Casa / Art / Astrazione d'azzardo

Astrazione d'azzardo

René Machado sviluppa pittura sempre gestuale

mostra fatica comprende opere recenti di René Machado e aperta al pubblico dal giorno 16 Aprile nella Casa de Cultura Laura Alvim.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

L'artista rivisita le sue origini come un professionista della pubblicità, incorporandoli nel immaginario varia e vivida arte urbana e le possibilità artistiche intorno “pittura astratta” al momento attuale. Si presenta sotto forma imponderabile la forza estetica delle strade, graffiti, di arte di strada, Pop Art con la semplice pressione di neoexpressionistas colpi. Esplora l'idea dell'effimero dai molti strati sovrapposti di elementi.

L'artista si avvale di serigrafia come segno dell'era industriale, riproducibilità, usura immagine, espansioni, ripetute immagini che assomigliano a annunci sui muri delle città, colpi spruzzo sovrapposti, e numerosi strati di vernice. "Una parte del processo comporta: fotografia, Scansione, stampa, stampa dello schermo, di ingrandimento e di imaging per la stampa in grandi supporti pittorici e l'inclusione di un numero di strati. Il lavoro subisce interferenza di tecniche diverse: olio, Acrilico, smalto sintetico, carbone e spruzzo ", cita l'artista.

Il risultato modesto del lavoro di René arriva anche da “action painting”, la sua corsa senza compromessi, le pennellate libere, gesto sciolto – derivanti dal vostro stile che non ha bisogno di affettazione.

In questa mostra, alcune esplorazioni più sobri di verde, blu – altra più radicale, portare rosa e arancio neon del decennio 90, interposti da neri radicali, gestito da carbone, spray, e smalto sintetico.

Secondo la guarigione Vanda Klabin, i movimenti di scorrimento è un processo di articolazione diversi modi di vedere, "Il campo pittorico pervaso da contrasti vivaci, armonie dissonanti, spessore tensione cromatica grumosa ed alta, Essi hanno una connotazione ambigua. Il colore è il suo veicolo espressivo e concilia elementi disparati e discordanti nella struttura schermata. "Detto Vanda.

Una parte del lavoro si ispira chiamate Rene “Frequenza Morelenbaum ", le ultime ispirazioni provenienti da album dal suono di composizioni Jaques Morelenbaum Brasile Centrale, "Ogni volta che ho sentito questo album, Ho voluto decifrare le composizioni attraverso gesti, poi produrre opere nel loro ritmo ". Rivela l'artista.

In questa mostra René porta la notizia come la fotografia, incollaggio e installazione dimensioni del rivelatore nuovo processo creativo. fotografia, o la ripartizione e talvolta come ispirazione per gli schermi, Esso contiene paesaggi urbani, muri, Pannelli catturati nei centri urbani come Parigi, Berlin e Barcellona. L'occhio sempre vigile sull'estetica del dell'effimero, manifesti detriti, grafite, fissaggi, dipinti pelati, Essi vengono catturati dall'artista.

Il legame appare come una vernice contenuti correlati, da un materiale più popolare è il cartone. Originario di marche popolari di scatole di prodotti il ​​materiale è stato lavorato con colori predominanti sugli schermi durante il processo creativo, passamanerie, e incollaggio slot liberi, ancora rivelare nuove dimensioni al concetto di decomposizione e casualità. "Decostruzione, fare e rifare parte del processo, sovrapposizioni, cancellature, prova e segnali di errore e quindi gli strati che compongono saranno, creando astratto casuale ", dice René.

Servizio :
Apertura : 16/04 a 19 hs
Esposizione : 17/04 al 02/06 (Dal martedì alla domenica) il 13 hs come 22 hs
Local: Laura Alvim Centro Culturale – AV. Vieira Souto, 176 – Ipanema
Controllare Franca

.

Sull'artista:

RENE MACHADO nato a 1969. Vive e lavora a Rio de Janeiro.

Diplomato alla Scuola di Arti Visive di Rio de Janeiro, Ha in pittura l'obiettivo principale della ricerca e di azione, ma sviluppa anche attività nel campo del design, installazioni e art direction. Il lavoro per più di 23 anni nella pubblicità dà il vostro lavoro influenza dei colori, pittura e disegno, e il rapporto ironico della pubblicità all'effimero.

Il suo lavoro è parte di una stirpe di artisti che cercano setacciare le possibilità della pittura dopo gli scoppi tecnici, visiva e concettuale causato dalla Pop Art o, ancora, dai neoexpressionistas anni 1980.

René è sede di mostre dal 2009, avendo le sue opere attraversato diversi paesi e istituzioni d'arte come: Brasile, USA, Italia, Spagna e Francia. L'enfasi sulla partecipazione ad Art Basel in 2014 da San Paolo Galleria, Mappa dell’arte no ano de 2015 a Venezia e l'esposizione “Gesti” il 2016 la Casa de Cultura Laura Alvim. René Machado è stato incluso tra i 100 artisti contemporanei scelti per il libro di Luciano Benetton Land of the Future / Artisti contemporanei provenienti da Brasile.

Circa il curatore:

KLAB di Vanda

Rio de Janeiro, dove vive e lavora.

Si tratta di uno scienziato sociale, lo storico e curatore di arti visive. Ha conseguito una laurea in Scienze Politiche e Sociali presso PUC-Rio (1967-1970) e Storia dell'Arte dalla UERJ (1975-1978) e laureato in Storia dell'arte e dell'architettura in Brasile PUC-Rio (1980-1981), dove ha lavorato come assistente organizzatore del corso (1983 -1990)) ed editore di Gávea, Dipartimento di PUC-Rio Storia (1983-2002).

E 'stato direttore generale della Municipal Art Centre Hélio Oiticica, Rio de Janeiro (1996-2000), dove ha organizzato diverse mostre di artisti brasiliani e stranieri: Amilcar de Castro, Manuel Antonio, Eduardo ha citato, Guillermo Kuitca, Hélio Oiticica e della scena americana, Iberê Camargo, José Resende, Luciano Fabro, Mel Bochner, Mira Schendel, Nuno Ramos e Richard Serra.

E 'rappresentato curatori provenienti da varie istituzioni, con opere di artisti come: Alfredo Volpi, Angelo Venosa, Antonio Dias, Celia Euvaldo, Daniel Feingold, Eduardo ha citato, Frank Stella, Henrique Oliveira, Jorge Guinle, Nelson Leirner, nero Bellavinha, Nuno Ramos, Renata Tassinari, altri.

E 'stato assistente coordinatore riscoperta nazionale mostra - Biennale 500 anni, a São Paulo (1999-2000) e curatore del modulo "La volontà costruttiva nell'arte brasiliana", 1950/1960", esposizione integrale Arte in Brasile, no Festival Europalia, apresentada No. Palazzo delle Belle Arti - Bozar, Bruxelles (2011-2012).

Ha lavorato in zona di conservazione di memoria delle collezioni culturali e attività di ricerca - file Oswaldo Goeldi, Funarte / PUC-Rio; file di Alberto da Veiga Guignard, Dipartimento di Storia, PUC-Rio; file di Raymundo Ottoni de Castro Maya, Museu da Chácara do Céu, Fondazione Museo Castro Maya / Iphan / Vitae Fondazione - e catalogazione di Antonio Carlos Jobim acquis, Faperj (2002-2004).

partecipa regolarmente a vari cultura comitati consultivi: Museu da Chácara do Céu, Raymundo Castro Fondazione Maya, Rio de Janeiro (da 1993); Paço Imperial, RJ (da 1993); Dia Center for the Arts, Nova York (1997-1998); International Council of Museums - Icom (da 1998); Consiglio della Cultura dell'Associazione Commerciale di Rio de Janeiro (da 2004). Membro del Comitato per le nomine Premio Pipa 2015 e 2019.

Nella zona editoriale, coordinati diverse pubblicazioni, così come i cataloghi e le ricerche di storia dell'arte, frequentando seminari sull'argomento. Ha diversi lavori pubblicati in libri e riviste. Attualmente lavora come curatore indipendente.

Servizio :
Apertura : 16/04 a 19 hs
Esposizione : 17/04 al 02/06 (Dal martedì alla domenica) il 13 hs come 22 hs
Local: Laura Alvim Centro Culturale – AV. Vieira Souto, 176 – Ipanema

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*