Casa / Art / Esposizione “Emblema della Cultura brasiliana” Porta un lavoro retrospettivo grafico Claudio Tozzi
Claudio Tozzi - O olhar - 1967, serigrafia su carta, 68 cm x 95 cm. Foto: Rivelazione.

Esposizione “Emblema della Cultura brasiliana” Porta un lavoro retrospettivo grafico Claudio Tozzi

Claudio Tozzi Torna a fare una mostra personale a São Paulo. La mostra, Emblema della cultura brasiliana - il Graphic Work Retrospettiva, con una vista panoramica del lavoro dell'artista grafico negli ultimi 50 anni, avviene in CAIXA Cultural São Paulo, apertura 13 Marzo, Martedì, a 19 ore, e visite a 20 Maggio.

A cura di Manuel Neves, la mostra riunisce 93 Opere prodotte da 1968 e 2018 - è la mostra più completa mai realizzata sulla produzione grafica Claudio Tozzi. Si può notare che l'artista presenta soluzioni tecniche coerenti con ogni fase della sua produzione pittorica, utilizzando vari processi di riproduzione grafica: stampa dello schermo, fotocopiare, Litografia, acquaforte, compensare zinco e digitografia.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

V'è in produzione Tozzi una coerenza linguaggio assoluto tra un quadro e medie riproducendo utilizzato in ogni fase. Così, colori altipiani di astronauti e folle del decennio 60 Essi sono riprodotti dal processo di stampa serigrafica. le viti, più simbolico e contenuti, richiedono tecnica più intimo, l'incisione.

L'ultima produzione Tozzi richiede sovrapposizioni tecniche e grafiche per reticoli, che permettono allo spettatore una più ampia percezione della forma e del colore da reticoli ottici somma con variazioni di sue sfumature.

Le immagini raccolte nella mostra comprendono l'intera produzione Claudio Tozzi, nelle sue varie fasi: folle, rosso bandito luce, astronauti, viti, pigmento di colore chiaro, recortes e territórios – esta última, l'ultima fase.

Emblema della Cultura brasiliana i risultati di un curatore di ricerca e storico Manuel Neves, realizada na Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales, Parigi, lavoro che ha indagato la produzione di arte brasiliana nella seconda metà del decennio 1960, in cui il lavoro di Claudio Tozzi Occupa posto di rilievo.

La ricerca ha il titolo “immagine Pop: presenza pop art e la negazione nell'arte brasiliana degli anni sessanta”. In lingua francese, fede editada na Pela Europa Editions Universitario Europeo, Sarrebruck. Non ancora pubblicato in Brasile.

Claudio Tozzi – Sem título – 1986, serigrafia sobre papel, 50 cm x 72 cm. Foto: Divulgação.

Claudio Tozzi - Untitled - 1986, serigrafia su carta, 50 cm x 72 cm. Foto: Rivelazione.

coerenza formale e discorsiva - curatore del testo Manuel Neves nel catalogo della Mostra:

na convulso emerse due decennio 60, Claudio Tozzi E 'un artista chiave nella scena contemporanea brasiliana. Il suo lavoro, come i più importanti artisti della sua generazione, articola un cambiamento radicale nello status immagine artistica, prendendo e riprogrammazione modelli visivi disegnati dai media e l'industria dell'intrattenimento, per produrre un'opera figurativa, generalmente chiamato il mondo anglosassone della pop art.

Queste opere cercano, nella sua strategia formale, essere un riflesso del contesto sociale e politico, drammatica e convulsa vissuta dall'artista a metà degli anni 60, inizio della dittatura militare.

Questo momento ha portato a una perdita di libertà fondamentali, e la politica violenta censura conseguente implementato in tutti i settori della cultura e dell'istruzione.

Così, il giovane artista, riprogrammazione sia l'immagine dei media, come l'estetica pop di circolazione internazionale, Produce un lavoro di grande impatto visivo, che proietta immagini di proteste politiche e problemi sociali, la serie fondamentale di folla e il bandito della luce rossa, e immagini idealizzate di progressi scientifici promossi dai paesi core, come la serie di astronauti.

Nel decennio di 70 Il suo lavoro elabora una riflessione concettuale radicale da un lato ha cercato di dimostrare che la realtà sociale e politica, articolare una strategia visiva con un forte carattere metaforico e anche una seduzione estetica che potrebbe evitare la censura prevalente durante la dittatura senza perdere un discorso critico e riflessivo questo drammatico momento sociale e politico. In questo senso, è emblematica della serie viti, e anche il numero di opere presentate alla Biennale di Venezia nel 1976.

Più tardi, durante i decenni di 80 e 90, l'artista ha tenuto un'indagine formale, dove ha studiato le immagini esemplificato la cultura brasiliana, così come ridisegnato il lascito della generazione di artisti in calcestruzzo.

Sarà importante in quel momento le rappresentazioni della metropoli di São Paulo, che riflette i cambiamenti radicali prodotti in scala urbana in città durante questo periodo, come le opere pensato che si terrà a livello urbano, negli edifici, viali o stazioni della metropolitana.

Negli ultimi decenni, l'artista continua a ricercare l'eredità di cemento, ma riflette l'impatto dal punto di vista del progettista, la produzione di opere che non possono riconoscere i confini tra pittura, oggetti e sculture.

Il lavoro prodotto da Claudio Tozzi in più di cinque decenni, che si sviluppa in pittura, la scultura e la parete, Abbiamo avuto lo sviluppo unico e complesso nella produzione grafica. Emblema della cultura brasiliana Esso riunisce più di novanta opere, fabbricati con le più diverse tecniche di riproduzione grafica, come la serigrafia, Litografia, incisione metallo e fotocopie, E 'la mostra più completa tenuta fino ad oggi l'artista produzione grafica.

Questo corpus di opere non solo dimostra la coerenza formale e discorsiva sviluppato da Claudio Tozzi per più di cinquanta anni di lavoro nella grafica. Viene inoltre illustrato come l'editing grafico è stato uno strumento fondamentale per la ricerca e la sperimentazione formale e, contemporaneamente, una riflessione politica sullo spazio dell'arte nella società moderna e dei suoi meccanismi di consegna, in una coscienza permanente dell'artista dell'importanza della divulgazione dell'arte, come la costante espansione della sua pubblica.

Claudio Tozzi – Sem título – década 2000, serigrafia sobre papel, 72 cm x 101 cm. Foto: Divulgação.

Claudio Tozzi - Untitled - dieci anni 2000, serigrafia su carta, 72 cm x 101 cm. Foto: Rivelazione.

The Artist – Nascido em 1944, San Paolo Claudio Tozzi Ha studiato presso la Scuola di Applicazione di Filosofia, Lettere e Scienze Umane, Università di San Paolo (1956 al 1962) e la Facoltà di Architettura e Urbanistica presso l'Università di São Paulo (1964 al 1969), dove lavora come insegnante.

Ha iniziato il suo percorso artistico nei primi anni del ' 60, attraverso l'appropriazione di oggetti, le immagini dei giornali, fumetti e fotografie associate a connotazione simbolica di contenuti sociali. In 1967, cruscotto Guevara, Vivo o morto ..., esposto nella National Contemporary Art Hall, Si è distrutto con un'ascia da un gruppo radicale di estrema destra, successivamente restaurato dall'artista. Tozzi viaggi in Europa negli studi 1969. Come data di Dessa, le sue opere rivelano una preoccupazione maggiore con la redazione formale.

Nel decennio di 70 crea nella sua sintassi pittura con la costruzione di una rete di mezzi toni e granulazione cromatica, con conseguente strutture e spazi di significati simbolici intensi. Si tratta di un processo più cerebrale e percettivo, che emotivo ed espressivo, che è l'essenza del concetto, la struttura e la costruzione dello spazio vernice.

Dal 80, alle opere più recenti, intensifica la sua preoccupazione formale e commuta ad elementi strutturali di base: Linee, piani, core, forme organiche, materiale; la creazione di analogie formali con le immagini esistenti e di estendere il suo carattere costruttivo.

Nel suo processo metodico e obiettivo, Claudio Tozzi usa icone visive - viti, scala, frammenti di oggetti, simboli tropicali, spazi urbani etc.. - e decostruisce, catturando i suoi aspetti essenziali, Si sta rivelando, in questo modo, alto artista rigore formale, cui lavoro si muove attraverso aspetti costruttivi e concettuali.

Servizio - A CAIXA Cultural São Paulo E 'la Piazza della Cattedrale 111, Centro (Vedere stazione della metropolitana), tel. 3321-4400.
La mostra Emblema della cultura brasiliana - retrospettiva di lavori di grafica, di Claudio Tozzi, ha apertura 13 Marzo 2018, il 19 a 21 ore.
Visitazione a 20 Maggio 2018 - Martedì alla Domenica, il 9 a 19 ore.
Biglietti: INGRESSO FRANCA.
Fascia d'età: Libro.
Sponsorizzazione: Federal Bank di Risparmio.
Ulteriori informazioni per telefono 3321-4400.

.

Claudio Tozzi – Sem título – 2018, serigrafia sobre papel, 40 cm x 70 cm. Foto: Divulgação.

Claudio Tozzi - Untitled - 2018, serigrafia su carta, 40 cm x 70 cm. Foto: Rivelazione.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*