade Gama Filho in 1978, quando già da un anno lavoravo come fotografo per il Jornal do Brazil. Ho avuto un breve periodo sul giornale Il globo l'anno successivo, prima di tornare a Jornal do Brazil, dove è rimasto tra 1980 e 1982, passare alla rivista più tardi Guardi, con cui ha collaborato negli anni del 1983 e 1984. Tra 1985 e 1989 faceva parte della sezione di Rio de Janeiro dell'agenzia F4 e, alla fine del 1989 fondato, con Claus Meyer e Ricardo Azoury, l'attuale collezione Tyba, in cui lavora fino ad oggi. Era editor di foto presso Jornal do Brazil nel periodo tra 1991 e 1996. In 2002 il suo ritratto del poeta Carlos Drummond de Andrade seduto sulla spiaggia di Copacabana è stato la base per una scultura di Leo Santana che oggi è uno dei riferimenti turistici di Rio de Janeiro. Rogério ha ispirato il personaggio del fotografo con lo stesso nome nel film Città di Dio, di Fernando Meirelles, basato sul libro di Paulo Lins.

Rogério Reis. Foto: Divulgação.

Rogério Reis. Foto: Rivelazione.

Dice che la fotografia è apparsa nella sua vita quando era ancora un adolescente, per influenza dell'ambiente della controcultura, dove allora venivano ricercate professioni meno convenzionali. Sulla scia delle Domeniche del Creato, il Museo d'Arte Moderna, Rio de Janeiro (MAM-RJ), esperienza molto importante sviluppata dal critico di Minas Gerais, Frederico de Morais, Rogério ha preso lezioni con l'ungherese George Racz, nei laboratori di fotografia del Blocco Scolastico di questo museo, nei primi anni 70, e successivamente nei corsi del fotografo americano Dick Welton, che ha lavorato per la rivista Manchete, di Bloch Editore. L'opera di Rogério è presente in importanti collezioni come: Biblioteca Nazionale di Francia, Parigi (2021); Museo del Parco delle Arti Contemporanee di Chengdu, Porcellana (2017), National History Museum, Rio de Janeiro (2017), Museo Nazionale di Belle Arti, Buenos Aires (2016), MAR-Museo d'Arte di Rio (2015), Maison Européenne de la Photographie, Parigi (2014, 2012, 2010 e 2008), MAM-Museo d'Arte Moderna, Rio de Janeiro (2002), MAM-Museo d'Arte Moderna, Sao Paulo (1999), Collezione Douglas Nielsen al Tucson Museum, USA (1996), Collezione MASP/Pirelli, Sao Paulo (1995).

Occhio nudo – Rogério Reis – 160 pagine, R $ 120,00
Edizione bilingue portoghese e inglese
Fotografie di Rogério Reis, Testo João Farkas, A cura di João Farkas e Kiko Farkas, Design di Kiko Farkas/Studio Machine, Digitalizzazione ed elaborazione delle immagini di Mayra Rodrigues/Tyba, prestampa e stampa Ipsis Graphics, su carta Couché Matte.
Sponsorizzazione: Instituto Olga Kos, 2021
Distribuzione: Martins Fontes

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*