Casa / Art / Esposizione “Fauna e flora brasiliane” presenta litografie con uccelli dell'Amazzonia catalogate da Emílio Goeldi e xilografie con fiori di Oswaldo Goeldi

Esposizione “Fauna e flora brasiliane” presenta litografie con uccelli dell'Amazzonia catalogate da Emílio Goeldi e xilografie con fiori di Oswaldo Goeldi

Il giorno successivo 5 Giugno, Giornata Mondiale per l'Ambiente, sarà aperto a Taubaté, non Via Vale Garden Shopping, la mostra “Fauna e flora brasiliane”.

Lo spettacolo ha, in Camera della fauna, 48 listoni in metacrilato con il 337 specie di uccelli dell'Amazzonia catalogate dallo zoologo e scienziato svizzero Emílio Goeldi nel periodo in cui diresse l'ex Museo Paraense di Storia Naturale ed Etnografia, successivamente denominato Museu Paraense Emilio Goeldi, in suo onore.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

In Camera Flora sono 22 xilografie colorate con il tema dei fiori brasiliani, lavori eseguiti da Oswaldo Goeldi (1895-1961), figlio di Emílio Goeldi, considerato il più influente flauto dolce brasiliano.

Complementare, un video sugli uccelli brasiliani sarà proiettato in una delle tre sale della mostra, con accessibilità audio e descrizione in libbre. Inoltre, il pubblico potrà imparare un po 'sulla vita e la storia di Emílio Goeldi, impavido naturalista svizzero che è andato in Amazzonia con la moglie e sei figli per inseguire un sogno: ricerca di specie brasiliane e dell'Amazzonia, regione con una delle più ricche rappresentazioni ornitologiche del mondo.

Due delle opere in mostra “Fauna e flora brasiliane – Emílio Goeldi e Oswaldo Goeldi”.

Per arricchire l'esperienza, i visitatori della mostra potranno utilizzare la tecnologia della Realtà Aumentata, dare vita alle opere: gli uccelli, per esempio, può essere visto in movimento.

Tutti i visitatori riceveranno un catalogo cartaceo e avranno anche accesso a un'applicazione mobile sviluppata appositamente da Progetto Goeldi. È possibile accedere all'applicazione in un secondo momento, prolungare per il visitatore l'esperienza della mostra.

La mostra è curata da Lani Goeldi, pronipote di Oswaldo Goeldi. La proposta, dice, è “aderire, in una proposta senza precedenti, il lavoro di padre e figlio che ritraggono la nostra biodiversità in un modo unico, evidenziando la fauna e la flora brasiliane e il tema della conservazione ambientale”.

per la prima volta - Il naturalista e zoologo svizzero-tedesco Emílio Augusto Goeldi (1859-1917), arrivato in Brasile alle 21 anni. È venuto su invito del Museo Imperiale, essere nominato vicedirettore della sezione di zoologia. Rimase al Museo per cinque anni, pubblicare numerosi articoli di ricerca e articoli su vari argomenti, con enfasi sugli studi sui rettili, insetti, aracnidi, mammiferi e uccelli. In 1893, su invito del governatore del Pará, ha assunto la direzione del Museo Paraense di Storia Naturale ed Etnografia - che in 1900, in suo onore, aveva il suo nome cambiato in Museu Paraense Emílio Goeldi -, con la missione di trasformarlo in un importante centro di ricerca nella regione amazzonica. Rimase a capo del Museo fino al 1907, facendo un lavoro fondamentale lì. Gran parte dell'Amazzonia è stata visitata da lui, con raccolte intensive per formare le prime collezioni zoologiche, botanico, geologico ed etnografico.

Goeldi ha assunto il fotografo per il Museo, disegnatore e litografo tedesco Ernst Lohse. Profonda conoscenza dell'ambiente amazzonico, era Lohse che ha illustrato il libro “Album di Amazon Birds”, modificato da Goeldi il 1900, con 48 tavole sublimi con disegni di 337 specie di uccelli dell'Amazzonia catalogate da Emílio Goeldi. Gli originali, litografie acquerellate, sono al Museo di Storia Naturale di Berna, Svizzera.

Stampato su metacrilato, nessun formato 65 cm x 45 cm, come 48 le schede vengono ora presentate pubblicamente per la prima volta durante la fiera “Fauna e flora brasiliane”.

Prime stampe moderne - Registratore, progettista, illustratore e insegnante, Oswaldo Goeldi (1895-1961) è nato nella città di Rio de Janeiro nel 1895. Subito dopo la tua nascita, e fino all'età di sei anni, viveva a Belém con i suoi genitori. Poi ha vissuto in Svizzera, dove ha studiato arte e ha incontrato l'opera dell'austriaco Alfred Kubin, quella sarebbe diventata la sua più grande influenza artistica. In 1919, poco dopo la morte del padre, Tornò in Brasile, prendere residenza a Rio de Janeiro. Ha lavorato come illustratore e in 1921 ha fatto il suo primo individuo brasiliano, presso la High School of Arts and Crafts. Considerato l'autore delle prime stampe moderne in Brasile, da 1923 si dedicò intensamente alla xilografia. Dalla metà degli anni 1930 iniziò a sperimentare l'uso del colore nelle sue xilografie.

Ha lavorato per le riviste, libri e periodici. Durante la sua carriera ha tenuto numerose mostre individuali e collettive, seguiti da tanti altri avvenuti dopo la sua morte, in Brasile e all'estero. Espone alla XXV Biennale di Venezia in 1950. Ha vinto il Print Prize alla I Biennale di Venezia nel 1950. Ha vinto il Print Prize alla prima Biennale Internazionale di San Paolo, il 1951. Oggi, è venerato nel mondo artistico e le sue opere sono un riferimento nel campo della stampa a livello mondiale.

Xilografie di Oswaldo Goeldi presentato in fiera “Fauna e flora brasiliane” foram realizadas durante a década de 1950 per ordine di Editora Agir, azienda in cui l'artista ha lavorato come illustratore. Mai pubblicato, sono stati conservati per decenni in una collezione privata. Para a criação das obras o artista inspirou-se nas memórias dos primeiros anos de sua infância, quando viveva a Belém e viveva con la vita quotidiana di suo padre, lo zoologo e naturalista Emilio Goeldi. secondo Lani Goeldi, “in queste colorate xilografie l'artista ritrae la natura in un modo unico, con colori e luci stampati in un modo mai visto prima, rivelando la necessità consapevole di essere sempre vicini alla natura”.

Il progetto Goeldi – Sediado em Taubaté, SP, gli Progetto Goeldi, costituita sotto il nome Associazione Culturale Artistica Oswaldo Goeldi, Fu creato nel 1978 con l'obiettivo di collezionare, valorizzare e perpetuare il lavoro di Oswaldo Goeldi.

Tra le sue responsabilità c'è la raccolta dell'intero set visivo registrato e prodotto dall'artista, oltre alla catalogazione e organizzazione di tutto il materiale documentario, artistico, personale e intellettuale. Sono incisioni, disegni e inchiostro in più di 2.000 fabbrica, oltre agli array, oggetti personali, libri e documenti.

L'istituzione ha realizzato una serie di mostre ed eventi culturali dentro e fuori il Brasile, contribuendo in modo determinante alla formazione di un pubblico specializzato in arti visive.

diretto da Lani Goeldi, pronipote di Oswaldo Goeldi, il progetto mira in primo luogo “pubblicizzare il lavoro dell'artista e portare il lato intimo di questo incisore così rispettato dagli intellettuali e così vicino ai poveri ed esclusi alla comunità”. Con questo concetto, dice, “gli Progetto Goeldi interpreta la rinascita dell'anima dell'artista e la sua passione per la stampa”.

Servizio - “Fauna e flora brasiliane”, esposizione con 48 Tavole di uccelli amazzonici da Emílio Goeldi e 22 xilografie colorate di Oswaldo Goeldi, ha apertura 5 Giugno, Sabato, al 2 ° piano di Via Vale Garden Shopping -Av. Dom Pedro I 7181, quartiere São Gonçalo, TAUBATE, tel. (12) 3683-1000.
Visitatori fino al 5 Agosto, Sabato - dal lunedì al sabato da 10 a 20 ore e la domenica da 12 a 20 ore. L'ingresso è gratuito.
La mostra “Fauna e flora brasiliane” è un risultato di Associazione Culturale Artistica Oswaldo Goeldi e fare Progetto Goeldi, con il sostegno ProAC-Programma di azione culturale del governo statale di San Paolo, Lei Aldir Blanc, e fare Via Vale Garden Shopping.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*