Casa / Art / Museo di Arte Sacra di San Paolo si apre conferenza con opere a tema religioso
Esposizione: "Il Sacro in Modern Art brasiliana". Artista: Oskar Metsavaht. Titolo: “Apocalypsis”. Dati: 2016. Tecnica: Técnica mista sobre madeira. Dimensioni: 100 x 100 cm. Foto: Rivelazione.

Museo di Arte Sacra di San Paolo si apre conferenza con opere a tema religioso

"Il sacro nel brasiliano Arte Moderna" mette insieme un gruppo impressionante di artisti le cui opere sono alludendo poetico alla fede e alla religione, chiaramente ed esplicitamente o attraverso metafore

mostre possono essere suddivisi tra gli artisti moderni – Anita Malfatti, Tarsila do Amaral, Victor Brecheret, Ismael Nery, Candido Portinari, altri -, popolare, tra i quali José Antonio da Silva, Agostinho Batista de Freitas, Antonio Poteiro; e artisti contemporanei, como Alex Flemming, Nelson Leirner Oskar Metsavaht

Il Museu de Arte Sacra de São Paulo - MAS-SP, istituzione del Dipartimento della Cultura e dell'Economia dello Stato di São Paulo creativo, visualizza "Il Sacro in Modern Art brasiliana", con opere di Agostinho Batista de Freitas, Alberto Guignard, Aldo Bonadei, Alex Flemming, Alfredo Volpi, Anita Malfatti, Antonio Poteiro, ARCANGELO Ianelli, Candido Portinari, Carlos Aguilar, Clóvis Graciano, Cristina Barroso, Eric Marcier, fede Cordula, Fúlvio Pennacchi, Galileo Emendabili, Glauco Rodrigues, Ismael Nery, José Antonio da Silva, Karin Lambrecht, Marcos Giannotti, maestro Expedito (Expedito Antonio dos Santos), Mick Carniceli, Miriam Ines da Silva, Nelson Leirner, Nilda Neves, Oskar Metsavaht, Paulo Pasta, Raimundo de Oliveira, Raphael Galvez, Rosângela Dorazio, Samson Flexor, Sergio Ferro, Siron Franco, Tarsila do Amaral, Vicente Rego Monteiro, Victor Brecheret e Willys de Castro, a cura di Fábio Magalhães e Maria Inês Lopes Coutinho. I reperti campione frazione 100 opere - tra sculture, grafica, incisioni e dipinti - che costituiscono un significativo gruppo di artisti le cui produzioni poetiche approccio che alludere alla fede e la religione, un po 'chiara ed esplicita, altro, attraverso metafore.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Fino a 1808, tema religioso ha dominato completamente la produzione artistica del paese, tra il periodo che include il secolo 16 fino al primo decennio del secolo 19 - con l'eccezione delle opere di Franz Post e Albert Eckhout, che ritraevano il paesaggio, flora, una fauna, la danza degli indiani Tapuias, tipi umani e le imprese di zucchero a Pernambuco. Dal 1808, con l'arrivo della famiglia reale in Brasile, temi profani divennero adottati da artisti brasiliani, e algumas décadas depois já prevaleciam nas artes plásticas em nosso país. "Nel XIX secolo, con la presenza della missione francese di architetti e artisti in Brasile, E 'stato inoltre rappresenta il paese e la sua società di artisti come Debret e Taunay, altri. Nel corso del Secondo Impero, i temi dei dipinti brasiliani sono particolarmente patriottica. Con l'avvento della settimana d'Arte Moderna di 1922, invertito la situazione con la predominanza di profano e il nostro modernista e poi i nostri contemporanei divenne noto al grande pubblico per le opere che non hanno espresso il sentimento religioso", ha detto il direttore esecutivo del MAS-SP, José Carlos Marcal de Barros.

Questo insieme di opere che compongono il nuovo spettacolo temporanea MAS-SP Può essere diviso tra gli artisti moderni – Anita Malfatti, Tarsila do Amaral, Victor Brecheret, Vicente Rego Monteiro, Ismael Nery, Candido Portinari, altri -, popolare - tra i quali José Antonio da Silva, Agostinho Batista de Freitas, Antonio Poteiro – e artisti contemporanei, come Alex Flemming, Marcos Giannotti, Nelson Leirner, Oskar Metsavaht, altri. Nelle parole di Fábio Magalhães e Maria Inês Lopes Coutinho: "modernisti erano, soprattutto, trasgressori e non solo nell'espressione artistica, adottato anche nuovi modi di vita, molti di loro, incompatibile con le abitudini della società brasiliana, ancora fortemente rurale. Influenzato dai grandi metropoli francese vissuto la sua 'Folle Epoque', questi giovani delinquenti hanno portato nuove idee che hanno sconvolto i costumi fino ad ora elaborati nella società brasiliana conservatrice".

L'espressione del popolare artista delle più spesso esperienze, di credenze, di riti e le loro celebrazioni comunitarie. processioni, le vacanze di giugno, così popolare nel nord-est, e nutrire folklore regionale, tante volte, temi religiosi. Per quanto riguarda il contemporaneo, curatori sottolineano la presenza non infrequente del tema religioso, “se lo intendiamo come manifestazione poetica sacra, il soprannaturale, come forze della natura a disturbare la cultura, o anche gli aspetti intangibili che immaginare il cose e persone, o come appropriazione di simboli consacrate". "Sono riusciti i magnifici risultati che il sacro Museo d'Arte presenta questa mostra, perché ognuno dei nostri grandi artisti hanno continuato mantenere dentro di sé la vecchia religiosità che ha vissuto fin dall'infanzia", si conclude José Carlos Marcal de Barros.

Esposizione: “Il Sacro in Modern Art brasiliana
Artisti: Agostinho Batista de Freitas, Alberto Guignard, Aldo Bonadei, Alex Flemming, Alfredo Volpi, Anita Malfatti, Antonio Poteiro, ARCANGELO Ianelli, Candido Portinari, Carlos Aguilar, Clóvis Graciano, Cristina Barroso, Eric Marcier, fede Cordula, Fúlvio Pennacchi, Galileo Emendabili, Glauco Rodrigues, Ismael Nery, José Antonio da Silva, Karin Lambrecht, Marcos Giannotti, maestro Expedito (Expedito Antonio dos Santos), Mick Carniceli, Miriam Ines da Silva, Nelson Leirner, Nilda Neves, Oskar Metsavaht, Paulo Pasta, Raimundo de Oliveira, Raphael Galvez, Rosângela Dorazio, Samson Flexor, Sergio Ferro, Siron Franco, Tarsila do Amaral, Vicente Rego Monteiro, Victor Brecheret e Willys de Castro
A cura di: Fábio Magalhães e Maria Inês Lopes Coutinho
Apertura: 25 Gennaio 2019, Venerdì, às 11h
Periodo: 26 da gennaio a 31 Marzo 2019
Local: Museu de Arte Sacra de São Paulo – www.museuartesacra.org.br
Indirizzo: Avenida Tiradentes, 676 -Luce, Sao Paulo (Tiradentes station della metropolitana)
Telefono: 11 3326-5393 -programmazione / visite guidate didattiche
Orari: Da martedì a domenica, il 9 às 17h | Presépio Napolitano: il 10 às 11h, e dalle 14h alle 15h
Ingresso: R $ 6,00 (Un unico pezzo) | R $ 3,00 (ingresso Metà nazionale per gli studenti, insegnanti della scuola privata e I.D. giovane – previa dimostrazione) | sabato libero | esenzioni: bambini fino a 7 anni, adulti da 60, insegnanti della scuola pubblica, disabile, membri ICOM, polizia e militari – previa dimostrazione
Numero di opere: Circa di 100
Tecniche: Scultura, disegno, incisione, pittura
Dimensioni: vario

.

Stampa:
Museu de Arte Sacra de São Paulo
Silvia Balady -
silvia@balady.com.br / Zeca Florentino - zeca@balady.com.br
Telefono: (11) 3814-3382 | (11) 99117-7324

Assessorato alla Cultura ed Economia dello Stato di São Paulo creativo - Ufficio Stampa
Stephanie Gomes | (11) 3339-8243 | stgomes@sp.gov.br
Elisabete Alina Skwara | (11) 3339-8164 | easkwara@sp.gov.br
Monique Rodrigues | (11) 3339-8308 | morsantos@sp.gov.br

il museo

Il Museu de Arte Sacra de São Paulo Si tratta di una delle istituzioni più importanti del suo genere nel paese. E 'il risultato di un accordo siglato tra il governo e Mitra Stato arcidiocesi di San Paolo, il 28 Ottobre 1969, e la sua data di installazione 28 Giugno 1970. Dato che, gli Museu de Arte Sacra de São Paulo Egli è venuto ad occupare un'ala del Monastero di Nostra Signora dell'Immacolata Concezione della Luce, sulla Avenida Tiradentes, centro di San Paolo. L'edificio è uno dei più importanti monumenti di architettura coloniale São Paulo, costruita di terra battuta, raro esempio rimanendo in città, ultima farm convento città. E 'stato indicato dal Storico e Patrimonio Artistico dell'Istituto Nazionale, il 1943, e il Consiglio per la difesa del patrimonio, Architettura artistico e lo Stato di San Paolo, il 1979. E 'gran parte della sua collezione anche elencati per IPHAN, da 1969, il cui inestimabile patrimonio comprende reliquie di storie in Brasile e in tutto il mondo. Il Museu de Arte Sacra de São Paulo detiene una vasta collezione di opere realizzate tra i secoli 16 e 20, contando con esemplari rari e significativa. Non ci sono più di 18 mille voci della raccolta. Il museo ha opere di nomi riconosciuti, come Frei Agostinho da Piedade, Frei Agostinho de Jesus, Antonio Francisco Lisboa, il "Aleijadinho" e Benedito Calixto de Jesus. Notevoli sono anche le collezioni di presepi, argenteria e gioielli, lampadários, mobili, pale d'altare, altari, abbigliamento, libri liturgici e numismatica.

Di Arte Sacra Museo SAO PAULO - MAS / SP
Presidente del Consiglio di Amministrazione – José Oswaldo de Paula Santos

direttore esecutivo – José Carlos Marcal de Barros
Direttore della Pianificazione e Gestione – Luiz Henrique Neves Marcon
Il direttore tecnico - Maria Inês Lopes Coutinho

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*