Casa / Art / Ema Klabin House Museum si prepara alla riapertura con le novità
Dal giugno 2021, l'Ema Klabin House Museum sta implementando una nuova identità visiva basata sulla revisione del marchio, realizzato dal designer Dárkon V. Roque.
Dal giugno 2021, l'Ema Klabin House Museum sta implementando una nuova identità visiva basata sulla revisione del marchio, realizzato dal designer Dárkon V. Roque.

Ema Klabin House Museum si prepara alla riapertura con le novità

case museo 35 secoli di arte e cultura

La casa museo completa Ema Klabin, il 2022, 15 anni dalla sua apertura al pubblico. Dato che, si è consolidata la sua presenza nel calendario culturale., e anche il suo nome è venuto ad esprimere più direttamente l'invito a visitare: di Fondazione Culturale, ha iniziato a presentarsi come Casa Museo.





In 2020, oltre a tutti i cambiamenti nella routine e nelle prestazioni provocati dalla pandemia, c'è stato anche un cambiamento nella struttura di governance dell'istituzione, con la creazione della carica di sovrintendente, assunto da Fernanda Paiva Guimarães in 3 Agosto, dopo un lungo processo di selezione.

"Nella prima settimana di lavoro, proposto, come un modo per conoscerci meglio, che avremmo lavorato tutti su un progetto da inserire nell'editto BNDES+ Matchfunding 2020. Siamo stati in grado di svilupparci in pochi giorni e più di 20 passa il progetto Digitalizzazione della Collezione Ema Klabin, finito in 7 Agosto. Il progetto è stato selezionato, contiamo sul generoso contributo di 222 sostenitori e parte delle attività culturali di quest'anno si stanno svolgendo grazie ai fondi raccolti. Questo è un buon riassunto di quello che ho trovato alla Fondazione: un luogo aperto, già con una traiettoria meravigliosa e una squadra impegnata, propositivo e creativo, il curatore più generoso che abbia mai incontrato e un Consiglio e un Consiglio pienamente impegnati per l'istituzione., fonte di fondamentale supporto in ogni fase della gestione", Conto Fernanda.

Mostre

"In vista dell'immensa sfida imposta dalla pandemia, la Casa Museo Ema Klabin, come tutti i musei e le istituzioni culturali del mondo, Ha anche iniziato a riflettere sulle sue possibilità di performance digitale, che non può più essere visto come una replica dell'esperienza fisica, ma come qualcosa di tutt'altra natura. Abbiamo proseguito con un'intensa ricerca su Ema Klabin e la collezione che ha raccolto, esplorando i temi che sono nella nostra costituzione, come collezionare, protagonismo femminile e sostegno alle più diverse forme di produzione artistica, culturale ed educativo. Continuiamo a cercare di collegare questi elementi al mondo contemporaneo e, ora, affrontiamo la realtà digitale", commenti Paolo, chi ha sviluppato, in periodo di pandemia, as exposições digitais “Ballata del terrore e 8 Variazioni", di Maria Bonomi, "Disastri di guerra", de Francisco de Goya e "Il falsario spagnolo", quest'ultimo pubblicato lo scorso maggio. Tutte le attività dei centri di performance, arti visive, I corsi e l'azione didattica di Casa Museu sono stati tradotti anche nella realtà digitale, reunidas na ação #CasaMuseuEmCasa iniciada ainda em março de 2020. Le mostre digitali sono accessibili attraverso il sito web emaklabin.org.br e la maggior parte delle attività offerte digitalmente sono disponibili sul canale YouTube di Ema Klabin House Museum.

Formato ibrido

da quest'anno, la scommessa è sul formato ibrido, che mescola faccia a faccia e digitale. Come risultato del progetto Digitalizzazione, è inoltre prevista la prima attività di realtà virtuale presso Casa Museu., em desenvolvimento com a Junglebee, produtora do multiartista Tadeu Jungle.

Per un po, è possibile visitare fisicamente il giardino, dal Mercoledì alla Domenica, da 11:00 a 16:00, con permanenza fino alle 17h, ma Casa Museu si prepara a riaprire al pubblico a settembre, con visite programmate. Il processo è monitorato da vicino da Fernanda e Paulo, con i protocolli di biosicurezza elaborati dalla consulenza ChP, con la partecipazione di tutta la squadra.

Da 2018, la curatela della Casa Museu definisce un tema su cui lavorare durante tutto l'anno, che guida il programma culturale ed è registrato dalla pubblicazione Cadernos da Casa Museu Ema Klabin. per il prossimo anno, na celebração dos 15 anni di visite pubbliche à Casa Museu, Paulo Costa propôs o tema dicotomie.

"L'idea è quella di mobilitare i binomi sacro/profano, studioso / popolare, civiltà/barbarismo, culturale / naturale, altri, proporre una rottura con i binarismi che stanno facendo tanto male a tutte le sfere della vita umana, oltre a rivalutare il ruolo dei musei nel presentare le proprie collezioni al pubblico”, dice Paolo.

Sono pianificati, per 2022, due mostre che evidenzierà questa proposta in dialogo con la Collezione Ema Klabin. I dettagli saranno condivisi a breve.…

Servizio:
Casa Museo Ema Klabin
riapertura: Settembre
Accedi ai nostri social network:
Instagram: @emaklabin
Facebook: www.facebook.com/fundacaoemaklabin
Cinguettio: twitter.com/emaklabin
Canal do YouTube:
www.youtube.com/channel/UC9FBIZFjSOlRviuz_Dy1i2w
LinkedIn: www.linkedin.com/company/emaklabin
Sito: emaklabin.org.br
*Come per tutti i nostri eventi gratuiti, invitiamo chiunque apprezzi Casa Museu Ema Klabin e possa contribuire al mantenimento delle nostre attività a sostenerci con una donazione volontaria sul nostro sito web.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*