Casa / In evidenza / Per mancanza di incoraggiamento, il mondo rischia di rimanere senza menti brillanti

Per mancanza di incoraggiamento, il mondo rischia di rimanere senza menti brillanti

In occasione della Giornata mondiale della proprietà intellettuale, il neuroscienziato e filosofo Fabiano de Abreu propone una riflessione su un periodo nuvoloso che si sta avvicinando lì senza che le persone osservino la gravità di questa situazione.

“L'era in cui viviamo riflette il cambiamento dei costumi, due abitudini, cambiare il panorama culturale e intellettuale. Secondo me, stiamo perdendo molto lavoro intellettuale, non solo prendendo le distanze dai veri valori della conoscenza, ma principalmente a causa della mancanza di incentivi e del mancato riconoscimento ". Questa triste osservazione è osservata dal neuroscienziato e filosofo Fabiano de Abreu e ritrae come il mondo abbia subito profondi cambiamenti quando si tratta di incoraggiare la ricerca e le pubblicazioni specializzate in campo accademico-scientifico.

secondo Abreu, il mondo globale si appropria molto rapidamente delle buone idee, di buone teorie, studi rivoluzionari e li consegna a un mondo virtuale inarrestabile. Cosa succede oggi, lui guarda, è che "anche se registrato, molte idee vengono rubate, sono appropriati, vengono utilizzati senza il dovuto credito. Nell'era della mancanza di originalità e copia, l'unica via d'uscita è investire in proprietà intellettuale registrandosi come ISSN, ISBN, DOI, tra gli altri che convalidano l'idea come una proprietà unica ".

Tuttavia, è importante ricordare che il social network non è un record e molte buone idee vengono gettate nella spazzatura attraverso di esso, riflette Fabiano. “Non avremo più Aristotele, Nietzsche, Freud, Einstein, altri. Nemmeno Steve Jobs con tante buone frasi riesce ad essere un'icona filosofica per tutta la diffusione senza credito. È sempre più difficile essere un nome per restare nel tempo come particelle nella storia della vita ", analizza.

Un altro grave problema dei tempi presenti, sottolinea il neuroscienziato, è che “c'è una frustrazione da parte di molti intellettuali quando vedono il loro lavoro utilizzato, essere modificato, essere distribuito senza riconoscere il vero autore, que deu o seu tempo à análise e à pesquisa. D'altronde, viviamo in una società troppo pigra per preoccuparsi delle vere fonti, con la vera origine. Quindi, ha origine una catena infinita di appropriazione, uno dopo l'altro, senza responsabilità nella maggior parte dei casi ", la Zecca.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Bisogna ricordarlo, “Il lavoro intellettuale mira a trasformare, essere un motore di cambiamento e, ovviamente chi investe vuole essere riconosciuto o, altrimenti inizia a non condividere le informazioni ", sottolinea Abreu.

Vittima di questa situazione così comune oggi, Fabiano de Abreu si rammarica che molte delle sue frasi pubblicate siano state rubate e pubblicate poiché scritte da chi le ha pubblicate. “In una rete pubblica come il social, la sfacciataggine raggiunge il livello narcisistico del potere assoluto. Ma spetta a noi cercare modi legali per mantenere la nostra proprietà, non per vanità, ma per merito e insegnamento ".

Tuttavia, di fronte a questa controversia, le domande del neuroscienziato: "Che ricompensa hai per una buona idea, se un altro che non ce l'ha lo ruba e lo sparge? Quando vedo una mia frase pubblicata senza menzionare il mio nome, penso, lieto che ti sia piaciuto. Ma il mio nome? Non so che fosse mio. Ma allora cosa? Da dove viene questo, ne verranno fuori molti altri e le frasi sono per un intero, come una nebulosa nello spazio che genererà una quantità infinita di ciò che è nuovo, di conoscenza ma quello, in ogni caso, il merito dovrebbe essere assegnato ", completare.

In occasione della Giornata mondiale della proprietà intellettuale, il neuroscienziato e filosofo Fabiano de Abreu propone una riflessione su un periodo nuvoloso che si sta avvicinando lì senza che le persone osservino la gravità di questa situazione. “L'era in cui viviamo riflette il cambiamento dei costumi, due abitudini, cambiare il panorama culturale e intellettuale. Secondo me, stiamo perdendo molto lavoro intellettuale, non solo prendendo le distanze dai veri valori della conoscenza, ma principalmente a causa della mancanza di incentivi e del mancato riconoscimento ". Essa triste constatação é observada pelo neurocientista e filósofo Fabiano de Abreu e retrata bem como o mundo…

Score

Eccellente!!

Conclusione : Vota l'articolo! Grazie per la vostra partecipazione!!

Voto Utenti : 4.9 ( 1 voti)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*