Casa / World Art / Cinema / Film «La donna alla finestra»: Cos'è l'agorafobia?

Film «La donna alla finestra»: Cos'è l'agorafobia?

Il film "La donna alla finestra", il nuovo successo di Netflix, affronta l'agorafobia, un disturbo d'ansia. O dottore di ricerca, il neuroscienziato e neuropsicologo Fabiano de Abreu spiega cos'è la malattia, così come la diagnosi e il trattamento.

secondo Fabiano de Abreu, non stanno emergendo nuovi disturbi, ma l'attuale condizione sociale finisce per sfociare nell'avvicinarsi di malattie di cui si parla poco, come con l'agorafobia. La patologia è evidenziata nel film «La donna alla finestra», una delle produzioni più viste attualmente in onda streaming Netflix Portogallo e Brasile.





Nel lavoro, Anna Volpe, protagonista interpretato dall'attrice Amy Adams, ha agorafobia. Dalla finestra della tua magione, a New York City, ha guardato la vita in città fino a quando non ha finito per assistere a un crimine, un evento che aggrava il tuo disturbo.

Fabiano de Abreu ritiene che il film traccia un parallelo con la vita reale: “L'agorafobia è un tipo di ansia anche relativamente comune, ma finisce per essere innescato dal verificarsi di alcuni episodi di attacchi di panico. Un individuo che ha un tale disturbo tende a rimanere in casa., perché hai paura di uscire, poiché ritiene che possa essere pericoloso, anche non essere". Per il neuroscienziato, il lavoro presenta in modo interessante la paura e la reclusione che sono il risultato di un trauma legato alla perdita. l'isolamento, di conseguenza, accade per paura di trovarsi in luoghi o situazioni che potrebbero scatenare attacchi di panico o imbarazzo.

L'agorafobia è una malattia cronica che può durare per anni o per tutta la vita.. Tra le persone che hanno questo tipo di disturbo, 30 al 50% soffre anche di disturbo di panico. La malattia colpisce più donne che uomini., in una relazione di 2 per 1. I sintomi principali sono le paure legate all'essere in mezzo alla folla, ranghi di fronte, luoghi chiusi, trasporto pubblico, spazi aperti e solitudine.

“Le situazioni sono anticipate nell'immaginazione e sono innescate da una semplice paura di ciò che potrebbe o non potrebbe accadere.. La persona fa una proiezione di una realtà che, la maggior parte del tempo, non succederà", spiega.

La maggior parte dei casi si presenta prima 35 anni di età e la diagnosi viene fatta per un periodo di sei mesi o più. Durante questo periodo, il medico o lo psicologo accompagna il paziente, valutare il livello di paura e ansia. Se l'ansia non si placa, iniziano i trattamenti.

Il processo è impegnativo, in quanto viene eseguita attraverso la terapia dell'esposizione, in cui l'individuo è aiutato ad apprendere nuovi modi di comportarsi in situazioni che danno origine alla paura. Anche la terapia cognitivo-comportamentale fa parte del processo., può richiedere l'uso di antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (ISRS).

A proposito di Fabiano de Abreu

Dottore e Master in Psicologia della Salute presso l'Université Libre des Sciences de l'Homme di Parigi; Dottore e Master in Scienze della Salute in Psicologia e Neuroscienze presso la Emil Brunner World University; Master in Psicoanalisi presso Instituto e Faculdade Gaio, Unesco; Post-laurea in Neuropsicologia da Cognos de Portugal; Tre post-laurea in neuroscienze, cognitivo, infantile, apprendimento di Faveni; Specializzazione in proprietà elettriche dei neuroni ad Harvard; Specialista in Nutrizione Clinica presso TrainingHouse de Portugal.

Neuroscienziato, Neuropsicólogo, Psicologo, analista, Giornalista e filosofo membro della Società Portoghese di Neuroscienze (SPN), della Società Brasiliana di Neuroscienze e Comportamento (SBNEC) e da Federazione delle Società Europee di Neuroscienze (FENS).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*