Casa / Art / Roulien Boechat presenta la mostra “L'amaro dello zucchero”

Roulien Boechat presenta la mostra “L'amaro dello zucchero”

Roulien Boechat presenta la mostra “L'amaro dello zucchero”, dove porta personaggi dei lussuosi cabaret e bar del Recôncavo Baiano dei signori delle piantagioni di zucchero, dipinto dall'artista al buio, utilizzando la tecnologia di illuminazione.

La spettacoli, creato da EntreArte, può essere visitato presso il Centro Culturale Correios RJ, da 01/12, a cura di Carlos Bertão, e design espositivo e illuminazione di Alê Teixeira.




EntreArte presenta la mostra “Lo zucchero amaro”, di Roulien Boechat, della quale, così come un artista visivo autodidatta, un fotografo, storico, specializzata in Storia del Brasile e Arte, e progettista d'interni.

La mostra porta opere dell'artista che ritraggono i personaggi dei cabaret e dei lussuosi bar del Recôncavo Baiano, dai ricordi di sua nonna, dai racconti di Jorge Amado e Gilberto Freyre, e mercanti di schiavi, che hanno assunto una vita propria nei dipinti su tela, in cui usa una tecnica mista, come il bitume, consistenza e inchiostro a base d'acqua.

Una delle tecniche che Roulien ha imparato e sviluppato negli anni, educando la tua visione, è dipingere praticamente nella penombra, in altre parole, quasi al buio, con una luce gialla ovunque provenga la luce riflessa.




A causa del college di design, si è specializzato in illuminotecnica e ha studiato i colori caldi e freddi. Questa tecnica cambia la percezione dello spettatore, provoca la sensazione che tu stia davvero progettando un ambiente per il personaggio.

L'ispirazione per questa mostra è arrivata quando Roulien ha svolto ricerche sul campo e si è interessato alle letture di Jorge Amado (“Nel Paese del Carnevale”, altri) e Gilberto Freyre ('Casa Grande e Senzala'). Sua nonna era di Bahia, è venuto a Rio con due bambini, uno di loro tuo padre, mettendo insieme le storie che sentivo dai due, non solo la vita quotidiana del Recôncavo Baiano, come persone vere.

Molti degli amici di tua nonna erano bianchi, e ha detto che le loro madri e nonne venivano dal Portogallo, portato dai mercanti di schiavi. Sulla stessa nave arrivarono gli orfani portoghesi, commerciato con gli schiavi, pur essendo bianco, ma che vivevano negli orfanotrofi e venivano con l'intenzione di "servire".’ al signore dell'ingegno.

Ricevi notizie da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Queste ragazze avevano appena raggiunto la maggiore età e già frequentavano i locali più lussuosi, come accompagnatori, perché per l'uomo bianco e proprietario terriero, erano belli e magri, a differenza delle loro mogli, casa Donas.



I ragazzi venivano spesso, anche orfani, dai lineamenti femminili (come affidato) e fingevano di essere ragazze, tutti vivono nei lussuosi cabaret e bar. Ascoltare queste storie da sua nonna ha fortemente ispirato l'artista a scrivere un libro., di prossima pubblicazione, dove il prologo sarà questa mostra, introducendo i personaggi dei dipinti, che servirà da esempio.

La mostra è visitabile nelle Gallerie I e II al secondo piano, non Centro Culturale Correios RJ, dal 1 dicembre 2022, cona cura di Carlos Bertãoprogettazione espositiva e illuminazione di Alê Teixeira e produzione EntreArte Consulenza, a 28 Gennaio 2023.

A proposito di Roulien Boechat

artista plastico autodidatta, nato a 1972, nella città di Bom Jesus do Itabapoana- RJ, dove all'età di sei anni iniziò a scarabocchiare i suoi primi pastelli. Mosso, il 1990, a Niterói-RJ. In 2004, insieme agli artisti Monteiro Prestes, Clovis Pescio e Luiz Pinto, altri, faceva parte delle edizioni di Revista Galeria em Tela, dall'editore online, ed eseguito in occasione di mostre, dipingere dal vivo.

Oggi, la sua opera figurativa è carica di immagini della terra, ritraendo i loro personaggi spesso reali, circondato da texture e colori sorprendenti. Il suo tema cerca di evidenziare e preservare la cultura brasiliana e le proprie radici..

Figlio di Bahia e madre nipote di europei, nipote di indiano, Roulien Boechat salva nella sua storia e origine, la fonte di ispirazione.

Oltre alle mostre tenutesi in Brasile, ha opere in collezioni private come Cuba, Spagna, Svizzera e Portogallo. Dopo qualche anno si dedica alla fotografia, ritorna alle belle arti.

Instagram: @roulienboechat

E-mail: roulienatendimento@gmail.com 

Mostre in Brasile:

  • Teatro Trianon – Campos dos Goytacazes, RJ
  • Spazio culturale della Corte di giustizia – Vittoria, ES
  • Mostre collettive a Itaperuna, Miracema e Buzios, RJ
  • Mostra personale presso la Banca Centrale di Belo Horizonte, MG
  • Mostra personale all'Assemblea Legislativa – Vittoria, ES
  • Mostra Collettiva – Tiradentes, MG
  • Mostra Spazio Culturale del Municipio di Governador Valadares, MG
  • Mostra personale della Banca del Brasile – Bom Jesus do Itabapoana, RJ

A proposito di Carlos Bertao (A cura di)

Carioca, avvocato, Laureato presso l'Università Statale di Rio de Janeiro, Master alla New York University (Università di New York), ha lavorato in studi legali a Rio de Janeiro, San Paolo e New York.

In 1980, è stato assunto dalla Banca Mondiale, Washington, dove ha lavorato per quasi vent'anni.

Collezionista d'arte da più di 40 anni, dopo il ritiro dalla Banca Mondiale, è tornato in Brasile e ha iniziato a dedicarsi alla produzione e alla curatela di mostre.

era curatore, tra l'altro, di mostre presso il Centro Culturale Correios, a Rio de Janeiro, culturale Messaggio, a Niterói,a Centro Cultural Banco do do Brasile, in Brasilia, presso il Centro Culturale Federale Caixa Econômica, a São Paulo, presso il Museo di Arte Contemporanea dello Stato del Mato Grosso do Sul – MARCO.

Oggi si divide tra Rio de Janeiro e Bonito, MS, avendo ideato e realizzato il progetto IMERSÕES MS, che prevedeva un lavoro in residenza del famoso artista plastico Carlos Vergara nella regione della Serra da Bodoquena, anche con la previsione di una mostra presso il Museo di Arte Contemporanea dello Stato del Mato Grosso do Sul – MARCO e la preparazione e realizzazione di un libro e un video del lavoro sviluppato durante la residenza.

è stato, anche, Curatore della mostra COSCIENZA, dell'artista peruviano Ivan Ciro Palomino, prodotto dall'ONU, e tenuto presso il Centro Cultural Correios RJ, nessun periodo 25/09/19 al 19/01/20, che è stato visitato da 143.524 persone.

In tutte le mostre da lui curate, in cui ha presentato opere di oltre 40 artisti, Carlos Bertão ha avuto la partecipazione di Alê Teixeira, responsabile della progettazione e dell'illuminazione.

Servizio

Esposizione: “L'amaro dello zucchero”
Artista: Roulien-Boechat
Instagram: www.instagram.com/roulienboechat
A cura di: Carlos Bertao @cbertao
Progetto espositivo e illuminazione: Alê Teixeira @aleartale
La Produzione: EntreArt Consulting @entrearteconsultoria
Ufficio Stampa: Paula Ramage @_paula_r_soares
Informazione: cbertao@gmail.com – opere disponibili @cbertao

Destinatari: Il progetto mira a raggiungere gli studenti, insegnanti, artisti, critici, visitatori dello spazio culturale, visitatori del centro di Rio e il pubblico in generale nella fascia di età, diversi livelli socioeconomici e culturali.

Local: Centro Culturale Correios RJ
Rua Visconde de Itaboraí, 20 - Centro, Rio de Janeiro - RJ)
Apertura: 01 Dicembre 2022 , il 16:00 a 19:00hs
Visitazione: 01 Dicembre 2022 al 28 Gennaio 2023
Tempo: Dal martedì al sabato, da 12:0 a 19:0
Ingresso: gratis
Valutazione: libro
Come arrivarci: Metropolitana (scendere alla stazione di Uruguaiana, Uscita verso Rua da Alfândega); autobus (saltare in punti vicino a Rua Primeiro de Março, da Praça XV o Candelaria); Barche (Terminal Praça XV); VLT (salta su ave. Rio Branco/Uruguaiana o Praça XV); treno (scendere alla stazione Centrale e prendere il tram per AV. Rio Branco/Uruguaiana).
Informazioni: (21) 2253-1580 / E-mail: centroculturalrj@correios.com.br 

L'unità è accessibile ai disabili..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*