Casa / Art / Il programma ALLEGATO mostra ciò che non è stato visto

Il programma ALLEGATO mostra ciò che non è stato visto

Migliorato e rielaborato in quarantena, le opere prendono luce a cavallo di un anno ricco di particolarità

allegato CANVAS, con coordinamento artistico Duílio Ferronato, riapre il suo programma espositivo di 2020 con il collettivo "Quasi fine " -virtuale e di persona con previa programmazione – e opere di sette artisti ospiti: Clara de Capua, Daniel Mello, Gabriel Pessoto, Gabriel Torggler, Higo Joseph, Irene Guerriero e Maria Luiza Mazzetto.





“Questo è stato un anno che sembrava durare per sempre: progetti annullati, mesi infiniti, notizie non corrispondenti e ultime due elezioni travagliate: uno locale e uno internazionale. Ora, con Quasi alla fine, gli allegato CANVAS si avvia alla fine 2020 con un campione delle opere che hanno perso l'occasione di essere viste. Gli artisti invitati hanno in comune oltre alla persistenza del lavoro in studio, progetti rinviati e annullati ", spiega Duilio Ferronato. Disegni, dipinti, video e sculture in mostra, esibire un profilo di quel periodo creativo in reclusione.

Clara de Capua riflette sui ricordi che svaniscono e finiscono per lasciare un buco nella memoria mentre Daniel Mello sviluppa la ricerca attraverso i gesti, dove il movimento delle mani e delle braccia fa rivelare al supporto forme e colori intensi. Irene Guerriero tiene d'occhio le trasformazioni della natura, ma questa volta anche con un'attenzione in più negli spazi vuoti; Higo Joseph, che funziona anche con grandi regioni aperte, mantiene gli spazi sulla carta da riempire. Gabriel Pessoto disegnare, piegare e cucire carte nel tentativo di rivelare discussioni sul luogo dell'umanità e Gabriel Torggler scolpisci piccoli pezzi e posizionali in un paesaggio blu, come un grande mare. Maria Luiza Mazzetto, ispirato da organismi viventi, riempie il foglio in modo intuitivo ma con elaborazioni biochimiche creando un effetto visivo che trasforma il visitatore in un essere ipnotizzato.

La proposta Quasi alla fine è finire 2020 con i colori, forme e buon umore!

“Abbiamo aggiornato i nostri punti di svolta. Ce ne andremo 2020 essere considerato un anno doloroso e difficile, ma che allo stesso tempo ci ha fornito il tempo per riorganizzare le questioni che la routine quotidiana rinvia ", si conclude Duilio Ferronato.

Un po 'di storia dell'isolamento di ciascuno:

Clara de Capua — Questo lavoro fa parte di un progetto sviluppato dopo la morte di suo padre, nel mese di agosto 2019. In una serie di lavori, cerca di riflettere sui limiti tra presenza e assenza. A proposito di una selezione di archivi fotografici personali - foto scattate dalla madre dell'artista negli anni 1970 e 1980, in GO e MT - vengono eseguite piccole interferenze. La figura del padre è ritagliata in ciascuna delle scene.

Daniel Mello — Serie di paesaggi astratti in cui esplori l'illusione della profondità su una superficie bidimensionale. Il dipinto si svolge in strati sovrapposti di pittura e la sua narrazione è costruita attraverso il processo di creazione e trasgressione di piani geometrici. Combinazione di forme diverse, grafica e materiali.

Higo Joseph — Le sculture cercano ispirazione nei monumenti megalitici, come menhir e dolmen, eretto da culture e periodi diversi, dal Paleolitico al sec 19. I miei lavori di acquarello e pittura cercano riflessioni legate ai limiti, scontri e approcci, esplorare la distribuzione delle forme nello spazio.

Irene Guerriero — Il colore e la natura sono i soggetti principali della sua poetica nei dipinti ad olio o acrilico su tela e nei collage su carta. Vivere in un paese tropicale con viste colorate e luce intensa ha un impatto significativo sul lavoro, oltre il movimento psichedelico degli anni 1960. Partendo da un punto equidistante da cui è possibile regolare un focus sulla natura esterna ed interna, contemporaneamente, crea ritagli che formano paesaggi da sogno.

Gabriel Pessoto — Presenta parte della serie "ambiente moderno", sviluppato sopra 2020, che si svolge in vari media. La ricerca discute l'immagine come elemento che opera nella costruzione di desideri e idealizzazioni romantiche ed erotiche e riflette sul transito che subiscono tra analogico e digitale. Discute anche i ruoli di genere e punti di incontro tra concetti forse contrastanti come arte e artigianato., pubblico x privato e utile x abbellimento.

Gabriel Torggler — Propone un tentativo di evidenziare alcuni personaggi contenuti nei disegni che spesso passano inosservati, devido ao acúmulo de informações no papel, e piccoli oggetti spesso banalizzati dalla saturazione dell'offerta. Uso l'ottone e l'acciaio inossidabile per emulare metalli preziosi come l'argento e l'oro creando così un gioco di valori.

Maria Luiza Mazzetto — Costruisci mondi organici. Disegno su carta, crea grandi paesaggi o frammenti di paesaggi che potrebbero dire del fondo dei mari o dell'interno di un organismo vivente, compresa la proliferazione di società fantastiche. A partire dai disegni, ora prova ad incollare, animazione e biscotti. Per l'artista, organismi viventi, così tanti animali, quante verdure o microrganismi sono visivamente simili nelle loro strutture interne ed esterne, mostrando la vicinanza dell'essere umano al suo ambiente naturale.

SERVIZIO
Esposizione: "Quasi fine"
Artista: Clara de Capua, Daniel Mello, Gabriel Pessoto, Gabriel Torggler, Higo Joseph, Irene Guerriero, Maria Luiza Mazzetto.
Coordinamento: Duilio Ferronato
Apertura: 01 Dicembre 2020
Periodo: di 01 Dicembre 2020 A 30 Gennaio 2021
Local: allegato CANVAS
R. San Benedetto, 181 - 1º. piano – Centro, Sao Paulo
WTSP (11) 99403-0023
Servizio con orario programmato
Numero di opere: 28
Tecniche: grafica, dipinti, video e sculture
Prezzi: su richiesta
Sito: www.lonagaleria.com
Instagram: www.instagram.com/lonagaleria
Facebook: www.facebook.com/lonagaleria

GALLERIA TELA

La Galleria CANVAS apre i battenti a Barra Funda a marzo 2019 – una partnership tra il curatore Duílio Ferronato e l'artista Higo Joseph. Concentrandosi su artisti nuovi ed emergenti, con potenzialità artistiche e di mercato, a galeria apresenta exposições individuais e coletivas, prodotto tramite curatori partner. Ha due spazi: um sobrado no bairro da Barra Funda (Galleria) e spazio al primo piano di un edificio storico nel centro di San Paolo (Allegato). La sua missione è l'inserimento di artisti emergenti nel circuito e un primo contatto con il mercato e le istituzioni artistiche, oltre a incoraggiare nuovi collezionisti

ARTISTI

Clara de Capua – il suo lavoro si sviluppa tra le arti performative e visive. Laureato in Arti dello spettacolo (2006) e Master of Arts (2010) dall'Università Statale di Campinas (UNICAMP), ha studiato l'immagine come supporto per il lavoro e per la riflessione dell'attore, con il sostegno finanziario di FAPESP (Brasile). In 2020, è stato un artista invitato dal Museum of Sexual Diversity a integrare la mostra virtuale Queerentena; nonché da Lona Galeria per partecipare alla mostra di video arte Gable in quarantena. Anche in 2020, ha partecipato al XV Festival SIMULTAN (Timisoara, Romania), della mostra collettiva di video arte Corpo brasiliano, mostra su Hošek Contemporary (Berlino, Germania) e nella valigia volante (Porto, Portogallo). In 2019, era un artista residente in AiR giorno corto (Ólafsfjörður, Islanda), esponendo al Festival Skammdegi; ha partecipato alla mostra internazionale di video arte Teheran-San Paolo, esponendo alla Canvas Gallery (Sao Paulo) e nella galleria della piattaforma 3 (Teheran, Iran); ed è stato un artista selezionato per comporre la III Mostra Diversa, organizzato dal Museo della diversità sessuale (Sao Paulo, Brasile). In 2018, ha collaborato alla mostra collettiva AI5: Non ancora finito, in Tomie Ohtake Institute (Sao Paulo). In 2017, integrato la residenza artistica Progetto creativo Brashnar (copia, Macedonia) e ha partecipato alla mostra collettiva Il nostro piccolo vicinato globale, no Centro Culturale Gjorce Petrov, in Macedonia. Come attrice, ha recitato nel film Le buone maniere (Brasile, 2017) ed è stato membro del MiniCia Teatro, recitando in spettacoli Accusa a un'attrice, di cui è anche coautrice, e Meglio non disturbarla.

Daniel Mello (1992 – Joaçaba, SC)

Attualmente vive e lavora a Balneário Camboriú. Comprende gli attraversamenti della città e l'occupazione umana come l'osservazione iniziale nella costruzione delle sue narrazioni. Utilizza principalmente colori acrilici e olio su tela, carta da macero e legno nella produzione delle loro opere. Sua pesquisa se desenvolve na pintura abstrata explorando as relações e ressonâncias produzidas cores, forme e trame in un costante processo di costruzione e decostruzione.

Higo Joseph (1994 – San Benedetto, CE)

Vive e lavora a São Paulo. È un artista visivo multidisciplinare, laureato in Multimedia (2014) Comunicazione visiva (2016) di ETEC- SP e studia arti visive alla Faculdade Paulista de Artes. Artista selezionato per la stagione del progetto 2020 del Paço das Artes. 182a edizione del Programma Mostre 2020 | MARP e il 48 ° Salone d'Arte Contemporanea Luiz Sacilotto. Negli ultimi 4 anni ha partecipato a diverse mostre, con enfasi sull'individuo; Oltre l'universo fallico (2019) su Canvas Gallery e Cinema Lines (2018) a CineSesc. E il collettivo; IV Biennale del Sertão (2019) II Mostra Diversa (2017) al Museo della diversità sessuale, e solitudine (2017), nello stesso museo. Burgos (2017) a Funarte, SP. Portafoglio #3 (2017) nella More Art Gallery, Lixuosity (2016) presso Studio Blade e 18 nella collezione (2015) presso il Centro Culturale Casa da Luz, anche a San Paolo. Partecipato a residenze; Capannone Funarte (2017) Blade Studio (2016) e Atelier Amarelinho da Luz (2015)

Irene Guerriero (1964)

Vive e lavora a São Paulo. Laureato in Arti Plastiche presso FAAP- Armando Alvares Penteado, il 1988. Ha partecipato al gruppo di monitoraggio del progetto Hermes Artes Visuais da gennaio a maggio di 2020 ed è rappresentato da Lona Galeria de Arte. In 2020 è stata selezionata per partecipare alla 18 ° edizione del programma espositivo MARP- Preto Museo d'Arte Ribeirao, partecipa alla Mostra Penitenza, organizzato da Lona Galeria per SP-Arte, della mostra “Ressetar” al Museum of Sexual Diversity, a São Paulo, della Sezione Plant, Hermes Visual Arts, Ch.ACO, Santiago del Cile e la mostra online internazionale Casulo (Capullo / Coccon), Confluenze dell'Arte. In 2019 ha partecipato alla mostra collettiva “Dá Pra Levar” nell'Annesso Lona. In 2018 ha partecipato ad Artbox Projects New York 1.0 e il Collettivo Eixo Contemporâneo a Fabrica Bhering a Rio de Janeiro. In 2017, participou da exposição “Spanic Heritage”na Pfizer em Nova York, NY- USA. In 2016 ha eseguito il progetto del pannello permanente in un edificio storico (Nigri Plaza) a Rio de Janeiro. In 2005 ha partecipato al Salone d'Arte a Casa de Portugal, tra le altre mostre collettive. Il suo lavoro fa parte della collezione del Museo della diversità sessuale di San Paolo e di diverse collezioni private in Brasile, Stati Uniti e in Europa.

Gabriel Pessoto (1993 - Jundiaí, SP)

Ha studiato produzione audiovisiva (PUCRS) e ha iniziato il corso di arti visive (UFRGS). Dal 2015, ha iniziato a esporre opere in mostre collettive ed è stato contemplato dal bando del Comune di Porto Alegre per occupare la Galeria Lunara, dove ha allestito l'installazione “Glória” in collaborazione con Filipe Rossato, nominato per l'Azorean Visual Arts Award nella categoria Featured in New Media. In 2016, ha presentato la mostra “Trégua”, prima esperienza individuale, e ha sviluppato il progetto di residenza artistica “Variazioni sul contatto: viste ”a Casa13, spazio culturale a Córdoba, Argentina. In 2017, Si trasferisce a São Paulo, dove ha frequentato il gruppo di progetti artistici monitorando Hermes Artes Visuais. In 2018 tiene la sua prima mostra personale a San Paolo, “Basta un po 'di giornata” al centro culturale Casa da Luz. In 2020, partecipato al programma di residenza “Abbiamo posti vacanti!” do Ateliê397, è stato premiato da ArtConnect Magazine per il progetto “scambio di adesivi” sviluppato in collaborazione con Nicole Kouts e ha fatto incorporare un'opera nella collezione del Museum of Sexual Diversity. Trabalha também como produtor da mostra de vídeo Festivau de C4nn3$ que já conta com 12 edizioni, l'ultimo è completamente online.

Gabriel Torggler (1990)

Laureato in Belle Arti presso la FAAP di 2012, utilizza il disegno come tecnica principale nella sua produzione. Ha partecipato a mostre come Video Brasil (2013/2014) al Sesc Pompéia e anche all'ultima edizione del premio EDP al Tomie Ohtake Institute(2015). In 2017 ha fatto il suo primo "Machine Failed" individuale alla Galeria TATO. In 2019 è stato selezionato per la stagione del progetto Paço das Artes 2020 dove terrà un individuo. Vive a San Paolo e lavora nella sua produzione artistica e come insegnante d'arte.

Maria Luiza Mazzetto (1977)

Vive e lavora a São Paulo. Si è laureato in architettura a Mackenzie , ha studiato arti drammatiche a Célia Helena, Storia dell'arte con Renata Pedrosa, illustrazione con Laura Teixeira, Fernando Vilela e Odilon Moraes, letture e scritti sul suo processo artistico con Nancy Betts, Sandra Lapage e Carlos Pileggi. Ha partecipato a gruppi di monitoraggio del progetto con Mônica Rubinho, Sydnei Philocreon e presso Hermes Visual Arts, con Nino Cais, Carla Chaim e Marcelo Amorim. Integra, insieme ad altri 7 artisti, il Go Independent Art Space. Ha partecipato ad alcuni saloni come SARP e Salão de Arte de Jataí- GO, oltre ad alcune mostre collettive. Held 3 singole esposizioni: Richiesta, non qualcosa, in collaborazione con Hermes Artes Visuais, Interstitial, nella Sala da Praça e Inside the Body, durante la stagione del progetto Paço das Artes in 2019. Il suo lavoro parte dall'osservazione della natura vivente. Questa natura osservata passa attraverso processi di reinvenzione, risultante in immagini-finzione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*