Casa / Art / La mostra “Nobody's Land” di Elisa Bracher alla Galeria Estação
Elisa Bracher, Senza titolo, 2018, Monotipo su carta di riso con interferenza di gesso litografico, olio di lino, pigmento e vernice, 50 x 65 cm. Foto: Rivelazione.
Elisa Bracher, Senza titolo, 2018, Monotipo su carta di riso con interferenza di gesso litografico, olio di lino, pigmento e vernice, 50 x 65 cm. Foto: Rivelazione.

La mostra “Nobody's Land” di Elisa Bracher alla Galeria Estação

GALLERIA DELLA STAZIONE

ELISA BRACHER: TERRA DI NESSUNO

Con un'installazione, grafica, monotipo, dipinti su carta, incisioni e sculture, l'individuo “Terra di Nessuno”, di Elisa Bracher, alla Galeria Estação, a São Paulo, propone, dalla sua poetica contemporanea, figurazioni e oggetti traccia artefatto, materie prime e tecniche manuali tradizionali

con il gesto del fare, presente in modi diversi nella produzione e nel percorso artistico di Elisa Bracher, "terra di nessuno", mostra personale dell'artista alla Galeria Estação, SP, espone dalla sua poetica contemporanea, figurazioni e oggetti traccia artefatto, materie prime e tecniche manuali tradizionali. La esposizione, della quale prima in 28 Agosto, Sabato, a 11h, e rimane fino a 2 Ottobre 2021, caratteristiche 35 fabbrica disposti in tre spazi della Galleria, tra elas, grafica, monotipo, dipinti su carta, Stampe, sculture e un'installazione.





All'ingresso della Galeria Estação, un'enorme scultura angelica in legno curvata sulla parete e appoggiata sul pavimento, si inclina verso lo spettatore. in realtà, questo lavoro parte dalla forma dei trogoli, quegli antichi utensili in cui venivano conservati cibo e pasti, e nello spazio espositivo sbilancia il nostro sguardo e perde la sua originaria funzionalità.

Una seconda scultura, un cubo aperto fatto di canniccio e fango – una tecnica utilizzata per costruire vecchie case popolari all'interno –, è tagliato, non più, com'era tradizionalmente, da un albero, ma da un bastone. La terza è una scultura in legno e ceramica materializzata in tre blocchi di legno sovrapposti, in cui le tipiche case degli interni, fatto di canniccio e fango, sono incorporati, lasciando solo le loro facciate evidenti. Il quarto riprende la plastica delle case incastonate nelle strutture, ma, questa volta, con i blocchi inchiodati al muro e posizionati fianco a fianco. La quinta scultura presenta una base di terra rotonda inclinata, con una struttura in legno supportata sulla parte superiore.

L'installazione espone le tracce del legno, marmi e ceramiche, materiali che sembrano supportati l'uno dall'altro, come se cercassero di delimitare uno spazio tra l'interno e l'esterno dell'opera. Come sottolinea Elisa Bracher: “Questa mostra presenta opere iniziate più di dieci anni fa. Disegni e incisioni mostrano montagne e paesaggi che si dissolvono e si ricostruiscono nel tempo. Le sculture sono avvenute solo quando hanno trovato un posto dove stare. Quando abbiamo deciso di tenere la mostra alla Galeria Estação, i lavori sono nati. In me già abitato, ma mancava il luogo che li avrebbe accolti. L'installazione Rimane nel nuovo corpo è il passaggio".

Le cinque sculture e installazione che verranno mostrate al pubblico, e che portano elementi della tradizione della cultura materiale brasiliana, dialogo con i disegni. nel tuo processo, Bracher parte fare materiale, è lui che suggerisce la forma e la costruzione dell'immagine. A differenza delle linee delle incisioni, Strumenti di precisione in metallo su carta di riso, nei disegni, le colline tracciate in linee sottili e fragili suggeriscono un distacco, una partenza da terra. "Si librano su una superficie macchiata da una sfumatura di ossidazione o sangue coagulato.. sono visioni da lontano, molto lontano, da posti là fuori, ma che nessuno vede da vicino", dice Tiago Mesquita in un testo curatoriale.

A sua volta, il lavoro con i monotipi presenti in mostra parte da un dialogo con il direttore e pianista Rodrigo Felicissimo. Bracher esercita in questo linguaggio visivo la marcatura spaziale formata da linee staccate sopra le curve e le forme delle montagne. È un paesaggio plastico che dialoga con la ricerca del pianista.

La ricerca di Felicissimo si concentra su uno dei metodi di creazione del direttore d'orchestra Heitor Villa-Lobos. Per la composizione della Sinfonia n. 6, intitolato "Sopra la linea della montagna", Villa-Lobos compose il disegno della partitura musicale basandosi sull'osservazione delle curvature delle linee che le cime delle montagne tracciano all'orizzonte. Sia nella sinfonia che nella ricerca di Bracher, la forma manifestata nello spazio non è slegata dall'astrazione del suono; felice, il paesaggio sonoro espande i sensi attraverso la percezione del paesaggio plastico.

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA "LAND OF NOBODY" DI ELISA BRACHER CON IL TASCABILE DI MÔNICA SALMASO E IL PIANISTA RODRIGO FELICÍSSIMO.

Con la partecipazione speciale della cantante Mônica Salmaso, accompagnato in uno spettacolo tascabile dal direttore e pianista Rodrigo Felicissimo, l'inaugurazione della mostra “Nobody's Land”, mostra personale di Elisa Bracher alla Galeria Estação, Quello che succede giorno 28 Agosto, Sabato, às 11h, mette in relazione il lavoro dell'artista in monotipo con la ricerca musicale di Felicissimo.

Nas monotipico, Bracher esercita la nozione di paesaggio visivo, con la marcatura spaziale formata da linee staccate sopra le curve e le forme delle montagne. A sua volta, La ricerca di Felicissimo sul paesaggio sonoro si basa su uno dei metodi di creazione del direttore Heitor Villa-Lobos; per la composizione della Sinfonia n. 6, intitolato "Sopra la linea della montagna", Villa-Lobos ha concepito il disegno della partitura musicale basandosi sull'osservazione delle curvature delle linee che le cime delle montagne tracciano all'orizzonte.

SERVIZIO
Mostra personale “Terra di nessuno”, di Elisa Bracher, alla Galeria Estação.
Apertura: 28 Agosto 2021, Sabato, às 11h.
Dati: 30 Agosto (secondo) quotidiano 2 Ottobre (Sabato).
Orari: dal lunedì al venerdì, da 11.00 a 19:0 / Sabato, da 11:00 a 15:00.
Indirizzo: Rua Ferreira Araújo, 625 – Pini – San Paolo / SP | MOBILE: 05428-001
Cellulari: 11 3813.7253 e 11 3813.6355
www.galeriaestacao.com.br

 

SULLA GALLERIA DELLA STAZIONE

Con una collezione tra le più importanti del Paese, la Galleria della Stazione, inaugurato non fine 2004, è stato consacrato per rivelare e promuovere la produzione di arte brasiliana non erudito. La galleria è stata responsabile dell'inclusione di questo linguaggio nella scena dell'arte contemporanea, curando pubblicazioni e conducendo mostre personali e collettive all'interno e all'esterno del paese.

Galeria Estação lavora con opere di noti autodidatti provenienti da varie regioni del Brasile, come Agostinho Batista de Freitas, Alcides dos Santos, Amadeo Luciano Lorenzato, Artur Pereira, Aurelino dos Santos, Chico Tabibuia, Cicerone Alves dos Santos-Véio, G.T.O, Gilvan femminile, Itamar Giulio, João Cosmo Felix-Nino, José Antonio da Silva, José Bezerra, Manuel Graciano, Maria Auxiliadora, Mirian Ines da Silva, Torri di neve, altri.

Attualmente, la galleria ha incorporato nel suo cast artisti del circuito artistico contemporaneo le cui opere dialogano con la creazione non erudita, nel ruolo di José Bernno, Germana Monte-Mór, Patrizio di Mosè, Santídio Pereira e André Ricardo.

A partire da questa rara competenza, lo spazio riesce ad offrire un panorama storico e attuale di una produzione che ha superato i limiti dell'arte popolare, mentre indaga su nomi che, indipendentemente dall'allenamento, lavorare con elementi dalla stessa fonte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*