Casa / Art / GAL riflette sulla follia nel suo primo lavoro per l'ambiente virtuale
Esperienza XSINDZIVXS. Foto: Maju Pereira.
Esperienza XSINDZIVXS. Foto: Maju Pereira.

GAL riflette sulla follia nel suo primo lavoro per l'ambiente virtuale

In "Esperienza XSINDZIVXS", Gli artisti del gruppo teatrale di São José do Rio Preto si ispirano all'Hospital Colônia de Barbacena e alla traiettoria di Dzi Croquettes. Premiere ha prove aperte, chat e sessioni online, attraverso ProAC Expresso LAB

Gruppo teatrale con sede a São José do Rio Preto (SP) con 10 anni di esperienza, che porta temi urgenti alla sua ricerca come l'incomunicabilità e l'intolleranza, il Madness Support Group (GAL) debutta a marzo il suo ultimo lavoro, "Esperienza XSINDZIVXS", il primo per il supporto digitale. Di 22 della Marcia 14 Aprile, il pubblico potrà seguire gratuitamente la programmazione online attraverso i media digitali del gruppo, che promuoverà un processo aperto, sei chat su argomenti trattati nel lavoro e sei presentazioni seguite da circoli di conversazione.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

In "Esperienza XSINDZIVXS" (lê-se disindisivis), cinque personaggi vengono lasciati in un ospedale psichiatrico e, attraverso le loro testimonianze, mettono in relazione le loro vite sulla base dei concetti di follia imposti dalla società, riflettendo sulle loro esperienze e sul posto nel mondo. L'opera si ispira al caso dell'Ospedale Colônia de Barbacena, Minas Gerais (noto come "Olocausto urbano", raffigurato nel libro di Daniela Arbex), dove 60 migliaia di brasiliani sono morti per cause diverse, da quando fa freddo, Fome, malattie ed elettroshock. La maggior parte delle persone è stata ricoverata in ospedale psichiatrico, Inaugurato nel 1903, non aveva disturbi mentali. Erano donne, persone di colore, LGBT, prostitute, persone con epilessia, alcolisti, persone che sono scappate dagli standard accettati nella società.

Un altro riferimento GAL per la costruzione dello spettacolo è stata la traiettoria di Dzi Croquettes, trasgressore del gruppo teatrale che ha infranto i tabù nel 1970, sotto il regime militare, promuovere rotture estetiche e artistiche, con uomini vestiti da donne sul palco, usando glamour e irriverenza per aggirare la censura. Da queste diverse realtà, il gruppo riflette su temi come il razzismo, femminismo, follia e censura.

“Il nostro obiettivo era riunire questi estremi, anche se non uguali. Come sarebbero quelli che dicono tutto attraverso una risata, se fossero bloccati in una realtà di smaltimento umano?", chiede Murilo Gussi, Fondatore di GAL, che firma la regia e l'illuminazione nei lavori. “Partendo dalla premessa del significato del nome dello spettacolo, XSINDZIVXS, significa indicibile, cosa non si può dire, non pronunciabile, uno che dice ciò che non si può dire, abbiamo sollevato temi che sono necessari per la riflessione oltre il palcoscenico ", Aggiunge. Temi ancora considerati tabù o poco discussi a causa della loro complessità, come, per esempio, diversità sessuale, razzismo, disuguaglianza sociale, modelli di normalità, tra gli altri che costruiscono la drammaturgia, i personaggi e i loro obiettivi.

Il cast creativo è formato da Christina Martins, Diego Neves, Suria Amanda |, Cassio Henrique e Daniel Bongiovani. Clayton Nascimento (CLA. fare Sal) è responsabile della preparazione del cast e di Jandilson Vieira (Gruppo Redimunho), dal drammaturgismo. Entrambi sono stati guide del GAL nel processo di creazione, attraverso il programma Qualification in Arts. La costruzione dello spettacolo è iniziata nel 2018. In 2019, il gruppo è stato immerso nella ricerca drammaturgica e nello sviluppo e sperimentazione di alcune scene. In 2020, il gruppo ha interrotto il processo di persona e ha iniziato a indagare sulle possibilità dell'audiovisivo, che ha portato alla "esperienza XSINDZIVXS".

“Nella costruzione di questa drammaturgia, arriviamo a capire che siamo il risultato di una società basata sulla ragione, che inconsciamente teme la follia. Le loro convinzioni basate sui principi cristiani cancellano tutti coloro che non si adattano all'attuale normalità ", continua il regista. Nota che gran parte della drammaturgia è nata dall'identità degli artisti, che mettono in dubbio la mascolinità, i comportamenti, i silenzi, le intolleranze e la negazione dei loro corpi politici nel mondo. “L'esperienza di XSINDZIVXS propone di trasmettere il messaggio attraverso la grazia e la poesia a coloro che non possono tollerare di ascoltarci, alla classe che svaluta tutto e tutti quelli che non raggiungono i suoi standard normativi. Diamo voce e visibilità a chi rappresentiamo e ai margini ”, riflette.

Le presentazioni in linea iniziano alle 30 Marzo e vai a 14 Aprile, sempre il martedì, 19h, e il mercoledì, 22h, capelli youtube (bit.ly/YouTubeGAL) e Facebook (@grupodeapoioaloucura). Alla fine di ogni sessione, si terrà una conversazione con il cast, direzione e pubblico. Sarà coperto il processo di creazione, universo e tema proposto dall'opera e la sua approssimazione al presente, oltre ai temi della resistenza vissuti dagli artisti del GAL.

Nella settimana che precede le presentazioni, il pubblico potrà seguire una prova aperta e tre chat con gli ospiti sui temi trattati dal progetto, con la mediazione degli artisti del gruppo. Il lunedì (22/3), às 17h, ha prove aperte (il cast parteciperà a distanza, dalle loro case), e, alle 20:0, chattare su "La storia della follia e il (des)ragione umana ", con la storica e psicologa Jessica Oliveira, e la mediazione di Murilo Gussi. Sulla base dell'analisi del libro "História da Loucura", di Michel Foucault, la discussione riguarderà domande su come pensiamo e ci relazioniamo alla follia e quale progetto di follia ha creato la società contemporanea.

il Martedì (23/3), la conversazione verterà su “Resistance Theatre – Il corpo nero sulla scena ", con l'attore, regista teatrale e professore Clayton Nascimento, mediata dall'attrice Christina Martins. Mercoledì (24/3), l'attrice e attivista del Movimento Nero di Catanduva (MNC) Jessica Souza affronterà il tema “Razzismo, Black Pride e Black Art ", con la mediazione dell'attore Diego Neves.

Le chat verranno trasmesse su Instagram (@_grupodeapoioaloucura) e gli altri incontri saranno il lunedì. In 29 Marzo, il tema da trattare sarà “L'identità in teatro, Riflettendo sul posto dell'individuo nell'arte ", con Jandilson Vieira, direttore artistico e attore. In 5 Aprile, sarà "Censura e LGBTfobia", con l'attivista trans per i diritti umani Evelyn Guttierrez. Chiusura della serie, giorno 12 Aprile, Nathalia Fernandes, attrice, direttore culturale e produttore, parlerà di "Le onde del femminismo e del presente", con la mediazione dell'attrice Suria Amanda.

Informazioni sul GAL

Fondata nel 2010 del multi-artista Murilo Gussi, o GAL (Madness Support Group) ha nel suo repertorio tre montaggi basati sul lavoro del drammaturgo Tennessee Williams, "DANNATO!" (2011), “BLANCHE!" (2012) e "Fammi sentire" (2014), e le opere “PUTO!" (2016) e "Cabarexistence" (2017), il secondo con la drammaturgia di Gustavo Colombini e la guida di Georgette Fadel.

“BLANCHE!"Ha portato la partnership del progetto Qualification in Arts" Ademar Guerra ", essere guidati da artisti come Alexandre Dal Farra, Imara Reis, Cassio Pires, André de Araújo, Leonardo Antunes e Márcia Baltazar. La sua ricerca rilevante e il suo flirt con la performance sono stati menzionati nel libro "Evocações da Arte Performática" [2010-2013], organizzato da Paulo Aureliano da Mata e Tales Frey.

Il gruppo ha partecipazioni a festival come FIT a São José do Rio Preto (2014 e 2018); FRANGIA, a Curitiba (2014) e Satiri, Sao Paulo (2016). È anche il creatore di MADRE (Mostra di arti sulla diversità e la resistenza), svolto in collaborazione con altri collettivi a São José do Rio Preto, già con tre edizioni.

Con il progetto "XSINDZIVXS Experience", il gruppo era uno di quelli selezionati dalla ProAC Expresso LAB Edital 36/2020, "Produzione e stagione di spettacoli teatrali con presentazione online", Segretario alla Cultura e all'economia creativa del governo statale.

Sinossi:

XSINDZIVXS: proviene da INDIZIBLE, L'indicibile.1 Cosa non si può dire. 2 Quello o chi è stato annullato / escluso per non aver rispettato la normalità. 3 Non pronunciabile, non presentabile, improprio, non appropriato, censurato. 4 Colui che dice ciò che non si può dire. Fai quello che non si può fare. È quello che dicono di non essere.

Cinque personaggi vengono lasciati in un ospedale psichiatrico e attraverso le loro testimonianze raccontano la loro vita, dai concetti di follia imposti dalla società.

Factsheet:

Cast creativo: Christina Martins, Diego Neves, Suria Amanda |, Cassio Henrique e Daniel Bongiovani
Direzione e illuminazione: Murilo Gussi
coreografia: Diego Neves
Colonna sonora: Magia nera, Diego Neves e Lucca Lourenço
Lettera: Christina Martins e Diego Neves
Guida artistica attraverso l'Arts Qualification and Casting Preparation Program: Clayton Nascimento
Guida artistica attraverso il programma di qualificazione in arti e drammaturgia: Jandilson Vieira
Fotografia e grafica: Maju Pereira
Acquisizione e modifica di video: Marcelo Nogueira e Camila Côrtes
Supporto alla modifica: Daniel Bongiovani
La Produzione: Suria Amanda |
Ufficio stampa: Graziela Delalibera
Parental Guidance: 14 anni
Durata: 35 minuti

SERVIZIO:
Esperienza XSINDZIVXS, del Madness Support Group (GAL). Prima stagione: 22 della Marcia 14 Aprile. Saggio aperto (22/3, 17h) e presentazioni seguite da chat (30/3 al 14/4, Martedì, 19h, e mercoledì, 22h): Youtube (bit.ly/YouTubeGAL) e Facebook (@grupodeapoioaloucura). Bate-papos com convidados (22, 23, 24 e 29/3, 5 e 12/4, 20h): Instagram (@_grupodeapoioaloucura). Gratis.

 

PROGRAMMA COMPLETO:

22 Marzo, Lunedi

17h: Saggio aperto

20h: Chat "La storia della follia e il (des)ragione umana ", con Jessica Oliveira, storico e psicologo. Mediazione: Murilo Gussi

Sulla base dell'analisi del libro "História da Loucura", di Michel Foucault, svilupperemo una discussione sugli stimmi e le costituzioni del “irragionevole”, le sue pratiche di asilo concrete e simboliche e le implicazioni per il tempo presente. Come pensiamo la follia? Come ci relazioniamo alla follia? Qual è il folle progetto che la società contemporanea ha creato?

Jessica Oliveira è una storica, psicologo e psicodrammatista. Attualmente, è psicologa clinica ed educatrice socioemotiva presso la Coopen School. Attivista femminista di Colectives Together, leader sindacale di Sinpro-RP (Unione degli insegnanti della rete privata), membro della CRP-SP History and Memory Commission.

23 Marzo, Martedì

20h: Chatta “Teatro della Resistenza – Il corpo nero sulla scena ", con Clayton Nascimento, attore, regista e insegnante di teatro. Mediazione: Christina Martins

Come la storia del Brasile ci ha eliminato dai processi educativi, creazione artistica e appartenenza sociale? In che modo i racconti delle scene attuali possono aiutarci a ripensare e raccontare la storia delle arti e dell'educazione del nostro popolo?

Clayton Nascimento è un attore, regista e insegnante di teatro. Laureato presso Célia Helena e ECA / USP, l'artista ha studiato anche alla SP Escola de Teatro e alla Escola de Arte Dramatic. È stato consulente del programma Ademar Guerra, ed è attualmente professore al Teatro Escola Célia Helena.

24 Marzo, il mercoledì

20h: Chatta "Razzismo, Black Pride e Black Art ", con Jessica Souza, attrice. Mediazione: Diego Neves

E quando chiudi gli occhi, è il nero che vedi! nero! Allora, apri gli occhi.

Jessica Souza, attrice e attivista, usa la sua arte come protesta con il Movimento Nero di Catanduva (MNC). A 23 anni, ha iniziato la sua vita artistica a 9 anni. Passato da alcuni gruppi nella tua città, Catanduva (SP), Compreso, Stazione Grupo Velha, CLA. Bão di capra e fiore di Chita.

29 Marzo, Lunedi

20h: Chatta “Identity in Theatre, Riflettendo sul posto dell'individuo nell'arte ", con Jandilson Vieira, direttore artistico e attore. Mediazione: Cassio Henrique

Una chiacchierata sul teatro, drammaturgie, performance e creazioni dal nostro posto nel mondo.

Jandilson Vieira ha agito come advisor nel Arts Qualification Program in 2019 e 2020. Ha lavorato come educatrice presso l'Instituto Criatar e il programma Young Cultural Monitor e nel progetto di residenza artistica per donne nere, Progetto mondiale in audiovisivo. Da allora fa parte del Gruppo Redimunho 2010, dov'è assistente alla regia, direttore artistico e attore.

30 Marzo, Martedì

19h: Presentazione seguita da chat con il cast, con la mediazione di Murilo Gussi

31 Marzo, il mercoledì

22h: Presentazione seguita da chat con il cast, con la mediazione di Christina Martins

5 Aprile, Lunedi

20h: Chatta "Censura e fobia LGBT", con Evelyn Guttierrez, Trans Ativista de direitos humanos. Mediazione: Daniel Bongiovani

L'ignoranza è la fonte di tutti i pregiudizi. Una conversazione sulla necessità di riflettere su nuove strategie per la rivoluzione e la libertà.

Evelyn Gutierrez,31 anni, é Trans Ativista de direitos humanos. Co-fondatore e co-fondatore di Casa Nem RJ, Coordinatore statale LGBTT di PSOL- SP, creatore di Capacita Trans e anche CosturaNem. Produttore culturale, e fotografo.

6 Aprile, Martedì

19h: Presentazione seguita da chat con il cast, con mediazione di Cassio Henrique

7 Aprile, il mercoledì

22h: Presentazione seguita da chat con il cast, con la mediazione di Diego Neves

12 Aprile, Lunedi

20h: Chatta "Le onde del femminismo e l'attualità", con Nathalia Fernandes Ribeirão, attrice, direttore culturale e produttore. Mediazione: Suria Amanda |

Una conversazione sul femminismo intersezionale nel tempo. Cosa abbiamo infatti portato dalla sua origine e come dialogare con le nostre notizie.

Nathália Fernandes è un master in finanza solidale applicata a collettivi culturali presso l'Università Federale di São Carlos (UFSCar), docente al Corso Tecnico d'Arte Drammatica a Senac Franca, attrice, direttore culturale e produttore. A São José do Rio Preto, ha diretto l'azienda. Scenografico allo spettacolo di strada femminista “Nessun altro”.

13 Aprile, Martedì

19h: Presentazione seguita da chat con il cast, con mediazione di Daniel Bongiovani

14 Aprile, il mercoledì

22h: Presentazione seguita da chat con mediazione di Suria Amanda

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*