Casa / Art / Sil Azevedo punta sulla fotografia decorativa con rappresentazione in nero

Sil Azevedo punta sulla fotografia decorativa con rappresentazione in nero

Regista di prestigio internazionale, scrittore e attivista sociale nato a Baixada Fluminense, l'artista riprende la vecchia passione per la fotografia, senza fuggire dalla motivazione sociale e avverso al discorso meritocratico

“La maturità mi ha portato la consapevolezza che non essere ritratto in questo mondo di bellezza nelle fotografie di paesaggio, non è la mia incompetenza, nessuno di nessuno del mio colore, ma che posso davvero includere il mio mondo, il mio sguardo e la mia gente nel bellissimo universo che la natura ci offre. Questo è il fulcro della mia fotografia, ritraggono e hanno ritratto la bellezza di un mondo in cui i neri sono inclusi, all'interno dell'inquadratura o dietro la telecamera”. Sil Azevedo

Figlia della Baixada Fluminense, nato in japeri, al regista, escritora e ativista social Sil Azevedo teve sua história contada há três anos, quando ha lanciato il suo libro “Figlio di una prostituta”, una raccolta di 28 testi, selezionato dall'autore, che traducono il dolore e le difficoltà affrontate dal 15 a 42 anni: abnegazione, solitudine, pregiudizi vissuti dai giovani omosessuali neri. questa volta, il cineasta di fama internazionale assume definitivamente una vecchia "passione platonica", al fotografia, e lancia diversi dischi esuberanti organizzati in collezioni, disponibile sul tuo sito web, evidenziando attraverso le immagini il suo peculiare sguardo su paesaggi e personaggi, senza scappare dal tema social, così presente nelle tue creazioni.





Premiato a livello internazionale come regista con una forte natura sociale – in 2009, la sua produzione “Future Filmmakers Project”, circa quattro ragazzi rinchiusi in un carcere minorile, è stato premiato a New York per il miglior documentario; e, il 2011, il premio per il suo documentario “The Journey”, sugli immigrati clandestini durante l'amministrazione Barack Obama – e premi nazionali – il suo cortometraggio “Enquanto Canto” ha vinto in cinque festival cinematografici brasiliani e selezionato due volte per festival cinematografici internazionali in 2017 – a multiartista investe agora também no segmento da “Fotografia para decoração”, nell'ideale di rendere gli ambienti residenziali più interessanti e armoniosi, sintonizados com progettazione interno, sulla falsariga degli "spazi di salute mentale", con semplici utensili accessibili a chiunque: “una cornice per foto che porta un po' di luce e morbidezza all'ambiente, per chi lavora tutta la settimana, avere uno spazio all'interno della casa dove rilassarsi e ricaricarsi per affrontare la routine senza stress", spiega Sil.

La collezione “Territorio Diasporico” cerca di decolonizzare lo sguardo, con foto di persone di colore inserite in paesaggi lussureggianti, scappando dall'idea dell'esotico – o nel modo in cui le persone di colore sono solitamente presentate all'interno del concetto di bellezza artistica - ma con l'obiettivo di "inserire le persone di colore in ciò che è più bello del pianeta, come rappresentante naturale della bellezza di quello spazio, questo spazio, che ci appartiene di diritto", svela il fotografo. “La mia fotografia è una rappresentazione del mondo che cerco, una porta che mi conduce in luoghi e sensazioni che voglio perpetuare, dove inquadro solo la mia percezione di ciò che è essenziale per la vita". Infatti, le tue foto rappresentano la natura nella sua essenza, nessuna interferenza o mutazione artistica negli argomenti trattati, esaltando la leggerezza, splendere, armonia e quella forma di bellezza che non aggredisce, non compete nemmeno, si concentra solo sulla semplificazione degli elementi e sulla naturalezza dei colori, linee e paesaggi.

La passione per la fotografia

La ragazza che rimaneva sempre incantata di fronte ai calendari da parete – l'unico modo per “foto per la decorazione d'interni” possibile per una giovane donna di una comunità povera come quella di Japeri – si rese conto che le immagini provenivano sempre da luoghi lontani, splendidi paesaggi di montagne ghiacciate o spiagge idilliache. Il fascino era anche per le immagini trovate sul pavimento, nelle vecchie riviste, opuscolo pubblicitario o “confezionamento di latte “tipo C”, che aveva disegni di mucche e fiori, gli stessi che spesso decoravano le pareti di alcune cucine del quartiere”, Commenti. Tuttavia, a differenza della maggior parte dei bambini con cui vivevo., il tuo interesse non era solo per la bellezza, ma anche nel sapere come sono stati creati.

La passione per la fotografia, tuttavia, era fuori dalla realtà per il futuro artista, che ha iniziato la sua vita professionale non molto diverso dalla stragrande maggioranza della popolazione nera e povera in Brasile, svolgere compiti di assistente, domestico, cameriera o venditore ambulante. A 20 anni, mentre divagava delle mostre fotografiche che aveva già visitato in città e di tutta la sua conoscenza e apprezzamento per l'argomento, è stato chiesto da uno psicologo: “che fotocamera usi??”. La domanda che ti cambierà la vita, seguito da un lungo silenzio e nessuna risposta, risvegliato il giovane Sil alla ricerca di una conoscenza più profonda. "Non avevo idea che ci fossero ancora le telecamere, e forse era proprio questa la domanda.. fino a quel giorno, la fotografia per me era limitata alla foto stessa…in altre parole, Credevo che gli strumenti usati per farlo fossero gli stessi che avevo io, gli occhi, e non una macchina fotografica", rendere esplicito il baratro culturale, scientifico e tecnologico tra i diversi strati sociali.

"quello stesso giorno, Ho scalato il famoso edificio Av. Centrale, in Largo da Carioca e mi sono imbattuto in un mondo meraviglioso (e caro) di attrezzatura fotografica. C'erano molte opzioni, molte informazioni, tante foto, la mia connessione è stata immediata e non c'era dubbio che il mio prossimo investimento sarebbe stato una macchina fotografica. Dopo diversi giorni di ricerca, Ho finalmente lasciato un negozio nell'Avenida Central Building con la mia prima macchina fotografica, una Pentax K1000", Ricordate.

da lì a qui, molte macchine fotografiche sono passate per le mani di Sil Azevedo in questi 30 anni, ma il mondo della fotografia non faceva ancora parte della realtà dell'artista. “La mia unica delusione con la fotografia è stata la difficoltà di identificare il mio mondo con essa., per stabilire una connessione con chi ha fotografato, e con chi è stato fotografato. Tutti i fotografi che ho studiato erano bianchi, tutti gli insegnanti di fotografia che ho avuto, erano bianchi, tutte le persone ritratte nei paesaggi lussureggianti delle cornici decorative, erano bianchi, quindi per molti anni ho dubitato della mia capacità di far parte di questo mondo, per non avermi visto dentro", mettendo in luce un tema sociale estremamente attuale nel mondo della fotografia. “La maturità mi ha portato la consapevolezza che non essere ritratto in questo mondo di bellezza nelle fotografie di paesaggio, non è la mia incompetenza, nessuno di nessuno del mio colore, ma che posso davvero includere il mio mondo, il mio sguardo e la mia gente nel bellissimo universo che la natura ci offre. Questo è il fulcro della mia fotografia, ritraggono e hanno ritratto la bellezza di un mondo in cui i neri sono inclusi, dentro l'inquadratura o dietro la macchina da presa", commenta e completa: “quelle foto del calendario potrebbero anche provenire dalle Alpi svizzere, vittorie regali giganti, o spiagge paradisiache, ma saranno fatte dagli occhi di coloro che fino ad allora non si erano visti in tali immagini, nemmeno come parte del paesaggio, nemmeno come fotografo".

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*