Casa / Art / L'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro offre quattro spettacoli inediti del famoso regista teatrale italiano Pippo Delbono gratuitamente

L'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro offre quattro spettacoli inediti del famoso regista teatrale italiano Pippo Delbono gratuitamente

L'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro offre quattro spettacoli inediti del famoso regista teatrale italiano Pippo Delbono in sei lingue diverse. Senza precedenti nella storia del teatro, l'iniziativa unica ha coinvolto più di dieci istituzioni culturali Nel mondo intero.

Il prossimo spettacolo che sarà reso disponibile sarà Orchidee (orchidee), Non Sabato, 20. Toda programaçao é disponível con sottotitoli in spagnolo, Portoghese, Francese, Inglese, Polacco e italiano.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Gli spettacoli saranno disponibili in streaming sulla piattaforma Vimeo attraverso il sito web IIC e i social network

Orchidee (orchidee) - 20 Giugno vimeo.com/408064853

Vangelo (Vangelo) - 27 Giugno

vimeo.com/408083747

All'inizio di giugno, gli Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro inaugurato il ciclo “Streaming teatro italiano”Con la presentazione di quattro spettacoli da parte del regista Pippo Delbono, un artista apprezzato e riconosciuto in tutto il mondo per la creazione di spettacoli caratterizzati da un'intensa attività di ricerca estetica e per aver portato in scena personaggi con una straordinaria corporalità, capace di infondere un senso unico di umanità e solidarietà. Delbono è usato in teatro per mostrare esperienze di vita.

Já foram disponibilizados dois grandes espetáculos. Os próximos são Orchidee (orchidee), Non Sabato, 20, e Vangelo (Vangelo), su 27.

Il progetto internazionale, di cui Istituto Italiano di Rio de Janeiro è l'unico partner in Brasile, riunisce una decina di istituzioni culturali in tutto il mondo e mira all'internazionalizzazione del teatro italiano, Promozione, contemporaneamente, la diffusione della lingua, della letteratura e della cultura italiana nel suo insieme.

Ci sono quattro spettacoli in tutto, negli ultimi dieci anni, che raccontano il teatro e anche la storia personale di questo famoso e inquieto regista teatrale, capace di emozionare e conquistare il pubblico italiano e internazionale: Questo buio feroce di 2006 (Questa feroce oscurità), Dopo la battaglia di 2011 (Dopo la battaglia), Orchidee di 2013 (orchidee) e Vangelo di 2016 (Vangelo). Avevano tutti un lungo percorso itinerante intorno al mondo, com teatros sempre lotados. A partir de sábado, 06 Giugno, il pubblico sarà in grado di guardare dalle loro case in versione completa. I video non sono semplici riprese, sono versioni cinematografiche, registrato con tre telecamere contemporaneamente, degli spettacoli nati dalla scena.

"Streaming theatre" è un risultato dell'istituzione italiana Teatro ERT-Emilia-Romagna con la collaborazione e il supporto di Istituti di cultura italiani a Rio de Janeiro, di Parigi, di Buenos Aires, di Santiago del Cile, di Lisbona e di Varsavia, SITF – Festival internazionale del teatro di Sibiu, fare Festival di Malta Poznan, fare Teatro Colosseo di Buenos Aires e Fondazione Teatro a Mil de Santiago. Em colaboração com o Instituto de Cultura Italiano de Lisboa, IIC Rio ha contribuito alla traduzione dei sottotitoli in portoghese.

Pippo Delbono è uno degli artisti più apprezzati e rappresentati in Italia e all'estero. No Brasil, ha presentato lo spettacolo "From manure is born a flower" al Festival di Porto Alegre sul palco - 2000, al teatro Bruno Kiefer. Gli spettacoli che verranno presentati in questo ciclo rappresentano un percorso emozionante e commovente attraverso dieci anni di storia del tuo teatro e storia dell'umanità.

"Su di essi, la parola diventa poesia, urlare, sussurro, indignazione, ricerca di bellezza al di fuori di qualsiasi categoria di genere, indagine sul dolore e, in ultima analisi,, sguardo di speranza. Gli spettacoli di questo regista completamente non formato creano immagini forti e travolgenti, grazie all'uso di attori caratterizzati da diversità fisiche o comportamentali che li rendono icone con bisogni, progettato in una ricerca universale dell'umanità, considerazione delle minoranze ed esclusione ".

(Massimo Marino del quotidiano italiano Il Corriere dela Sera).

Gli spettacoli:

Disponibile con sottotitoli in spagnolo, Portoghese, Francese, Inglese, Polacco e italiano.

Orchidee (orchidee): 20 Giugno, Sabato: vimeo.com/408064853

Com Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Julia Morawietz, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Grazia Spinella. Produção Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma, Nuova Scena- Arena del Sole- Teatro Stabile di Bologna, Rond Point Theatre- Parigi, Casa della cultura di Amiens- Centro di creazione e produzione.

prima: 31 Maggio 2013 Teatro Comunale Luciano Pavarotti – Modena

Durata: 1 ora e 50 minuti

"Posso ancora scrivere sull'amore", ha scritto il poeta Dario Bellezza, un grande amico di Pier Paolo Pasolini, morto di AIDS. L'orchidea è il fiore più bello, ma anche il peggio, disse mia madre, perché non puoi riconoscere ciò che è vero da ciò che è falso. Come il nostro tempo. In "Orchidee", come in tutti i miei spettacoli, c'è un tentativo di fermare il tempo che sto attraversando. Mio tempo, dalla mia compagnia teatrale, delle persone che hanno lavorato con me per molti anni, ma anche di un tempo che stiamo trascorrendo e vivendo oggi. italiani, Gli europei, occidentale, cidadãos do mundo. Um tempo confuso em que sinto, ci sentiamo in molti, penso, perso … o con la sensazione di aver perso qualcosa. Per sempre. Forse fede politica, Rivoluzionario, umano e spirituale.

"Orchidee" nasce da un grande vuoto che mia madre mi ha lasciato quando è morta. Mia madre, che dopo i conflitti, di separazioni, trovato di nuovo. Eu, un po 'più vecchio, un po 'più saggio, lei un po 'più bambina. E così il vuoto. La sensazione del figlio di nessun altro. Il vuoto dell'amore. Ma "Orchidee" nasce anche da molti vuoti, molti abbandoni. Il vuoto in cui viviamo nella cultura, nell'essere artisti perduti. Il teatro stesso che sento spesso è un posto che è diventato molto polveroso, falso, morto. La menzogna ha accettato, spettacolo teatrale.

"Orchidee" parla anche della necessità vitale di colmare quel vuoto. "Orchidee" rappresenta per me questo bisogno vitale e irrefrenabile di continuare, Dopotutto, scrittura, parlando di amore.

Pippo Delbono

Vangelo (Vangelo): Sabato, 27 Giugno: vimeo.com/408083747

Com Gianluca Ballarè, Bobò, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Alma Prica, Pepe Robledo, Grazia Spinella, Nina Violić, Safi Zakria, Mirta Zečević, e com a participação dos refugiados do centro de acolhimento PIAM di Asti. Produção Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Nazionale Croato- Coproduzione Zagabria Théâtre Vidy- Lausanne, Casa della cultura di Amiens – Centro di creazione e produzione, Teatro di Liegi.

prima: 12 Gennaio 2016 Teatro vidy – Lausanne

Durata: 1 ora e 30 minuti

"Pensando bene, Cristo è l'unico anarchico che ha avuto successo ”, André Malraux ha scritto. Pochi giorni prima di morire, mia madre, praticando cattolica, Dimmi: "Perché, Pippo, non fare uno spettacolo sul Vangelo? Così, hai diffuso un messaggio d'amore. C'è così tanto bisogno oggi ”. Ho subito pensato alle rappresentazioni teatrali che ho fatto, quando ero bambino, nella parrocchia. Mi è venuto in mente anche quando ho interpretato il personaggio di Dio in un film di Peter Greenaway. Un personaggio di questo film ha detto: “Non è stato Dio a creare l'uomo, ma è stato l'uomo a creare Dio ”. E ho pensato a tutti i risultati, i massacri, le guerre, le bugie, la falsa etica creata da questa ipotesi di Dio. Ma ho anche pensato alla bellezza, nell'arte e nella poesia che questa idea di Dio ci ha portato in questi duemila anni. Ho pensato a quello che ha detto Marx: "La religione è un sospiro dell'anima in un mondo senza anima". Così, Ho iniziato a filmare e fotografare le immagini che ho trovato durante i miei viaggi in Italia, per la Francia, attraverso la Romania, Russia e America Latina. Immagini della Vergine, di Cristo, dei martiri. Ovunque, Ho trovato qualcosa legato a questa storia. Ovunque, Ho visto immagini di Cristo con facce dolorose e serie. Ho visto pochissima gioia nei volti di quei Cristi. Ho sentito un profondo rifiuto per tutta quella iconografia oscura, pesante e sofferto, collegato a questo vangelo.

E poi mi sono perso, come faccio sempre quando eseguo i miei spettacoli, dimenticare il Vangelo, o forse portando con me solo il nome di questo Vangelo. Ho finito per incontrare persone che venivano in mare dall'Africa e dal Medio Oriente, attraversando gli oceani, ma anche deserti, bordi, carceri, muri. Ho anche incontrato zingari, che viveva in luoghi di totale degrado. E ho iniziato a stare con questi rifugiati, conoscendoli, condividere la vita con loro. Condividiamo le storie, al cibo, il tempo.

E alla fine ho avuto quelle immagini, quelle voci, questi suoni, questi echi, quei silenzi ascoltati in quei campi di zingari e rifugiati, in quei reparti ospedalieri, ma anche quella forza vitale, quella gioia inspiegabile trovata nei luoghi. deputati al dolore.

Pippo Delbono

Pippo Delbono

Autore, attore, Direttore del Teatro, Pippo Delbono è nato a Varazze in Liguria, Italia, il 1959. Negli anni 80, inizia i suoi studi di arte drammatica in una scuola tradizionale, che lascia dopo aver incontrato Pepe Robledo, Attore argentino del teatro libero (una compagnia teatrale attiva in Sud America nel 1970, che ha usato la creazione collettiva come mezzo di espressione e denuncia della dittatura in Argentina). I due si trasferiscono in Danimarca, entrare a far parte del gruppo Farfa, diretto da Iben Nagel Rasmussen, attrice storica di Odin Teatret. Inizia in questo periodo, para Pippo Delbono, um caminho alternativo em busca de uma nova linguagem teatral. Delbono se dedica ao estudo dos princípios do teatro oriental – que aprofunda em suas estadias subsequentes na Índia, Porcellana, Bali – pelos quais o foco é um trabalho meticuloso e rigoroso do ator sobre o corpo e a voz. In 1987, incontra Pina Bausch, che ti invita a partecipare al Tanztheater di Wuppertaler, un'occasione straordinaria che segna una tappa fondamentale nella carriera artistica del regista.

Le esibizioni di Pippo Delbono non sono trasposizioni nella scena di testi teatrali, ma creazioni totali. Una caratteristica distintiva è la partecipazione di persone provenienti da situazioni sociali emarginate, in grado di creare nelle esibizioni dell'artista un'esperienza scenica unica. Ci sono molti spettacoli eseguiti in una carriera ventennale. Tra loro: Borboni (senza casa), Il tempo degli assassini (Il tempo degli assassini), La rabbia (Rabbia), Di guerra (Di guerra), Esodo (esodo), Gente di plastica (Persone di plastica), Urlo (Urlare), Il silencio (Il silenzio), Racconti di giugno (Racconti di giugno), Questo buio feroce (Questa feroce oscurità), La menzogna (Una bugia), Dopo la battaglia (Dopo la battaglia), Orchidee (orchidee), Vangelo (Vangelo) e La Gioa (Il gioiello).

ERT-Emilia Romagna Teatro Fondazione

La Fondazione Emilia Romagna Teatro è stata riconosciuta a 2015 come uno dei “teatri nazionali italiani” dal comitato consultivo drammatico del Ministero della Cultura (MIBACT) dall'Italia ed è stato 1977 come settore teatrale di ATER- Associazione Teatrale Emilia Romagna. In 1991, ERT divenne un organo autonomo nella Regione Emilia Romagna e nel Comune di Modena. Nel mese di aprile 2001, dopo l'espansione unendosi ai nuovi membri, divenne una Fondazione con un nuovo status. Oggi ERT è responsabile della gestione artistica e amministrativa di sette teatri nelle città di Bologna, Modena, Cesena, Vignola e Castelfranco. Da 2017, seu diretor artístico é o diretor de teatro e professor universitário Claudio Longhi.

SERVIZIO:
Streaming teatro italiano
Video teaser: vimeo.com/423880467/d6cbf06c08
Spettacoli:
Orchidee (orchidee) - vimeo.com/408064853 20 Giugno
Vangelo (Vangelo) - vimeo.com/408083747 27 Giugno
Dati: 6 Giugno (Sabato)
Tempo: 11 ore
Já disponibilizados:
Questo buio feroce (Questa feroce oscurità) - vimeo.com/407985900 – 06 Giugno
Dopo la battaglia (Dopo la battaglia) - vimeo.com/408035067 – 13 Giugno

 

Instituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro

Sede Centro: iicrio@esteri.it / WhatsApp: (21) 3534-4344
💻 iicrio.esteri.it/iic_riodejaneiro/pt
Facebook: iicriodejaneiro / Instagram: iicrio / Youtube: iic

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*