Casa / Art / “Parla a un filo "
Installazione Laura Freitas. Foto: Rivelazione.

“Parla a un filo "

Laura Freitas occupa Candido Portinari Galleria, UERJ.

Installazione con i video e 1.200 Crochet miscelato in frammenti suggerisce eggshells forme organiche e paesaggi morbidi.

Exhibition va da 4 da luglio a 22 Agosto,
a cura di Fernanda Piccolo.

Su 4 Luglio, l'artista Laura Freitas inaugura la mostra "Io parlo a un filo", in Galleria Candido Portinari, nel campus della UERJ. Laura, che fa uso di diversi tipi di supporti nella tua lingua, salva in mostra i fili e tessitura, che per tanti secoli hanno occupato un posto riservato per le donne: luogo domestico. L'artista prende questo al "femminile" e privata in una galleria d'arte, spazio pubblico. A cura di Fernanda Piccolo, la mostra rimarrà aperta fino 22 Agosto. L'ingresso è gratuito.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Installazione di Laura Freitas si compone di due video e circa 1.200 frammenti realizzati con gusci d'uovo composizione crochet. la trama, cerchi concentrici stanno in falli leggeri e fragili, formando un ambiente soft e delicato che risveglia il desiderio attraverso il tatto. “Parlo uova – uova vuote, uova fragili. Parlando reti a maglia, fori violati dall'umidità degli occhi e la lingua. colloquio intimo, sensazioni, incontri, scambi. speak affetto. In una grande massa di fori, volumi e texture. Parla a un filo ", dice l'artista, che ci invita a pensare a un mondo più flessibile in cui la rigidità e la verticalità perdono il posto di potere. Per il progetto, l'artista ha avuto la partecipazione volontaria di un gruppo di donne tra i 21 e 80 anni, che si sono riuniti in incontri settimanali roping punti in comune con l'altro: filo e discorso.

I lavori in mostra si riferisce all'azione di artisti come Judy Chicago e Myriam Schapiro, della quale, il 1972, Hanno creato il womanhouse, importante mostra d'arte che ha caratterizzato le opere dei co-fondatori del programma, così come le donne artisti della comunità locale. che l'esposizione, l'uso di tecniche storicamente codificato sotto l'etichetta di femmina, artigianato e, pertanto, caratterizzato come inferiore, Si sono presentati come una scelta di politica confronto "alcune leggi non scritte interessanti su quello che è considerato temi e materiali per rendere l'arte appropriate", Come dice Schapiro. L'uso strategico del filo mentre si parla è presente anche nella mitologia greca, Penelope, o per controllare il destino dei mortali e di determinare il corso della vita umana, come il potere risolutivo delle Moire.

Laura Freitas

Vive e lavora a Niterói, RJ. Laureato in Educazione artistica, Ha iniziato i suoi studi presso la School of Visual Arts di Parque Lage, il 2013, frequentando corsi tenuti da João Carlos Goldberg, Franz Manata e Iole de Freitas. Tra 2004 al 2007, Ha partecipato a mostre collettive in spazi di Rio de Janeiro, come il Calouste Gulbenkian Arts Center e il Bishop Museum Rosario, e, a Niterói, dove ha fatto la sua prima mostra individuale, bozzoli, la sala José Cândido de Carvalho. In 2016, esposto alla galleria Quirino Campofiorito – Centro Culturale Paschoal Carlos Magno, a Niterói, con i singoli (Ri)raccogliere. In 2017, partecipato a gruppo alla Axis galleria d'arte virtuale e spettacolo TILLER, no Espaço MarciaXClayton (RJ). Ha inoltre presentato le prestazioni Convite para um chá de frutas vermelhas, da Axis Art, in Bhering fabbrica (RJ). In 2018, esposto in mostre collettive: Eixo Arte galeria virtual e Serendipty, in C. Galleria (RJ).

Fernanda Piccolo

Nato a Rio de Janeiro, il 1983, E 'professore associato di storia dell'arte presso l'Istituto d'Arte della State University di Rio de Janeiro, dove ha servito come coordinatrice della mostra alla Cultura, di 2016 al 2018. E 'dottore di ricerca in Arti Visive presso la Scuola di Specializzazione of Visual Arts di Belle Arti presso l'Università Federale di Rio de Janeiro, con periodo di panino al Chelsea College of Arts (University of the Arts), Londra. È membro della redazione di riviste e concinnitas arte background. Autore di Lygia Pape e Hélio Oiticica: conversazioni e attriti poetiche (Apicuri, 2013). Atti regolarmente come curatore dal 2009. Tra il suo stand curatoriale fuori: Possibilità di Studio contemporanea (Funarte / EAV Parque Lage, 2009), Viva i Longuinhos Vila! (Museo Murilo La Greca, 2009), ascolto immagine (Ibeu, 2011), Giocare (Museo Bispo do Rosario Arte Contemporanea, 2013-14), Noi (Casella di cultura, 2016-17), Pentole a pressione anche ping (Municipal Art Centre Hélio Oiticica, 2017), lordo (Galleria Candido Portinari, 2018), Immagine-esperienza (A Mesa, 2018), tra l'altro.

Galleria Candido Portinari

Candido Portinari Gallery è uno spazio potente di diffusione delle arti visive per la promozione, nei suoi diversi processi, media e linguaggi dell'arte contemporanea, valori artistici, educativo, simbolico e culturale. Quindi, spazio si presenta come un importante strumento di diffusione pratiche istituzionali, senza creare gerarchie tra conoscenza e la pratica diversa, pari opportunità a coloro che hanno le arti un campo di progetto, azioni e pensieri.

Servizio
Esposizione: Parlo da un filo
Artista: Laura Freitas
A cura di: Fernanda Piccolo
Apertura: 4 Luglio (Giovedi), de 18h às 20h.
Visitazione: 5/7 al 22/08/19, dal lunedì al venerdì, di 10 às 19h
Ingresso gratuito
Local: Candido Portinari Gallery - UERJ (Università di Stato di Rio de Janeiro)
Fine.: Rua Francisco Xavier, 524, Maracanã, Rio de Janeiro – RJ

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*