Casa / Art / Art Basel OVR: Portali: 6 Le gallerie brasiliane si presentano alla fiera online
Il record di Claudia Andujar, che fa parte del progetto "A Luta dos Yanomami", è in mostra alla Galeria Vermelho. Rivelazione.
Il record di Claudia Andujar, che fa parte del progetto "A Luta dos Yanomami", è in mostra alla Galeria Vermelho. Rivelazione.

Art Basel OVR: Portali: 6 Le gallerie brasiliane si presentano alla fiera online

Il gentile Carioca, Galleria Centrale, Galleria dell'elmo, Luisa Strina Gallery, Galeria Vermelho e Mendes Wood DM saranno nella nuova edizione della sala di visualizzazione online di Art Basel

Di 16 al 19 di giugno si svolge un'altra edizione online della fiera Art Basel. Intitolato Art Basel OVR: Portali, l'evento si concentrerà sulle pratiche di artisti che mettono in discussione i parametri che hanno plasmato la nostra condizione contemporanea, attraverso lenti attuali e storiche. 303 le gallerie partecipano alla fiera e tra queste 6 sono brasiliani e fanno parte del progetto Latitudine – Piattaforma per gallerie d'arte brasiliane all'estero, una partnership dell'Associazione Brasiliana di Arte Contemporanea (ABACT) e Agenzia brasiliana per la promozione delle esportazioni e degli investimenti (Apex-Brasil). Sono: Il gentile Carioca, Galleria Centrale, Galleria dell'elmo, Luisa Strina Gallery, Galeria Vermelho e Mendes Wood DM.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il tema della mostra di Il gentile Carioca è "Tempo" e presenta opere degli artisti João Modé, Laura Lima e Rodrigo Torres. In una delle opere esposte, di Laura Lima, intitolato Bosch Pictado, l'artista riproduce "Tentazioni di Santo Antão", de Hieronymus Bosch, dipinto in mezzo 1945 e 1500.

La Galleria Centrale ha preparato la mostra 'Documenti di barbarie', un progetto solista di Lourival Cuquinha, che propone un'indagine sul passato ancora presente, raccontare storie dal punto di vista di attori soggiogati e affrontare questioni come l'esclusione sociale, lotta dei popoli indigeni e dell'ambiente. Questo è il debutto dell'artista di Central Galeria, e il pubblico può aspettarsi ritratti di una violenta contemporaneità dell'universo di temi urgenti del nostro Paese, come il degrado dell'ambiente, l'usurpazione dei diritti delle popolazioni indigene e l'abbandono della popolazione senza fissa dimora.

La Galleria dell'elmo presenta opere di Sandra Gamarra, Jaime Lauriano e Flavio Cerqueiraque, nel tema 'I margini sono ancora dentro'. Le opere mettono in discussione i concetti di egemonia, soprattutto per quanto riguarda l'emarginazione e la memoria. Il pubblico potrà immergersi nella storia e riflettere sulle incertezze passate legate alla razza e all'identità, imparare da quanto è già successo per capire meglio cosa stiamo vivendo e prepararci al meglio per il futuro.

La Luisa Strina Gallery presenta la mostra “La mala hora”, composto da opere di artisti Jorge Macchi, Magdalena Jitrik, Luca, Marcio Galan e Renato, che portano la struttura spazio-temporale del momento attuale. Le opere ci permettono di osservare l'instabilità, fragilità, deriva e attrito.

La Galleria rossa porta un progetto solista dell'artista Claudia Andujar sui popoli indigeni Yanomami, che vivono nella foresta pluviale amazzonica. Da 1970, l'artista combatte, attraverso l'arte fotografica, per difendere queste persone che sono minacciate da attività minerarie illegali. I suoi dischi mostrano la cultura sciamanica degli Yanomami e, con l'applicazione di diverse tecniche, porta immagini a strati, movimento, dramma e intimità. La mostra, intitolato "La lotta degli Yanomami", già passato per San Paolo (IMS), Milano (Triennale), Parigi (Fondazione Cartier), ed è attualmente a londra (Barbican Center).

La Mendes Wood DM presenta otto nuove opere dell'artista franco-algerino Neil Beloufa, che ha decostruito il confine tra realtà digitale e fisica. realtà e finzione, causa ed effetto, presenza e assenza, sono le polarità che danno forma al tuo lavoro. Sviluppare la tua riflessione attraverso le sculture, video, quadri e installazioni, Beloufa riesce a decostruire le credenze del sistema contemporaneo muovendosi tra il reale e l'immaginario.

Le gallerie dei progetti Latitude ottengono maggiore visibilità attraverso le piattaforme digitali

Il mezzo digitale è diventato essenziale per le gallerie d'arte di tutto il mondo per promuovere le opere dei loro artisti rappresentati, rompere i confini e raggiungere un pubblico da diversi angoli del globo. Conoscere questo movimento e questa tendenza, il progetto Latitude sta lavorando sempre di più per posizionare le sue gallerie in importanti piattaforme digitali nel mercato dell'arte contemporanea.

Uno dei frutti di questo lavoro è l'inserimento di 14 gallerie supportate da Latitude na ArtNexus OVR con pagine dedicate a ciascuno di loro sulla piattaforma. Per accedere alle opere esposte basta entrare nel sito, fai clic su "Visualizzazione della stanza" e cerca per nome della galleria.

Na piattaforma Artsy, uno dei più riconosciuti sul mercato, al pagina delle funzionalità uscito il mese scorso con il tema “Arte Contemporanea Brasiliana” porta anche opere da gallerie supportate dal progetto Latitude. Sulla pagina, il pubblico può trovare un'opera di ciascuno dei 20 gallerie supportate dalla piattaforma dalla seconda metà del 2020. Per accedere basta accedere al link https://www.artsy.net/feature/latitude.

Per vedere le mostre, basta entrare nella piattaforma dell'evento: https://www.artbasel.com/ovr

Informazioni su Latitude – Piattaforma per gallerie d'arte brasiliane all'estero

Latitude è un programma sviluppato attraverso una partnership siglata tra l'Associazione Brasiliana di Arte Contemporanea – ABACT e l'Agenzia brasiliana per la promozione delle esportazioni e degli investimenti – Apex-Brasil, per promuovere l'internazionalizzazione del mercato brasiliano per l'arte contemporanea. Creato nel 2007, oggi ha quasi 60 gallerie d'arte mercato primario, situato in sette stati brasiliani e nel Distretto Federale, rappresentano oltre 1000 artisti contemporanei. Il vostro obiettivo è quello di creare opportunità di business all'estero arte, principalmente attraverso attività di formazione, il supporto per l'integrazione internazionale e il commercio e promozione culturale.

Il volume delle esportazioni definitive e temporanee dalle gallerie del progetto Latitude è cresciuto in modo significativo. In 2007, $ US sono stati esportati 6 milioni e, secondo l'ultimo Latitude Sector Survey pubblicato, il 2017 più di US $ 65 milioni di euro. Le gallerie Latitude erano responsabili 42% del volume totale delle esportazioni del settore nell'anno.

Dal mese di aprile 2011, quando ABACT ha stipulato un accordo con Apex-Brasil, si sono svolte 48 azioni in più di 26 diverse fiere internazionali, con circa 300 supporti concessi alle gallerie Latitude. In questo stesso periodo, furono portati in Brasile approssimativamente 250 ospiti internazionali, tra i curatori, collezionisti e professionisti del mercato, il 23 edizioni di Art Immersion Trips. Oltre a queste azioni, Latitude ha tenuto cinque edizioni della sua indagine settoriale, con dati annuali sul principale mercato brasiliano dell'arte contemporanea.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*