Casa / Art / La poetica della luce di Vicente de Mello in "Limite Oblíquo"
04 - Vicente de Mello - Circo - Serie Oblique Limit.
04 - Vicente de Mello - Circo - Serie Oblique Limit.

La poetica della luce di Vicente de Mello in "Limite Oblíquo"

Governo federale, Governo dello Stato di Rio de Janeiro,
Segreteria di Stato della cultura e dell'economia creativa di Rio de Janeiro,
attraverso la Legge Aldir Blanc presente

La poetica della luce di Vicente de Mello in "Limite Oblíquo"

La nuova mostra del fotografo - chi ha segnato la sua traiettoria nel campo artistico
riflettendo le possibilità di configurare il linguaggio fotografico - succede
nel Palazzo Imperiale, Rio de Janeiro, di 25 da febbraio a 25 Aprile

Vicente de Mello | Limite obliquo raccoglie 44 opere inedite nella fotografia digitale, eseguita a casa, durante il periodo di isolamento sociale. Le immagini catturate confermano lo sguardo stimolante e poetico di Vicente de Mello, chi ha il dono di rimodellare gli oggetti favorendo un tuffo nell'immaginario di chi li vede. Niente è ovvio nelle tue fotografie, né il titolo di ciascuna delle sue opere. La mostra comprende il lavoro Una notte da leoni la serie Monolux.





- Le sue opere sono sviluppate da elementi di favola dell'universo che lo circonda, ritagliando prospettive immaginarie che diventano inviti a deambulazioni immaginarie - dice Aldones Nino, Curatore della Mostra. La fotografia e la sua storia recente sono punti di riferimento citati e commentati da Vicente, quando reinterpreta l'estetica e la soggettività dei processi fotografici come condizione della sua creazione, comprese le possibilità di espandere il linguaggio fotografico all'ambiente.

Appassionato di collezionismo, Vicente ha sviluppato una tecnica di archiviazione che ha rielaborato l'oggetto stesso, proporre nuovi dialoghi formali, come esplorato nella serie Lapidus (2013), plasmato dalla sua collezione di pietre; Monolux (2017-2020), formato dalla sua collezione di perso e trovato e Diluizioni istantanee (1990-2020), idealizzato con la sua collezione di polaroid. In Limite obliquo, la tua raccolta di sedimenti postumi di una sbornia, raccolti sulla spiaggia di Itacoatiara, Niterói, hanno generato immagini la cui genesi è legata all'impatto di eventi meteorologici estremi sull'oceano, che viene riordinato in manipolazioni poetiche.

Vicente mantiene l'abitudine di collezionare e conservare oggetti fin dall'infanzia. - Ho sempre voluto fermare le cose che mi istigano, che mi attraggono. Questa raccolta, per esempio, iniziato quando avevo tre anni, tempo in cui i miei genitori hanno acquistato un terreno in Itacoatiara, e mi sono ritrovato affascinato dalle conchiglie, rami e altri oggetti di forme interessanti che ho trovato sulla spiaggia dopo il surf in mare - rivela.

Limite obliquo è il risultato di quel ricordo conservato per tanti anni. Detenuto per una pandemia, periodo da lui definito "tempo di attesa", immerso nel suo lavoro e ha deciso di dare vita ai sedimenti utilizzando il suo tavolo luminoso. Dice di aver preso la scatola con il sedimento e di averla messa una ad una sul tavolo, fotografare le immagini con la luce proveniente dal basso verso l'alto. Ogni pezzo fotografato è stato inserito in un'altra scatola. Quando questo primo processo è terminato, riavviato un secondo, prendendo i sedimenti già fotografati dalla seconda scatola per ricomporre altre possibilità. Uno ad uno tutti sono tornati alla scatola originale.

- Tutto è stato fatto in due notti - afferma Vicente, rivelando che non aveva idea di quale sarebbe stato il risultato delle immagini create in controluce, il retro del telaio. Alla fine, un universo di ombre e allegorie. - Un cosmo di immagini con sedimenti riconfigurati dai contrasti formati dall'ostruzione della luminosità - chiarisce.

- La serie di Vicente de Mello tratta elementi e caratteristiche del mezzo fotografico come la luce, la camera oscura e il
possibilità di inquadratura, tensionando e sovvertendo le possibilità espressive del linguaggio fotografico. I suoi contributi allo sviluppo della storia della fotografia sono espressi durante i suoi tre decenni di carriera
- dice il curatore.

Info su Limite obliquo, presentazione presentata dal governo federale, Governo dello Stato di Rio de Janeiro, Segreteria di Stato della cultura e dell'economia creativa di Rio de Janeiro, attraverso la legge Aldir Blanc, Aldones spiega che la posizione della luce è invertita sul tavolo come punto luminoso, dove le rovine della sbornia impediscono alla luce di raggiungere l'obiettivo della fotocamera digitale. - Un capovolgimento simile a quanto accaduto nella produzione di Oswaldo Goeldi, che inizialmente fa disegni a carboncino, grafite e inchiostro, per lo più graffi neri su sfondo bianco, e dopo aver usato la xilografia, inizia a delineare le immagini come un lampo aperto nelle venature del legno in contrasto con la superficie scura, registrando incisioni di luce come a Felino (1935) e dal fondo del mare (1955).

- Il lavoro di Vicente inizia a dare vita allo spreco del mare, quello è nominato, acquisire contorni vividi, tour dell'orizzonte che includono personaggi diversi, narrazioni dell'antichità classica, riferimenti storici e geografici, oltre alle allusioni alla protostoria - conclui Aldones.

L'assemblea di Limite obliquo è anche singolare. - È un gioco visivo che si riferisce al movimento delle maree: quando il mare si ritrae prende ciò che trova sulla riva; quando volta, restituisci alla sabbia ciò che ha trovato - afferma Vicente.

SERVIZIO
Esposizione: Vicente de Mello | Limite obliquo
Periodo: di 25 da febbraio a 25 Aprile 2021
A cura di: Aggiunge Nino
La Produzione: Rodrigo Andrade | AREA27
Local: Paço Imperial – Piazza XV de Novembro, 48
Orari: Dal martedì al venerdì dalle 12:00 alle 18:00 - Fine settimana e festivi dalle 12:00 alle 17:00
Oltre lo spettacolo, sono previste visite guidate e conferenze con l'artista e il curatore, pubblicazione bilingue, in formato digitale, e intervista disponibile sul sito, con traduzione in sterline e sottotitoli in inglese.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*