Casa / Art / “Dio ha detto: FATELI LUCE! E la luce è stata fatta” | Genesi 1,3

“Dio ha detto: FATELI LUCE! E la luce è stata fatta” | Genesi 1,3

Genesi secondo Eva
do grego genesi, “sorgente di vita, nascita, fonte”

Museu de Arte Sacra de São Paulo – ma/SP, istituzione del Dipartimento della Cultura e dell'Economia dello Stato di São Paulo creativo, presenta il esposizione "Genesi secondo Eva", artista Eva Soban, sotto la curatela di Denise Mattar, composta por 15 elementi in forme intrecciate che presentano il mito di Creazione del mondo e la saga di Frutto proibito dal punto di vista dell'artista. “Lo scopo della mostra è quello di stimolare una riflessione sulla necessità fondamentale di affrontare sfide e divieti, che ha sempre guidato le scelte umane – nel bene e nel male”, definisce curatore.





un secolo fa, agli albori del movimento modernista, l'artista Regina Gomide Graz ha inserito il “fare tessile” come forma artistica nel segmento delle arti visive ed è di questa fonte che si nutre Eva Soban per creare opere uniche, delicato ma con messaggi e concetti predeterminati frutto di ricerca e studio costanti. L'artista si dedica da tempo all'argomento – “Nell'ultimo anno ho sentito un appello interiore, un bisogno di luce. Stiamo vivendo momenti di vita x morte, Facendo a pezzi. Circondato da credenze e pensieri discutibili. Ho sentito questo bisogno di tornare alle origini e cercare di capire”.

Eva Soban narra i primi capitoli della Genesi usando dei fili, sfruttando la sua flessibilità, tensione ed elasticità, presentare una lettura creativa del racconto biblico. Le diverse trame che utilizza, e variazioni dal piano al tridimensionale, svelare tutto il legame e il potere ancestrale che la fibra sa evocare senza perdere la sua contemporaneità. L'installazione è parallela all'attuale analisi teologica, che vede nella Genesi una sintesi «di preoccupazioni universali sull'origine dell'uomo e del suo mondo, i mali che ti affliggono, e i pericoli che lo minacciano”. 'Sia la luce', è la prima azione di Dio, e l'artista immagina come sarebbe il Vuoto, la Luce Divina che si manifesta e irrompe nell'oscurità. “Pensa alle strutture e alla plasticità delle galassie, con le tue stelle, gas e polvere, vincolato da una forza invisibile. E proprio così costruisce il primo atto di creazione: a strati neri, con fili sciolti, legati invisibilmente, un tessuto senza tessuto, con scintillii e colori tenui che si sovrappongono, produrre nuovi colori”, spiega Denise Mattar.

Inserito nel giardino di nuova realizzazione, emergere a Albero della vita – colorato e invitante, con molti frutti e fiori, che rappresenta l'abbondanza offerta all'uomo; e un Albero della conoscenza, del bene e del male, l'albero proibito, nero, con un solo frutto, con tutte le energie che guidano la vita umana. Questo paradosso lascia domande senza risposta… Perché la Conoscenza sarebbe negata all'Essere Umano? Perché gli uomini preferivano affrontare il proibizionismo divino? Dio avrebbe negato La Conoscenza per risparmiare gli uomini dal Dolore? Come possibile risposta alle domande che in realtà rappresentano la lotta incessante che l'umanità deve condurre contro le forze del male, una lotta implacabile dove, a volte, l'uomo è un vincitore. Questa redenzione, quasi sempre temporaneo, chiude la mostra ed è rappresentato da una pioggia di frutti dorati – Frutto proibito – ora trasparente, morbido, multiforme – e liberato dal suolo.

"Eva Soban parte della generazione dei pionieri che, Nel 1970, ha aperto nuove possibilità per i media flessibili, creando opere scultoree e tridimensionali in fibra, che rovesciò l'intonacatura delle categorie artistiche allora esistenti. Il tuo approccio diversificato al tessile, utilizzato come veicolo per la loro creatività, la colloca tra i nostri artisti più interessanti”. Denise Mattar

Esposizione: "Genesi secondo Eva"

Artista: Eva Soban

A cura di: Denise Mattar

Apertura: 22 Gennaio - sabato - dalle 11:00 alle 14:00

Periodo: di 23 da gennaio a 20 Marzo 2022

Local: Museu de Arte Sacra de São Paulo || MAS / SP

Indirizzo: Avenida Tiradentes, 676 -Luce, Sao Paulo (Tiradentes station della metropolitana)

Telefono: 11 3326-5393 - Informazioni aggiuntive

Orari: Da martedì a domenica, il 09 às 17h (ingresso consentito fino alle 16:30)

Ingresso: R $ 6,00 (Un unico pezzo) | R $ 3,00 (metà ingresso nazionale per studenti, insegnanti della scuola privata e I.D. giovane – previa dimostrazione) | sabato libero | esenzioni: bambini fino a 7 anni, adulti da 60, insegnanti della scuola pubblica, disabile, membri ICOM, polizia e militari – previa dimostrazione

OBBLIGATORIO USO DI MASCHERINA E PRESENTAZIONE DELLA PROVA DI VACCINAZIONE

I BIGLIETTI SI POSSONO ACQUISTARE TRAMITE IL SITO DEL MUSEO – collegamento ai biglietti

Numero di opere: 15 – 12 opere e 3 strutture

Tecniche: cuciture in fili diversi, feltro e supporto in legno

Dimensioni: vario

Media digitali

Sito: www.museuartesacra.org.br

Instagram: www.instagram.com/museuartesacra

Facebook: www.facebook.com/MuseuArteSacra

Cinguettio: twitter.com/MuseuArteSacra

Youtube: www.youtube.com/MuseuArteSacra

Google Arts & Cultura: bit.ly/2C1d7gX

Eva Soban (Sao Paulo, SP) inizia il suo coinvolgimento con l'universo delle arti, attraverso la fotografia e la pittura. Tuttavia, il suo innato desiderio per il lavoro manuale e il suo interesse per la ricerca della tessitura – atto primordiale dell'uomo – gli fece sostituire la macchina fotografica e le spazzole con fili e trame. Il modo in cui sono stati usati l'ha sedotta; aveva bisogno di creare la propria lingua e ci riuscì. Esprimi sempre la tua sensibilità, è un riferimento quando si tratta di trame. Nelle sue opere più recenti, crea sculture tessili esplorando materiali insoliti e nuove forme, cercando un rinnovato vigore alla sua creazione e all'arte in generale.

Eva Soban è premiato dal Museo di Arte Moderna di San Paolo, e ha partecipato a diverse mostre, individuale e collettiva, in musei e gallerie, in Brasile e all'estero.

Ha nel suo curriculum le tre Biennali di Arte Tessile al MAM/SP e le ultime edizioni della Biennale di Arte Tessile Contemporanea promossa dalla WTA in Messico, Montevideo e Madrid, come artista ospite.

Denise Mattar (Sao Paulo, SP) – È stata curatrice della Casa Museo Brasiliana, SP 1985 al 1987, del Museo di Arte Moderna di San Paolo, di 1987 al 1989 e il Museo d'Arte Moderna RJ de 1990 al 1997. Come curatrice indipendente, ha realizzato mostre retrospettive di artisti come Di Cavalcanti, Flávio de Carvalho (Premio APCA), Ismael Nery (Premi APCA e ABCA), Pancetti, Anita Malfatti, Samson Flexor (Premio APCA), Portinari, Alfredo Volpi, Guignard, tra l'altro. In 2019 ha ricevuto nuovamente l'APCA Award per la retrospettiva Yutaka Toyota presentata al Museum of Modern Art di Rio de Janeiro, Museo FAAP di arte brasiliana, San Paolo e Museo Nazionale, Brasilia, DF. In 2020 ha tenuto la mostra Iberê Camargo – Il filo di Arianna, presso la Fondazione Iberê, che si è recato all'Instituto Tomie Ohtake in 2021. Anche in 2021 presentato gli spettacoli: Un fienile di artisti, al Museo FAAP di arte brasiliana, SP, Sacilotto- La vibrazione del colore, alla Galleria Almeida e Dale, SP e 50 duetti, presso la Fondazione Edson Queiroz di Fortaleza, CE

Il Museo

Il Museu de Arte Sacra de São Paulo, istituzione del Dipartimento della Cultura e dell'Economia dello Stato di São Paulo creativo, Si tratta di uno dei più importanti del suo genere nel paese. E 'il risultato di un accordo siglato tra il governo e Mitra Stato arcidiocesi di San Paolo, il 28 Ottobre 1969, e la sua data di installazione 29 Giugno 1970. Dato che, gli Museu de Arte Sacra de São Paulo Egli è venuto ad occupare un'ala del Monastero di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione della Luce, sulla Avenida Tiradentes, centro di San Paolo. L'edificio è uno dei più importanti monumenti di architettura coloniale São Paulo, costruita di terra battuta, raro esempio rimanendo in città, ultima farm convento città. E 'stato indicato dal Storico e Patrimonio Artistico dell'Istituto Nazionale, il 1943, e il Consiglio per la difesa del patrimonio, Architettura artistico e lo Stato di San Paolo, il 1979. E 'gran parte della sua collezione anche elencati per IPHAN, da 1969, il cui inestimabile patrimonio comprende reliquie di storie in Brasile e in tutto il mondo. Il Museu de Arte Sacra de São Paulo custodisce una vasta collezione di opere realizzate tra il XVI e il XX secolo, contando con esemplari rari e significativa. Non ci sono più di 10 mille voci della raccolta. Ha opere di nomi riconosciuti, come Frei Agostinho da Piedade, Frei Agostinho de Jesus, Antonio Francisco Lisboa, il "Aleijadinho" e Benedito Calixto de Jesus, tra i tanti, anonimo o no. Notevoli sono anche le collezioni di presepi, argenteria e gioielli, lampadários, mobili, pale d'altare, altari, abbigliamento, libri liturgici e numismatica.

Di Arte Sacra Museo SAO PAULO - MAS / SP

Presidente del Consiglio di Amministrazione – José Roberto Marcellino dos Santos

direttore esecutivo – José Carlos Marcal de Barros

Direttore della Pianificazione e Gestione – Luiz Henrique Neves Marcon

Museóloga - Beatriz Cruz

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*