Casa / Art / La forma sconosciuta della Vergine Maria – Mostra al Museo Nikos Kazantzakis, da Rosângela Vig

La forma sconosciuta della Vergine Maria – Mostra al Museo Nikos Kazantzakis, da Rosângela Vig

Rosangela_Vig_Perfil_2
Vig è Rosângela Visual Artist and Teacher Storia dell'Arte.

È una cosa grande e bella vedere un dramma svolgersi con questa vastità in cui l'arte sviluppa potentemente la natura.; un dramma in cui l'azione si conclude con un passo regolare e facile, nessuna diffusione e nessuna limitazione; infine un dramma in cui il poeta realizza pienamente il molteplice scopo dell'arte, che è aprire allo spettatore un doppio orizzonte, per illuminare insieme l'interno e l'esterno degli uomini; all'estero attraverso discorsi e azioni; l'interno, per digressioni e monologhi; Attraverso, in una parola, nella stessa cornice, il dramma della vita e il dramma della coscienza. (HUGO, 2007, p.69, 70)




Forse solo attraverso l'Arte gli esseri umani possono portare la luce interiore di cui hanno tanto bisogno per creare un mondo migliore.. Lo sguardo è illuminato dalla bella opera e tale estasi sensibilizza il tuo essere. L'arte promuove un risveglio di sensazioni che rapiscono gli esseri più indifferenti e suscitano in essi profonde emozioni., portandoli fuori. Così è in tutti i campi in cui opera lo spirito creativo., sia nell'arte della poesia; sia nell'arte della pittura.

E la sensibilità è presente nella mostra personale di opere iconografiche dell'artista Eleni Antonakaki. Il fascino del suo lavoro rimanda alle opere di Medioevo, all'arte bizantina, con dipinti della Vergine Maria. La mostra era intitolata Figure sconosciute della Vergine Maria. L'apertura era in 8 agosto e vi ha partecipato l'arcivescovo di Creta, Signor. Evgenio; e resterà fino a 15 Agosto 2022, nessun museo Nikos Kazantzakis, in Eraclito, città della grecia.

Pittore di molte icone e murales, di diverse dimensioni e dimensioni, l'artista ha opere in chiese come quella di Agia Varvara; e la Chiesa di Agios Dimitrios Kato Nevrokopi; così come mostre nelle sale di eventi culturali e il Museo della Guerra di Atene. Poco prima della festa dell'Ascensione della Vergine Maria, il Museo Nikos Kazantzakis ha aperto le sue porte alle immagini della Vergine, dall'artista Eleni.

La rappresentazione di figure religiose, detta anche iconografia, richiede non solo l'attenzione che l'Arte esige, ma tutta la simbologia di ogni dettaglio; richiede pazienza, disciplina e conoscenza Storia dell'Arte. Tra gli oggetti dell'opera religiosa ci sono i grandi occhi che simboleggiano la visione che avevano di grandi spiriti.; la testa allargata che indica saggezza; il naso allungato e stretto, per mancanza di comprensione del mondo terreno.




Il volto di questo grande personaggio biblico è ritratto dall'artista con uno sguardo sereno e gentile, proprio come Luca, l'evangelista lo colse per la prima volta. Il tuo viso illuminato ha gli occhi a mandorla, naso delicato e bocca piccola. Adornata dalle sue vesti interne nei toni del blu e del verde, la sua divinità è accentuata dalle vesti esterne rosso scuro. Impreziosito da frange sulle maniche, simboleggiando le virtù, la sua veste ha ancora delle pieghe che portano all'idea di un impulso spirituale. I segni della verginità sono rappresentati da tre stelle dorate sulle spalle e sulla testa..  

Ricevi News da Fiere ed Eventi in genere nel nostro gruppo Whatsapp!
*Solo noi pubblichiamo nel gruppo, quindi non c'è spam! Puoi venire con calma.

Per l'artista, gli esseri umani sono trasferiti in un mondo ideale attraverso gli occhi della Vergine Maria.. dipinto in modo impeccabile, Le opere di Eleni presentano perfettamente gli effetti di ombra e luce e per l'artista, è attraverso gli occhi della Vergine che l'anima è condotta al mondo ideale.

Riferimenti:

  1. FARTHING, Stefano.All About Art. Rio de Janeiro: Sestante, 2011.
  2. HUGO, Vincitore. Dal grottesco e dal sublime. Sao Paulo: Prospettiva editore, 2007.
  3. SCHILLER, Friedrich. L'educazione estetica dell'uomo. Sao Paulo: Ed. Iluminuras, 2002.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*