Casa / Art / Esposizione: Sala Nazionale, – giorno di apertura 27 Novembro – Galeria Marcelo Guarnieri
Leda Catunda - Recinzione per bambini piccoli, 1983 - acrilico su tessuto - 80 x 114 cm. Foto: Rivelazione.
Leda Catunda - Recinzione per bambini piccoli, 1983 - acrilico su tessuto - 80 x 114 cm. Foto: Rivelazione.

Esposizione: Sala Nazionale, – giorno di apertura 27 Novembro – Galeria Marcelo Guarnieri

Galeria Marcelo Guarnieri è lieta di presentare, fra 27 Novembre 2021 al 29 Gennaio 2022, “Sala Nazionale”, Mostra collettiva che riunisce opere di Alex Vallauri, Amelia Toledo, Brancusi, BOI, Carlos Fajardo, Cassio Michalany, Claudio Kuperman, Claudio Tozzi, Dudi Maia Rosa, Fabio Miguel, Flávia Ribeiro, Guto Lacaz, Ivald Granato, José Resende, Leda Catunda, Luiz Paulo Baravelli, Marisa Bicelli, Siron Franco, Thomaz Ianelli e Zé Bico. “Sala Nazionale” è una mostra che parte del lavoro con lo stesso titolo tenuto in 1986 di Guto Lacaz. Nella commedia di Lacaz, viene allestita una mostra con miniature di opere di diversi artisti attivi in ​​quel periodo.





L'esposizione “Sala Nazionale” rievoca questo progetto a misura d'uomo con opere degli stessi artisti, ampliandolo dall'inclusione di altri artisti di quella stessa generazione.

Il modello per il Salone Nazionale è stato creato in Brasile nella prima metà del XIX secolo dalla Missione Artistica Francese, fondatore dell'Accademia Imperiale di Belle Arti, poi Scuola Nazionale di Belle Arti. Il "Salone Nazionale delle Arti Plastiche" appare in 1933 sotto il nome di "Salão Nacional de Belas Artes". Per dar conto di una produzione sempre meno accademica, crea te stesso, il 1951, una sessione di arte moderna, dando origine al “Salone d'arte moderna”. Durante i decenni di 1960 e 1970, periodo di dittatura militare, i saloni stanno perdendo il prestigio che avevano fino ad allora, essere estinto in 1978 e reintegrato da Funarte con il titolo di “Salone nazionale delle belle arti”.

Nel 1980, il Salone acquisisce un ruolo fondamentale all'interno del circuito dell'arte. Essendo uno dei pochi luoghi di proiezione per artisti che iniziano la loro carriera, ha avuto anche il premio in due modalità: Viaggiare in campagna o viaggiare all'estero. A spettacoli, che ha avuto un processo di selezione competitivo, è servito come una sorta di vetrina che ha avvicinato la produzione del giovane artista non solo al pubblico, ma anche ai membri della giuria., chi erano i curatori, rispettati artisti e commercianti. Nel 1980, periodo di apertura politica e di graduale ridemocratizzazione, partecipare all'Esposizione Nazionale significava fare un passo importante verso l'integrazione in un circuito che cominciava a rafforzarsi economicamente attraverso la costituzione e la professionalizzazione di un mercato dell'arte.

Il “Sala Nazionale” di Guto Lacaz è stato mostrato per la prima volta in “Muamba”, mostra tenutasi a 1987 nel Sottodistretto Commerciale di Art, galleria di San Paolo che si è riunita nella sua programma espositivo i principali nomi della pittura dell'epoca. Oltre ad aver partecipato per la seconda volta consecutiva alla Bienal de São Paulo con le sue performance e installazioni, Lacaz si sarebbe imbarcato l'anno successivo per la Francia, dove vorresti partecipare alla mostra? “Modernità – L'arte brasiliana nel XX secolo” presso il Museo di arte moderna, Parigi. Anche se il mercato era, allora, nutrendosi della vernice, Gli oggetti low-tech e umoristici di Guto, che dalla storia dell'arte rimandava al mito del progresso, circolato con una certa fluidità attraverso il circuito più istituzionale. Loro “macchine inutili” ha proposto un modo meno protocollare di relazionarsi con l'oggetto d'arte, dove la serietà ha lasciato il posto alla risata, incorporando uno spirito Dada nelle loro proposte, come in “Radio di pesca”, set di otto radio le cui antenne sono state trasformate in canne da pesca. Mi riferisco ancora a Duchamp e ai suoi “nudo giù per una scala, nº2”, propone un approccio sintetico e ironico nella sua sperimentazione con la pittura in “uomo sulle scale” lavoro che, oltre a far parte di quella mostra al Subdistricto Comercial de Arte, aveva partecipato alla sua installazione alla 18° Bienal de São Paulo ed è attualmente visibile alla Pinacoteca de São Paulo nella mostra “la macchina del mondo: arte e industria in Brasile 1901 – 2021”.

Nella sua versione della National Hall, Lacaz presenta altre opere di artisti che hanno partecipato alle precedenti edizioni della mostra, come Flávia Ribeiro, Carlos Fajardo, Luiz Paulo Baravelli, Dudi Maia Rosa, Cassio Michalany e Fabio Miguez. E fai qualche tributo: all'attore, illustratore e cenografo Patricio Bisso, grande figura della scena di San Paolo del decennio di 1980, attraverso l'inserimento della fotografia di Marisa Bicelli; all'artista Alex Vallauri, deceduto quello stesso anno, pioniere dei graffiti in Brasile, con cui ha partecipato alla Bienal de São Paulo in 1985; a Around Magazine; al maestro della scultura Constantin Brancusi e a Leda Catunda, che è rappresentato da una fotografia pubblicata sulla stampa dove è stata descritta in modo sessista come la proprietaria del “le ginocchia più belle dell'arte brasiliana”. Lacaz rafforza il tono ironico del suo pezzo, comprese altre due opere senza paternità, come il “un artista hippie entrato per sbaglio nel salone”. In questa serie di tredici opere, ce n'è un altro che non è mai esistito al di fuori di quel modello: un “Metodo” Luiz Paulo Baravelli.

Dall'invito a tenere questa mostra alla Galleria Marcelo Guarnieri, il dipinto guadagna un corpo di quasi due metri di altezza, 35 anni dopo che è stato disegnato: “Faccia a Guto”. Baravelli giustiziato, in acrilico ed encausto su compensato, l'opera che Guto Lacaz aveva disegnato in miniatura come se fosse un'altra della serie “Facce” che il suo amico aveva esposto alla Biennale di Venezia in 1984. Per questa Mostra, oltre alle opere di riferimento dell'opera di Guto Lacaz, vengono presentati anche dipinti e sculture dell'epoca prodotti da artisti coeviventi come Boi., che ha esposto frequentemente al Sub-distretto di Comercial de Arte, Amelia Toledo, Siron Franco, Ivald Granato, Claudio Tozzi, Claudio Kuperman, Thomaz Ianelli, José Resende e Zé Bico, nomi importanti nella produzione artistica del 1980.

SERVIZIO
Galeria Marcelo Guarnieri
Esposizione: Sala Nazionale
Periodo di esposizione: 27 Novembre 2021 al 29 Gennaio 20212
Ingresso libero
Alameda Lorena, 1835 - Giardini
Sao Paulo - SP - Brasile / 01424 002
tel +55 (11) 3063 5410 / | contato@galeriamarceloguarnieri.com.br
se stessi - il sesso: 10dalle h alle 19.
Sabato – 10H alle 17 ore
Per maggiori informazioni, accedere alla pagina www.galeriamarceloguarnieri.com.br

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*