Casa / Art / Oltre 80 I pezzi archeologici vengono rubati dal Museo Andino, no Cile
Museo Andino/Fondazione Claro Vial, Costa settentrionale del Perù, Cultura Chimù, collana in oro. Foto: IPHAN.
Museo Andino/Fondazione Claro Vial, Costa settentrionale del Perù, Cultura Chimù, collana in oro. Foto: IPHAN.

Oltre 80 I pezzi archeologici vengono rubati dal Museo Andino, no Cile

sono stati rubati, su 05 Giugno, vari componenti del collezione del Museo Andino/Fundación Claro Vial, situato nel comune di Buin, no Cile. Sono circa 80 parti, che includono ornamenti per il corpo ed elementi rituali di varie tradizioni culturali precolombiane, come Tiwanaku, Chimù, Moche, Chiriqui, Quimabya, Tolima, Sica-Lambaieque e altri.




Il è stata segnalata l'allerta dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, Scienza e cultura (Unesco) sul tuo sito web. Le immagini delle parti rubate sono disponibile qui.

Questo è un gruppo di articoli che include braccialetti, collane, pettorali, ciondoli orecchio e naso, maschere funebri e ciotole cerimoniali. La maggior parte dei pezzi sono realizzati in oro filato e laminato., raffiguranti figure antropomorfe e zoomorfe, dall'attuale Panama, Costa Rica, Colombia, Perù e Bolivia.

Qualsiasi informazione deve essere comunicata a Iphan, tramite e-mail: cnart@iphan.gov.br, fiscalizacao@iphan.gov.br o depam@iphan.gov.br, o per telefono (61) 2024-6355 o 6352.

Acquisto sicuro di oggetti d'arte e antiquariato

Rivenditori e il pubblico in generale dovrebbe essere a conoscenza della provenienza dei pezzi che intendono acquisto. Senza la cura adeguata, c'è il rischio di acquisire inavvertitamente parti rubate o rubate.. Contribuire alla lotta contro questo mercato illegale ci sono semplici azioni preventive, come controllo dell'origine e, in caso di dubbi o sospetti, consultazione del Iphan, l'Istituto Brasiliano di Musei (Ibram) e le loro banche dati disponibili sui loro siti web - il Banca Merce Cercasi / BCP e la Musealized immobiliare Registrazione mancante / CBMD. Tale assistenza può evitare il coinvolgimento del acquirente o rivenditore nel scherma brasiliano Beni Culturali di reato rubata, rubati o ottenuti con il traffico internazionale di opere d'arte - comportamenti descritti agli articoli 155 del codice penale e 180 del decreto-legge n. 2.848, di 7 Dicembre 1940 (occuparsi di ricettazione), e Art. 62, da Lei nº 9.605, di 12 Febbraio 1998 (che si occupa di distruzione e/o deterioramento di beni culturali).

CNART

Tutti i mercanti d'arte e antiquariato, tra cui banditori, deve iscriversi all'Albo nazionale dei mercanti di antichità e opere d'arte (CNART). La registrazione protegge il rivenditore inavvertitamente essere coinvolto nel ricevere crimini ricettazione e furto e riciclaggio di denaro per mezzo di opere d'arte.

Per maggiori informazioni

Registro Nazionale dei antiquari e opere d'arte

e-mail: cnart@iphan.gov.br

Ulteriori informazioni per la stampa

Iphan Ufficio Stampa

comunicacao@iphan.gov.br

www.iphan.gov.br

www.instagram.com/ihangovbr | www.facebook.com/IphanGovBr | www.twitter.com/IphanGovBr

Fonte: Avviso di comunicazione IPHAN.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*