Casa / Art / Veruska Bahiense – “Coltivare la vita”

Veruska Bahiense – “Coltivare la vita”

Tony Franco é Administrador de Empresas.

Tony Franco è un amministratore aziendale.

Veruska, raccontarci qualcosa di te ...

Amo Veruska Bahiense, nato a Niterói, RJ.

lavoro come illustratore, Disegno floreale, e fotografo. Ho studiato Tecnico dell'arredamento d'interni e mi sono appena laureato in Bachelor of Arts presso UFF.

L'illustrazione era qualcosa che ho esplorato di nuovo con molta passione., Amo trasformare il testo in immagini.

La fotocamera è sempre stata un'estensione di me e Floral Design è quando collego la decorazione con la natura, la botanica; perché amo come comunicano le piante, quanto possono trasformare ciò che li circonda e noi stessi.

Quando si è svegliato il suo desiderio di essere un artista visivo?

Credo di essere nato così... Anche se per molti anni, non considerarmi un artista, ma respirava l'essere artistico.

Veruska Bahiense é Artista Plástica.

Veruska Bahiense è un'artista visiva.

Mia madre mi raccontava sempre una storia:

Quando ero ancora nella tua pancia, mi ha supportato sul tavolo da disegno, dove mi sono trasferito molto, e il tuo collega vedendo la mia animazione ha commentato: “sarà un designer, questa bambina!” E senza dubbio, una delle mie prime espressioni è stata con il disegno.

Che tipo di arte ti piace di più?

Mi considero eclettico, ma tendo a farmi coinvolgere dalle arti visive. come il disegno, una pintura (amo l'acquerello) e la fotografia.

La parte scultorea delle arti l'ho legata al Floral Design, ma ho già flirtato con la scenografia.

Come ha sviluppato il suo stile (tecniche)?

Posso dire che sto ancora sperimentando gli stili, ma mi sento a mio agio con l'acquerello del caffè. Mi sento abbracciato mentre dipingo e uso questa tecnica come coperta con altre tecniche, come con l'acquerello tradizionale, con la fotografia stessa, ecc.

Cita se hai avuto influenze artistiche nelle tue opere e quali artisti?

Percepisco le influenze con i lavori finiti, come ad esempio alcuni acquerelli sembrano avere qualche aroma di Frida Kahlo, o alcune fotografie come ombre delle sculture di Giovanni Strazza, ma non è intenzionale. In realtà siamo un mix della nostra esperienza.

Hai un familiare o un conoscente che è un artista?

mia madre Maria, la mia prima influenza, laureato in Disegno Industriale; mia zia paterna, Lui apprezza, Artista di plastica; mia nonna materna, era una sarta di un abito da sposa, ecc. Ho avuto il privilegio di essere circondato dall'art, anche se spesso non è descritto come tale..

Vivere dall'arte è possibile?

buono, Ho una visione leggermente ampliata dell'art…

Guadagnarsi da vivere vendendo foto, come artista? Sì, lattina, Ho dei conoscenti che vivono proprio in questo modo.

Non è il mio caso, perché non posso vivere di una sola tecnica, perché ho bisogno di esprimermi attraverso diverse forme artistiche.

Ma guadagnarsi da vivere con l'arte non è cosa semplice e tanto meno immediata come sembra a molti.

È un sacco di consegna, rinunciare, fino a raggiungere i tuoi obiettivi, che non sono solo tuoi, perché non c'è artista senza pubblico.

Mai pensato di non agire con più arte? può commentare perché?

parecchie volte.

La dedizione alla costruzione di un'opera d'arte può richiedere anni., e mi riferisco a un'unica opera... E oggi ci abitiamo “era ieri”, di immediatezza, spesso per superficialità, di praticità e così via. Questa non è una critica, è solo una dichiarazione di fatti, la vita cambia sempre, e dobbiamo sempre adattarci. Tuttavia, la parte contemplativa di un art, di tua stessa costruzione, spesso non è apprezzato.

E automaticamente, l'artista, come “lavoratore” non è valorizzato. Ci sono due problemi a mio avviso: Circuito dei dogmi delle arti, dove puoi scivolare nell'eresia se decidi di produrre per il mercato. E un problema culturale brasiliano, secondo me, dove il lavoro, indipendentemente dalla nicchia, non è valorizzato.

I servizi non sono valutati, ma sì il bene, fintanto che ha un certo status, questo lascia l'artista su una linea molto sottile, principalmente, il non così famoso. Naturalmente,, questa non è una regola.

Quali competenze sono necessarie oggi per l'artista?

Imprenditorialità, devi sapere se vendere, oltre al loro lavoro. Lo spazio per un artista che riposa le sue opere in una galleria e aspetta, è molto piccolo e diluito. E saper cercare l'equilibrio nell'adattarsi alle eterne novità dell'universo tecnologico, senza perdere la sua essenza. Senza perdere l'essenza di ciò che è arte.

Cosa provi quando crei o apprezzi un'opera d'arte?

ricaricato.

Le tue ispirazioni per creare un'opera d'arte?

Mi piace produrre la vita, quindi mi identifico con opere dello stesso messaggio. Non esiste un oggetto o un'azione specifica, Vivo dell'osservazione dei vari media che mi circondano.







Quale arte ti ha colpito di più finora?

Quello che ho appena fatto... Lol.

90 % a volte è una consegna alla produzione, ma dopo il completamento, La guardo e dico: Il nostro, lietissimo di conoscerti.

Devi sempre creare o creare solo in determinati momenti?

creo sempre, ma non necessariamente un dipinto, come descritto sopra, ma sto anche sempre studiando o ricercando qualcosa, fa parte del mio bisogno creativo.

Il prodotto del tuo lavoro è unico o ha una relazione stretta o distante con il tuo lavoro precedente?

Credo di lavorare in cicli. Allora, all'interno di questi cicli parlano.

Quali sono le sfide dell'arte / artista nello scenario attuale?

il salvataggio della bellezza, non il superficiale, ma la complessità di questo concetto. Argomento controverso questo, principalmente nel mondo accademico, non necessariamente nel mercato dell'arte.

Considero questo tema una sfida per l'artista di oggi, influenzato dal concettuale, dove cerchi di navigare con originalità, indipendenza della tecnica e del discorso politico. La questione della valorizzazione o meno della tecnica, forse è la parte più delicata, perché secondo me, Non la vedo come una cattiva, e sì come un grande supporto, anche se alcuni la vedono come una castratrice.

Tante cose possono chiuderti in scatole, cose che potresti considerare sinonimo di libertà, ma in realtà ti sta imprigionando, plasmandoti a un pensiero egemonico. Allora, l'equilibrio è la risposta.

I social network ti hanno aiutato a diffondere il tuo lavoro?

Sì, strumento molto importante, con la sua accessibilità, con i campioni virtuali, riviste e tanti altri mezzi con cui molti possono connettersi anche così lontano.

E non solo pubblicizzare il mio lavoro, ma incoraggiami a rompere molte cose.

Ma una volta che ho segnato, l'equilibrio è la risposta.

Come le arti plastiche possono contribuire all'istruzione e alla cultura?

portando conoscenza, esperienze e relazioni in modo creativo.

Come analizzi le qualità di un'opera d'arte?

Oltre alle questioni tecniche di materialità, Mi piace conoscere il processo di costruzione dell'opera, dei sentimenti dell'artista, che mi dà un nuovo sguardo a qualsiasi lavoro.

Quali sono i criteri per stabilire il valore di un'opera d'arte?

Di nuovo, le problematiche tecniche di materialità e di costruzione dell'opera, per stabilire questo valore in modo pratico, molti artisti trovano difficile portare questo aspetto pratico, ma c'è anche il valore simbolico, ciò che quell'opera rappresenta per l'artista e trasformarlo in valore concreto, valutare in base all'ambiente in cui l'opera verrà inserita.

Parla dei tuoi progetti oggi ...

Giorno 11.03.2022 ha tenuto un laboratorio di acquerello con caffè per diversi studenti presso l'Aula della cultura di Leila Diniz.

Sono in mostra alla Sala de Cultura Leila Diniz nello spazio della Stampa Ufficiale di RJ, con un progetto chiamato, Coltiva i fiori del tuo dolore, dove, dialogando con malati di dolore cronico, sono stati collaboratori come modelli fotografici e ispirazioni per gli acquerelli con il caffè. In questo lavoro ho cercato uno sguardo che cercasse la bellezza di fronte al dolore, è stato un lungo viaggio alla ricerca di immagini che potessero rappresentare la resilienza di ogni individuo al dolore. IL DOLORE CRONICO è stato il seme di questo impegnativo lavoro, diviso in due serie: Ombre di dolore (fotografie ricamate) e Fioritura del deserto (schizzi e dipinti con caffè).

Parteciperò ad a Mostra collettiva con fotografie stampate su tessuti al Centro de Artes-UFF, a partire dai primi di aprile.

Partecipo a un progetto con l'Ambasciata della Guinea Bissau in collaborazione con Instituto Moreira Salles e Universo de las Artes, con la cara Buana Lima, con illustrazioni sulle cronache dello scrittore brasiliano Paulo Mendes Campos, dove ho usato la tecnica mista: Acquerello colorato insieme ad acquerello di caffè.

Entro la metà di quest'anno dovrebbero essere pubblicati due libri per bambini in collaborazione con uno psicopedagogo su alcune caratteristiche che ha lavorato nella sua clinica con bambini speciali, come il deficit di attenzione, Dislessia, ecc. Illustrazioni realizzate con acquerello.

Qual è il tuo consiglio per chi ha appena iniziato?

circondati di persone, Brava gente, dall'ambiente artistico, sia gli artisti che i loro sostenitori. Produci ciò che ti rappresenta, ma sempre cercando di sfidare.

Non esiste una ricetta magica, resilienza, molta resilienza.

Se vuoi lasciare un messaggio ...

Prima di essere un artista, devi conoscere te stesso, non è necessario prima di tutto laurearsi in te stesso, ma per stabilirne le basi e nello stesso tempo costruirsi come artista, ricordando di andare sempre avanti, non importa quanto sia grande la valle o quanto sia più alta la montagna.

A proposito delle tue mostre, avere commenti in merito, sentimenti ...

gratitudine.

Potresti commentare qualche curiosità artistica?

Non so se sarebbe una curiosità, tuttavia la pittura può connetterti in modo assurdamente profondo con il tuo io più latente. Secondo me, tutti dovrebbero godersi questi momenti e non devi essere un artista esperto per farlo., permetti a te stesso.

Come definiresti la tua arte in una riga?

Coltivare la vita.

Social networking:

Facebook: veruskabahiense

Instagram: @veruskabahiense @veruskabahiense.fotografia @uskahopedesign

Sito web: www.veruskabahiense.com.br

LinkedIn: www.linkedin.com/in/veruskabahiense

 

* Grazie a Buana Lima, consulente dell'artista plastico, per tutte le informazioni pertinenti l'intervista.

 

 


Gruppo non Facebook | Instagram
LinkedIn | Facebook | Cinguettio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*