Casa / Art / Esposizione Foto di Ema Klabin
Punti caldi di SP, Casa-museo Ema Klabin ha più di 1500 opere d'arte. Foto Henry Luce.

Esposizione Foto di Ema Klabin

ritratti umani sono sempre stati presenti in arte, la vernice è, scultura o fotografia. A exposição destaca três retratos da colecionadora

Fino a 15/12
Curatore Paulo Costa

Fino al giorno 15 Dicembre, da mercoledì a domenica, dalle 14h alle 18h, la Casa Museo Ema Klabin promuove la mostra "Ritratti di Ema Klabin ", com curadoria do arquiteto Paulo Costa. Alla mostra, il pubblico può controllare evidenziato, all'ingresso di spazio culturale, obras que retratam a mecenas e colecionadora que deixou como legado o Museu que leva seu nome e é um dos grandes pontos turísticos de São Paulo.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Per tutta la vita, EMA Klabin (1907 – 1994) encomendou apenas três retratos, tutto tra la fine 1940 e l'inizio 1950. As obras foram produzidas em diferentes expressões artísticas, uma pintura à óleo de Arthur Kaufmann (1949), uma escultura de Bella Karawaewa Prado (1954) e una serie di fotografie di Gregori Warchavchik (1940).

Secondo il curatore Paolo Costa, os três retratos de Ema Klabin foram produzidos em um período marcado por importantes mudanças em sua vida pessoal e transformações no cenário econômico e cultural de São Paulo, che ha suscitato per un momento di progresso e stabilità provocata dalla fine della seconda guerra mondiale.

"Dopo la morte di suo padre Hessel, il 1946, Ema Klabin ha cessato di essere la sorella di mezzo che si prese cura di suo padre e, a quarant'anni, E 'diventato una donna indipendente, la personalità e l'atteggiamento. E 'proprio in questo momento che Emma inizia a formulare un nuovo personaggio pubblico per se stesso, che continuerà fino alla fine della vita: l'imprenditore e mecenate, collettore e viaggiatore instancabile, spirito libero e nobile ", spiega Paolo Costa.

In comune nei ritratti Ema Klabin, Paulo Costa aponta a forma despojada em que a colecionadora se apresenta, con abiti e acconciatura semplice e senza gioielli o ornamenti, portando attenzione alla sua espressione facciale e il suo sguardo, riflessivo e lontano.

Il curatore sottolinea inoltre che altro denominatore tra artisti e il collettore - che era probabilmente determinante nella scelta - è il fatto che tutti sono parte dei movimenti migratori che segna l'inizio del XX secolo. Emma era la figlia di immigrati lituani (educato in Svizzera e Germania), Kaufmann un Ebreo tedesco, espulsi dai nazisti, che è stabilito negli Stati Uniti. Entrambi Warchavchick come Bella fosse da Odessa (Ucraina), lei è venuto in Brasile come un bambino e ha studiato con i maestri della nostra modernità, e si laurea in Architettura a Roma.

I ritratti del periodo di attuazione è anche significativo per lo sforzo congiunto intrapreso da paulistanos famiglie e immigrati alla creazione di istituzioni culturali tradizionali, che avrebbe plasmato l'identità culturale di San Paolo. Tra loro: a criação do MASP (1947), per MAM (1948), la realizzazione del 1 ° Biennale (1951), si conclude con le grandi mostre della città IV Centenario (1954), che ha inaugurato il Parco Ibirapuera.

Servizio:
Esposizione Ritratti di Ema Klabin – A cura di: Paulo de Freitas Costa
Dati: Fino a 15 Dicembre
visite gratuite: 4 a Domenica, dalle 14h alle 18h, registrazione non è necessaria
Ingresso: Sabato, Domenica e festivi: ingresso libero. De 4ª a 6ª : $ 10 – Nessun orario
Local: Ema Fondazione Klabin
Indirizzo: Via del Portogallo, 43, Jardim Europa – Sao Paulo. Tale: 11 3897-3232
emaklabin.org.br

.

Le opere presentate:

  • Arthur Kaufmann (Mülheim, Germania, 1888 - Nova Friburgo, RJ, 1971). Ritratto di Ema Klabin, 1949. Olio su tela, 100 x 73 cm.
  • Bella Karawaewa Prado (Odessa, Ucraina, 1925). Ema Gordon Klabin, 1954. intonaco, 41 x 23,5 x 26 cm
  • Gregori Warchavchik (Odessa, Ucraina, 1896 - Sao Paulo, SP, 1972). serie fotografiche Ema Klabin (Serie I - anni 1940, Serie II - 1951).

A proposito di Ema Klabin – Una donna davanti al suo tempo:

EMA Klabin (1907 – 1994) foi educada na Europa, spesso visitare il Brasile. Sotto la supervisione di tutor, E 'diventato un ammiratore di belle arti, opera e musica. Demonstrou desde cedo apreço pelo colecionismo.

In 1946, Hessel Klabin morto, lasciando in eredità alle figlie Ema ed Eva Klabin tutti i suoi averi e la denominazione Ema come suo successore nel consiglio di amministrazione dell'azienda. Nessun piano di mettere su famiglia, Emma ha cominciato a dedicarsi alla attività di business e alle attività filantropiche e culturali di San Paolo. Inoltre si è dedicato alla espandere la sua collezione d'arte, principalmente alle acquisizioni effettuate nei loro frequenti viaggi.

In 1948, Ema ha commissionato studi architettura per la costruzione di una nuova residenza per il fatto che il padre aveva ereditato in Jardim Europa, onde hoje funciona a Casa-Museu Ema Klabin.

Emma ha avuto una partecipazione attiva alla vita culturale della città. E 'stato membro della Fondazione Biennale di consigli São Paulo, MASP, do Museu de Arte Moderna de São Paulo. Collaborato alla realizzazione del Museo Lasar Segall e la Tagliaferro Fondazione Magda, foi sócia da Sociedade Cultura Artística e da Orquestra Filarmônica de São Paulo, altri. La sua casa divenne un luogo di incontro attivo per importanti personalità del mondo della politica, affari e le arti. E dopo la sua morte, in una casa-museo aperto ai visitatori.

Casa-Museu Ema Klabin abriga grandes nomes da arte:

La Fondazione Ema Klabin, in Jardim Europa, a São Paulo, Ospita una preziosa collezione di oltre 1500 fabbrica, tra russi dipinti di Marc Chagall e olandese Frans Post, paranchi Valentine Maestro Miner, mobili, pezzi archeologici e arti decorative.

Design Engineer architetto Alfredo Ernesto Becker, la Casa Museo Ema Klabin è stato ispirato dal Palazzo di Sanssouci, a Potsdam, vicino a Berlino, frequentato da Ema in gioventù. Il palazzo ha più di dieci anni per costruire, da studi preliminari (1950) Ema per spostare in modo permanente (1961).

La collezione è stata acquisita da Ema Klabin in gallerie in tutto il mondo e negozi di antiquariato. Uno dei primi acquisti, il 1948, Si è tenuto su suggerimento di Pietro Maria Bardi, che poi avviato la formazione della raccolta MASP.

The Garden House, in forma sinuosa e con una splendida stagno koi, È stato progettato da uno dei più importanti architetti del paesaggio del secolo 20, Roberto Burle Marx.

Oltre alla collezione permanente che può essere visitato dal Mercoledì alla Domenica, dalle 14h alle 18h, Casa Museo promuove anche varie attività culturali come: spettacoli, concerti, mostre, lezioni, Corsi, uffici d'arte, chattare con gli artisti, altri.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*