Campane di bronzo rubate dal Museo del Treno, a Rio de Janeiro (RJ)

sono stati rubati, su 02 Agosto, 16 campane di bronzo, membri della collezione del Museo del Treno, situato nel quartiere di Engenho de Dentro, a Rio de Janeiro (RJ). Oltre ad essere di proprietà dell'Instituto do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional (IPHAN), i beni sono registrati a livello federale, pertanto, protetto dalla legge, in modo che la sua ricezione costituisca reato soggetto alle sanzioni previste.

Annuncio

Le campane rubate hanno ca. 40 cm di altezza, con la corona, e 30 diametro cm. Ciascuno pesa circa 15 kg di massa. (media), in lega di rame e senza elementi ornamentali, rilievi o insegne.

Possibilmente di utilizzo in stazioni e ferrovie per segnalamento, furono fabbricati tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.

Annuncio

Maggiori informazioni sul furto potrebbero essere presentate dalla Polizia Federale dopo la conclusione delle indagini di polizia che sono segrete.

Qualsiasi informazione deve essere comunicata a Iphan, tramite e-mail: cnart@iphan.gov.br, iphan-rj@iphan.gov.br o depam@iphan.gov.br, o per telefono (61) 2024 6340/6342 (Brasilia) o (21) 96600-4798 o (21) 99033-3814 (Rio de Janeiro).

Acquisto sicuro di oggetti d'arte e antiquariato

Rivenditori e il pubblico in generale dovrebbe essere a conoscenza della provenienza dei pezzi che intendono acquisto. Senza cure adeguate, c'è il rischio di acquisire, inavvertitamente, parti rubate o rubate. Contribuire alla lotta contro questo mercato illegale ci sono semplici azioni preventive, come controllo dell'origine e, in caso di dubbi o sospetti, consultazione del Iphan, l'Istituto Brasiliano di Musei (Ibram) e i loro database disponibili sui loro siti web: la Bank of Sought Goods/BCP e il Registry of Disappeared Musealized Assets/CBMD. Tale assistenza può evitare il coinvolgimento del acquirente o rivenditore nel scherma brasiliano Beni Culturali di reato rubata, rubati o ottenuti con il traffico internazionale di opere d'arte - comportamenti descritti agli articoli 155 del codice penale e 180 del decreto-legge n. 2.848, di 7 Dicembre 1940 (occuparsi di ricettazione), e Art. 62, da Lei nº 9.605, di 12 Febbraio 1998 (che si occupa di distruzione e/o deterioramento di beni culturali). 

Iscriviti per ricevere notizie sugli eventi
e innanzitutto l'Universo delle Arti!

CNART

Tutti i mercanti d'arte e antiquariato, tra cui banditori, deve iscriversi all'Albo nazionale dei mercanti di antichità e opere d'arte (CNART). La registrazione protegge il rivenditore inavvertitamente essere coinvolto nel ricevere crimini ricettazione e furto e riciclaggio di denaro per mezzo di opere d'arte.

Per maggiori informazioni

E-mail dell'Albo Nazionale dei Commercianti di Antiquariato e Oggetti d'Arte: cnart@iphan.gov.br

Fonte: Avviso di comunicazione IPHAN.

Lascia un commento