Casa / Art / Esposizione del marchio 40 anni di garage che gli artisti progettato dagli anni 80 presso il Museo della Ingá
Edith Bhering, Incisione n. 4. Foto: Rivelazione.

Esposizione del marchio 40 anni di garage che gli artisti progettato dagli anni 80 presso il Museo della Ingá

A cura di Marcus lontra e Viviane Matesco, gli spettacoli
apre al Museo della Ingá, Non Sabato, giorno 25 Novembre,
oltre 100 opere di 50 artisti

La mostra Sperimentazione e metodo. celebra la 40 anni di incisione Bottegadi il Ingá e salva la memoria della tua importanza in un momento di ri-democratizzazione del Brasile e di grande effervescenza culturale a Niterói. Mezzi, specialmente, un omaggio al tuo creatore, l'artista Anna Letycia, Abbiamo distribuito innovativo coordinamento preoccuparsi di non disfarsi l'acquaforte di dibattiti contemporanei e intersezioni con altre lingue. Con questo ordine, ha attirato numerosi insegnanti di diversi media delle arti visive, come Alair Gomes, Carbone Aluísio, Newton Cavalcanti, Rubem Grilo, Carlos Martins, Ronaldo Rego Macedo, José Lima, altri. Il workshop per Anna Letycia è un luogo di lavoro", un campo di ricerca, Scambio di informazioni ed esperienze". Questo esperimento di pensiero, ma anche precisione e metodo., i criteri di priorità dell'artista diventa l'officina di Inga un polo centrale per la scena artistica di Niterói e Rio de Janeiro. "I workshop di Ingá erano una delle culle di anni di arte 80. Una generazione che nasce nei laboratori, che non ha frequentato lezioni formali 'o' Università. In questo senso, il Parque Lage, il Museu do Ingá e MAM rappresentato pratica artistica "sedi di formazione, dice Marcus Otter che firma il curatore della Mostra insieme a Viviane Matesco.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Sperimentazione e metodo. sarà il filo conduttore della Mostra con opere di proprio Anna Letycia, dei loro insegnanti Oswaldo Goeldi, Iberê Camargo e Darel Valença Lins, Oltre ai suoi dipendenti e alcuni dei suoi ex studenti che eccellono nell'arte contemporanea, come Analu Cunha, Marcus Andre, Felipe Barbosa, Rosana Ricalde, Ana Martin, Fernando Lopes, Chi Chang Chai, Beatriz Pepe, Armando Mattos, tra molti altri che hanno prodotto opere esclusive per esposizione. Come una celebrazione del contesto artistico di Niterói, la Mostra inoltre include giovani artisti nati o agire su divulgare tua città culturale di forza. “Questa mostra rende omaggio ad Anna Letycia e consolida l'importanza di non solo il ruolo del workshop, ma anche dalla collezione del Museo, riferimenti su Goeldi e molti altri scrittori noti", integra il curatore Viviane Matesco.

La mostra Sperimentazione e metodo. si estende l'incisione in un campo di contemporanea ibrido. La discussione della riproducibilità delle immagini con più processi e tecnologie innovative sarà un modo per chiarire l'incisione su un design sperimentale e ingrandito. L'offset di incisione verso altre lingue sottolinea stampa procedure nell'incisione. Questi problemi riguardano il lavoro di artisti contemporanei in questo spettacolo che certamente avrà un aspetto per visitare.

Sotto il comando del museologo Mariana Varzea, il progetto educativo della Mostra avrà laboratori e attività di educazione artistica sulle tecniche dell'incisione, per tutte le età, svolte da mercoledì a domenica, durante gli orari di apertura del Museo.

Il laboratorio creato da Anna Letycia

Il Museo dell'incisione officina Ingá, il Segretario di stato per la cultura/FUNARJ, attività ha cominciato su una base di prova nel mese di agosto 1977, Anche se l'inaugurazione ufficiale ha avuto luogo solo in 14 Dicembre 1977. Corsi di disegno offerto (Carbone Aluísio) e le diverse forme di incisione di Anna Letycia, José presupposto Souza e José Lima, Mario Doglio (ex direttore di incisione della zecca), Adarsh ISA e Newton Cavalcanti (intaglio in legno), Carlos Martins e Solange Oliveira (il 1978), ed Edith Behring (il 1982). L'anno successivo, Anna Letycia riceve il premio di stato Golden Dolphin tramite la creazione del workshop. La successiva inaugurazione del workshop scultura coordinato da Harald Barroso stampato un effervescente clima Ingá Museum, che è diventato un centro di sperimentazione e contemporaneità nella città di Niterói. È importante sottolineare la partecipazione di Rossini Perez, noto scrittore, che nella seconda metà 1980 esegue l'override di coordinamento del workshop per pochi mesi, periodo in cui Anna Letycia partenze per organizzare spettacoli del vostro lavoro. Occorre anche menzionare la partecipazione di Ricardo Queiroz come collaboratore principale, che continua fino ad oggi il lavoro iniziato da Anna Letycia.

Anna Letycia Frames (Teresópolis, Rio de Janeiro, 1929). Etichetta. Inizia il disegno e la pittura gli studi con Bustamante Sá (1907-1988), l'associazione brasiliana di Design, a Rio de Janeiro. Nel 1950, nel fiume, frequenta il corso di André Lhote (1885-1962), studi di incisione con Darel (1924), in Scuola nazionale di belle arti (Enba), e con Iberê Camargo (1914-1994), presso l'Istituto municipale di belle arti. Esegue il corso di incisione su legno con Oswaldo Goeldi (1895-1961), in Scuola d'arte Brasile, e pittura con Ivan Serpa (1923-1973), Chi partecipa alla creazione del Gruppo anteriore. In 1959, frequenta l'atelier di Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro (MAM/RJ), coordinato da Edith Behring (1916-1996). È invitato ad insegnare incisione presso l'atelier di questo Museo, attività che circola tra il 1960 e 1966. Insegna incisione in Santiago, dove ricevette il titolo di professore honoris causa dell'Università Cattolica del Cile, il 1961. In 1977, consente di installare a Niteroi workshop di incisione a Museu do Ingá, quali coordinate per 1998. Sviluppa attività di scenografo e costumista, e atti principalmente in partenariato con Maria Clara Machado (1921-2001). In 1998, il libro è pubblicato Anna Letycia, Angela Ancora da Light, da Editora da Universidade de São Paulo.

Gli amministratori hanno:

Marcus Otter

Si è laureato in comunicazione sociale presso PUC-Rio, è un critico d'arte e curatore indipendente. Curatore della Mostra come si va, Generazione 80, si supponga in 1983, il Consiglio della school of Visual Arts di Parque Lage per 1987. Prima, di 1975 al 1983, È stato redattore della rivista Modulo, fondata da Oscar Niemeyer, il 1955. Critico d'arte per quotidiani Il globo (1983-1.984), Tribuna da Imprensa (198619 87) e Questo è (1986-1987). Tra 1987 e 1989 è stato consulente per il Ministero della cultura. Ha diretto i musei d'arte moderna, di Brasilia (1989), di Rio de Janeiro (1990-1997) e Recife (1998-2001). Ha curato diverse mostre importanti, tra elas: "Come stai, generazione 80?" (1984, insieme a Sandra Magger e Paulo Roberto Leal); "Wicked Childhood", MAM- RJ (1995); "Dove sei generazione 80?", Il CCBB, il 2004. È curatore della CNI Sesi Marcantonio Vilaça Senai. Da 1998 è direttore delle produzioni culturale Otter.

Viviane Matesco

Dottorato di ricerca in arti visive (UFRJ), critico e curatore, Professore di storia dell'arte presso la scuola di Visual Arts/Parque Lage (1998 al 2008) e attualmente insegna presso Universidade Federal Fluminense (UFF) a Niterói. Ha lavorato presso Funarte, presso il Museo di arte e design moderno Visual/Itaú indicazioni culturali. Ha tenuto diversi curatele tra di loro “Speciale camera Amilcar de Castro” (Funarte), Tehching Hsieh "Helio OIticica in the Center" e "corpo in arte brasiliana" (insieme a Cocchiarale a Itaú Cultural, São Paulo). Ha pubblicato i libri Corpo, Immagine e rappresentazione (Zahar, 2009), Intorno al corpo (UFF, 2016). Come curatore del Museu do Ingá (2009/10) ha organizzato la Mostra "il paesaggio in BOURA" e pubblicato il libro Una collezione in studio – Collezione di BOURA.

Sperimentazione e metodo-Ingá incisione workshop
A cura di: Viviane Matesco e Marcus lontra
MUSEU DO INGÁ
Apertura: Sabato, 25, da 11:00 a 14 h.
Visitazione: di 26 Novembre 2017 al 27 Maggio 2018
Presidente cava Street, 78 Ingá, Niterói.
Da mercoledì a domenica, 12h 17:00, chiuso i festivi.
(21) 2717 2893 / 2717 2903 /
producao.museudoinga@gmail.com
Facebook.com/museudoingarj

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*