Casa / Art / L'architetto e urbanista Joice Berth è presente nel programma del ciclo del seminario Women in the Arts, promosso da MAR
Museo d'Arte di Rio. Foto: Latte di Thales.
Museo d'Arte di Rio. Foto: Latte di Thales.

L'architetto e urbanista Joice Berth è presente nel programma del ciclo del seminario Women in the Arts, promosso da MAR

In dialogo con la mostra “Casa Carioca”, il secondo modulo dell'evento affronterà il rapporto tra città, corpo e genere

Nei giorni 02 e 16 Ottobre, Museo d'Arte Rio – AS, sotto la gestione di Odeon Institute, tiene il secondo modulo del ciclo di seminari Women in the Arts. In 2020, l'evento ha come tema centrale Architettura e Urbanistica, in dialogo con la mostra “Casa Carioca”, recentemente aperto per visite programmate, in giorni e orari predefiniti, attraverso il sito web del museo.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Dopo aver discusso i problemi della città, etnia e ascendenza nel suo primo modulo, con la partecipazione di nomi come l'antropologa e curatrice Sandra Benites e l'architetto e ricercatore Bárbara Oliveira, il secondo modulo dell'evento si propone di discutere le relazioni tra la città, corpo e genere. Tra gli ospiti del programma di ottobre c'è Joice Berth, architetto, urbanista e curatore della mostra “Casa Carioca” insieme a Marcelo Campos. Beyond Berth, Gli architetti Diana Bogado partecipano ai pannelli, Emmily Leandro, Gisele de Paula, Iazana Guizzo e la studentessa di architettura Suellen Neves.

A causa dell'isolamento sociale imposto dalla pandemia del nuovo coronavirus, quest'anno il ciclo del seminario Women in Arts si è tenuto online dall'inizio di settembre, con trasmissione in diretta da canal do MAR no YouTube. I pannelli del primo modulo sono a disposizione del pubblico, in toto, sulla piattaforma digitale. Interamente insegnato da donne, il ciclo è stato suddiviso in tre moduli: Città, etnia e ascendenza; Città, corpo e genere; e città, Classe e violenza. Ogni modulo è composto da due lezioni mensili, che hanno traduzione simultanea nella lingua dei segni brasiliana (sterline).

Con la proposta di dare visibilità alla produzione culturale femminile, oltre a stimolare in generale la ricerca e lo sviluppo di progetti creati da donne, l'evento si propone inoltre di proseguire il percorso che genera la mostra “Women in the MAR Collection” (2018), approfondire discussioni e pratiche a favore dell'uguaglianza di genere, attraverso il prisma dell'intersezionalità nell'ambito delle attività e delle collezioni dell'istituzione.

PROGRAMMAZIONE:

Modulo II: Città, corpo e genere (02 e 16/10)

  • Venerdì, 02 Ottobre, dalle 17h alle 19h

Altoparlanti: Joice Berth e Emmily Leandro

Mediatore: Suellen Neves

Joice Berth – È architetto e urbanista, specialista in diritto alla città e psicoanalista in formazione. Come autore, lanciato il 2019 il libro “Potenziamento” (2019), parte della collezione Plural Feminisms (Ed. Timbro Polen / Sueli Carneiro), sotto il coordinamento di Djamila Ribeiro. Ricercatore, consigliere parlamentare per il mandato del consigliere Eduardo Suplicy, editorialista per la rivista Elle Brasil e co-curatrice della mostra “Casa Carioca”, del Museo d'Arte di Rio – AS. Discute questioni di razza e genere sui social network e in lezioni tenute presso università e aziende. È stato uno dei relatori al Brasil Fórum UK (2018), all'Università di Oxford, e presso Euroleads (2019), Francia.

Emmily Leandro – Laureato in architettura e urbanistica presso Univap, con specializzazione in pianificazione e gestione urbana da FAU / USP. Attualmente è una studentessa del master in pianificazione e gestione urbana presso IPPUR / UFRJ. Agisce come architetto e urbanista, oltre a sviluppare lavori nel campo della comunicazione, ricerca e project management. È partner di Concreto Rosa, fa parte del collettivo Terra Preta e del collettivo Massa – Causa la comunicazione, e partecipa alla gestione collaborativa di Da Praça Coworking.

Suellen Neves – Suellen Neves è di Rio de Janeiro e una studentessa laureata in architettura e urbanistica presso l'Università Federale di Rio de Janeiro, con formazione politecnica in graphic design. Ha lavorato come ricercatrice presso la Fundação Casa de Rui Barbosa, attraverso il gruppo di ricerca sulla conservazione preventiva, e come stagista presso l'Istituto Statale dei Beni Culturali - INEPAC, monitoraggio, ispezioni e ispezioni di opere e merci elencate.

  • Venerdì, 16 Ottobre, dalle 17h alle 19h

Altoparlanti: Iazana Guizzo e Diana Bogado
Mediatore: Gisele de Paula

Iazana Guizzo – Iazana Guizzo è un architetto e urbanista. Creatore dell'architettura e delle singolarità del terzo margine e del suo metodo. Professore di progettazione architettonica presso l'Università Federale di Rio de Janeiro. Dottorato in Urbanistica. Master in psicologia. Laureato in danza contemporanea. È l'autrice del libro “Riattiva i territori: il corpo e l'affetto nella questione del progetto partecipativo”.

Diana Bogado – Diana Bogado è un'attivista, femminista, architetto e urbanista, PhD in architettura presso l'Università di Siviglia; ha conseguito un post-dottorato presso il Center for Social Studies dell'Università di Coimbra e presso il Dipartimento di Museologia dell'Università Lusófona. È co-fondatrice del Museo dei traslochi di Vila Autódromo. Nel tuo percorso, ha partecipato a movimenti sociali per il diritto alla casa, oltre ad aver coordinato / collaborato a progetti urbani partecipativi in ​​Brasile e all'estero.

Gisele de Paula – Carioca, attivista del movimento nero, laureato in architettura e urbanistica presso l'Universidade Santa Úrsula. Con formazione tecnica in struttura navale di Henrique Lage (ETEHL), ha lavorato in architettura navale sotto la supervisione di Estaleiro Aliança e come stagista di architettura e urbanistica presso Tempore Engenharia e al Rio Art Museum (AS).

Il Museo d'Arte di Rio - SEA

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il Rio Art Museum è gestito dall'Istituto Odeon, un'organizzazione sociale di cultura e ha Grupo Globo come manutentore, Equinor come sponsor principale e IRB Brasil RE e Bradesco Seguros come sponsor attraverso la legge federale sugli incentivi alla cultura.

Escola do Olhar è sponsorizzata da Itaú e supportata da Icatu Seguros e Machado Meyer Advogados tramite la legge federale sugli incentivi alla cultura. Attraverso la legge di incentivazione della cultura comunale - Legge sulla ISS, è anche sponsorizzato da HIG Capital, RIOgaleão e JSL. Vale sponsorizza la mostra “Casa Carioca” attraverso la legge federale sugli incentivi alla cultura.

MAR ha anche il sostegno del governo dello stato di Rio de Janeiro e del Ministero della cittadinanza e del governo federale del Brasile, dalla legge federale per la promozione della cultura.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*