Casa / Art / Nuova mostra al V744atelier, che apre questo sabato (12) riunisce opere di Maria Paula Recena e Marcos Sari
Particolare dell'opera di Maria Paula Recena, che integra la mostra “Beabá”. credito d'artista.
Particolare dell'opera di Maria Paula Recena, che integra la mostra “Beabá”. credito d'artista.

Nuova mostra al V744atelier, che apre questo sabato (12) riunisce opere di Maria Paula Recena e Marcos Sari

La mostra “Beabá” propone un prelinguaggio poetico

Quali implicazioni sono in gioco?, quando due artisti con esperienze e ricerche particolari si propongono di mettere in giustapposizione i loro universi estetici? Quali dialoghi sono possibili e quali percorsi nel campo dell'arte possono dar luogo a tali incontri?? Artisti visivi, Maria Paola Recena e Marco Sari, che inaugurano il esposizione beaba, non V744 Atelier, non il prossimo giorno 12 di Marzo, Sabato, a 17h, all'interno del progetto “Invito che invita”, non cercano risposte a queste domande.. Per loro, ciò che conta sono le possibilità offerte dal gioco estetico, la ricerca incessante di un possibile percorso poetico, le scoperte che, individualmente, o due, questo incontro può fornire. Ciò che il pubblico in visita troverà è un'esperienza unica, molto più guidato dai sensi, dal giocoso, rispetto alle risposte oggettive, corretto.





La collezione di opere per la mostra Beabá è il risultato del rapporto di collegialità e amicizia tra Maria Paula Recena e Marcos Sari in oltre due decenni di produzione.. Nel caso della presente mostra, gli artisti hanno sviluppato la proposta insieme a opere indipendenti che dialogano tra loro, creando un set che si avvicina al concetto di pre-linguaggio, in un approccio poetico che chiamarono Beabá.

lunga convivenza

Questa relazione dialogica tra Maria Paula Recena e Marcos Sari inizia a Torreão, scuola e luogo di promozione dell'arte contemporanea, attivo a Porto Alegre per 16 anni, e si estende fino ad oggi, coinvolgendo molti aspetti dell'arte e della vita. dell'arte, sorgono problemi di progettazione, pittura, architettura, scritto, lavoro site-specific e linguistico, tra l'altro. "Della vita, vieni amicizia, la compagnia e la convivenza che, anche se non così spesso, è sempre molto produttivo”, osserva Recena. Ciò include aspetti familiari in momenti diversi nelle loro traiettorie.. In questo senso, gli interventi di Bernardo e Natalia, nelle loro differenze, figli di Recena, così come da Caetana, figlia di sari, appaiono nella produzione attuale degli artisti, direttamente, così come il paesaggio in cui sono radicate le loro vite domestiche: del paesaggio senza spazio, alla Pampa.

Anche i paesaggi sono costruiti dal linguaggio, o per l'assenza della parola (Bernardo), sia attraverso l'acquisizione del linguaggio attraverso la parola (Caetana), o dalla presenza della lingua a doppia placca della frontiera meridionale. Questa identità, altrimenti, è condivisa dagli artisti, perché è la casa di Marcos Sari e, in un certo senso, costituisce l'orizzonte di Maria Paula Recena.

In questo contesto poetico e intimo appare Beabá, risultato del processo di lavorare e pensare un pre-linguaggio poetico che può, In un certo modo, preoccupazioni artistiche che si manifestano negli interventi poetici che verranno presentati. Disegni, oggetti, Parole, grafite pressata, suoni, grugnisce, schizzi e schemi di paesaggio, raccolte e organizzate dagli artisti, trasformare il sostantivo Beabá in un verbo aperto al flusso dei gesti.

La mostra

Il montaggio inizia con l'opera di Maria Paula Recena che dà il nome alla mostra: beaba. Questo è composto da una serie di oggetti pendenti in acrilico colorato con iscrizioni appena leggibili.. La stanza è composta dai disegni della serie “Escapes on land”, di Marco Sari; un disegno della serie “Paesaggi senza spazio”, di Recena, e un lavoro congiunto chiamato “La tavola della nonna”.

I “paesaggi” sono realizzati con matite colorate e pennarelli. In questi disegni, l'artista decostruisce il paesaggio della Pampa in disegni che presentano interferenze o collage realizzati con l'appropriazione di parti dei disegni di Caetana. Il disegno della serie “Paesaggi senza spazio” è un 10m, realizzato premendo/schiacciando la grafite su carta in rotolo, nel processo che l'artista vede l'intera opera solo quando dispiega il disegno, dopo pronto, in luogo accessibile. Il “Tavolo della nonna” è un lavoro sperimentale che verrà sviluppato insieme in assemblea.

completare lo spettacolo, una produzione di Marcos Sari, chiamato “4 elementi”, in cui si sentono certi paesaggi sonori e balbettii nella riproduzione di questo pezzo di sound art. nell'area esterna, un set di bastoncini di dimensioni molto più grandi del solito, di Maria Paola Recena, può essere manipolato. Dentro l'idea del gioco di parole, sospeso nella lingua ibrida dell'arido confine tra Brasile e Uruguay, una “charla” chiamata “Charles Cruces”, di Sari e Mariana Dos Santos, sarà messo a disposizione dei visitatori per portare a casa una copia di questa invenzione testuale.

SUGLI ARTISTI:

Maria Paola Recena (Porto Alegre/RS, 1964) è un architetto, artista visivo, Master in Poetica Visiva/PPGAV-UFRGS 2005 e PhD in Architettura/PROPAR-UFRGS 2013. Ha svolto un tirocinio post-dottorato/PPGAV-UFRGS tra 2014 e 2016. Faceva parte del Torreão in mezzo 1998 e 2005, anni di intenso scambio, condivisione di workshop e formazione. È stato mappato nel primo Itaú Cultural Rumos. Sviluppa il tuo lavoro con installazioni e oggetti, parallelamente alla ricerca con disegni che coinvolgono, nel tuo processo, una dimensione performativa. fatto una pausa tra 2007 e 2018, lavorando solo domande teoriche. Riprende il suo lavoro in una residenza d'artista presso LINHA.poa, il 2019. è stato selezionato, il 2020, negli Avvisi pubblici di Itaú Arte come Respiro e Funarte Respirarte. È stata professoressa collaboratrice presso PPGAV-UFRGS a 2014 A 2016. Attualmente, Professore del Corso di Laurea in Architettura presso UFRGS, con la ricerca interdisciplinare in arte e architettura. Vive e lavora a Porto Alegre / Brasile.

Marco Sari (Porto Alegre/RS, 1972). Laurea in arti visive presso UFRGS (2003). Faceva parte della Torre (scuola d'arte contemporanea indipendente) a Porto Alegre, dove ha partecipato attivamente ai corsi e workshop aperti nel frattempo 1997 e 2009. Espone il suo lavoro in vari media mettendo in evidenza installazioni artistiche, interventi paesaggistici e libri d'artista, da 2001. Ha ricevuto una borsa di studio dalla Fondazione Iberê Camargo a 2010 e ha fatto parte dell'8a Biennale del Mercosul nel 2011. Lavora con l'educazione artistica per un pubblico diverso. coordinate, da 2003, il Progetto Meio insieme a Daniele Marx producendo pubblicazioni e azioni tra Porto Alegre e Amsterdam. Attualmente, è professore del corso di Belle Arti presso l'Università di La República del Uruguay (UDELAR) a Rivera. Da 2020 ha sviluppato la serie di disegni con i collage Escapes em terra, partendo dall'osservazione del paesaggio, selezionato in FAC Digital RS. Attualmente, lavora nel collettivo 3:PADELLA, creato nel 2021 per azioni poetiche nella regione di confine tra Livramento (BR) e Rivera (UY) in tempi di pandemia. Vive e lavora tra il confine del Livramento (BR)/Rivera(UY) e Porto Alegre/Brasile

A proposito dell'Atelier V744

Progettato dall'artista visivo Vilma Sonaglio, l'Atelier V744 è un luogo dove creare ed esporre arte contemporanea. Ospita mostre di artisti ospiti, ma accetta anche proposte di creatori che stanno sviluppando la loro ricerca e produzione in tutte le lingue, con pertinenza, nell'arte contemporanea. Inaugurato nel 18 Settembre 2021, con l'esposizione “ViCeVeRSa…potrebbe non essere quello che è”, di Sonaglio, ha già ospitato la mostra “Paesaggio senza ritorno”, di André Venzon e Igor Sperotto (19/12/21 al 25/02/22). Beabá è la terza mostra nello spazio espositivo.

Accedi e goditi i canali di comunicazione dell'Atelier V744:

www.instagram.com/v744atelier

www.facebook.com/vilma.sonaglio

www.instagram.com/vilmasonaglio

Canali di comunicazione di Maria Paula Recena:

Instagram: @mariapaularecena

e-mail: mariapaulapiazzarecena@gmail.com

I canali di comunicazione di Marcos Sari:

Instagram: @sarimarco

Facebook: facebook.com/MarcosSari

sari.marcos@gmail.com

SERVIZIO

Che cosa: “Beaba”, mostra degli artisti visivi Maria Paula Recena e Marcos Sari, all'interno del progetto “Invito che invita”.

Quando: Giorno di apertura 12 Marzo 2022, Sabato, le 17:00 a 20:00.

Visitatori fino al 28 Aprile 2022, dal mercoledì al venerdì, il 14:0 a 17:0, spontaneamente. Altri orari verranno programmati tramite Instagram direct V744atelier.

Disponibile l'uso obbligatorio di mascherina e gel alcolico, così come l'orientamento per una distanza di 2 m tra le persone.

Dove: V744 Atelier | Rua Visconde do Rio Branco, 744, Quartiere della foresta, Porto Alegre-RS

Quanto: Ingresso gratuito

raccomandazione età: Libro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*