Casa / Art / Tassia Reis - “L'espressione femminile nella sua pienezza”

Tassia Reis - “L'espressione femminile nella sua pienezza”

Tony Franco é Administrador de Empresas.

Tony Franco è un amministratore aziendale.

tassia, dicci qualcosa su di te..

Mi chiamo Tássia Reis, Sono nata a 1990 nella città di Lagarto, nello stato di Sergipe. Sono cresciuto in una zona rurale e ho sempre amato stare in "mezzo alla boscaglia", e ancora oggi ho questo bisogno di rinnovare le mie energie attraverso il contatto con la natura. Anche se le circostanze della vita hanno rimandato la realizzazione del mio sogno, è stato in età adulta che ho potuto finalmente dedicarmi all'arte tanto sognata, e oggi ce l'ho come professione.

Quando si è risvegliato il desiderio di essere un artista visivo?

Il mio desiderio di essere un artista è sempre stato presente fin da bambino. Anche se non sono cresciuto in un ambiente in cui l'arte è stata promossa, ogni volta che mi chiedevano cosa volevo essere, presto risposto: "Voglio essere un pittore!". Penso di essere nato con questo desiderio nel cuore.

Tássia Reis é Artista Plástica.

Tássia Reis è un'artista di plastica.

Che tipo di arte ti piace di più?

Sono abbastanza eclettico, e sono toccato da vari tipi e modalità d'arte.. Tuttavia, il tipo di arte che mi piace di più è l'arte contemporanea..

Come hai sviluppato il tuo stile e le tue tecniche??

Il mio stile si è sviluppato naturalmente, in parte studiando artisti con cui mi identifico e che sto sperimentando molto. Ho attraversato il realismo, Impressionismo, post-impressionismo e arte contemporanea, e attualmente posso dire che il mio stile è un misto di tutto questo. Cerco sempre di osare e “inventare” le mie tecniche.

Cita se hai avuto influenze artistiche nelle tue opere e quali artisti?

Il mio stile è molto intuitivo, ma alcuni artisti mi hanno influenzato molto, tra questi Van Gogh, Renoir, Leonid Afremov, Gerhard Richter, Tarsila do Amaral, Frida Kahlo e Eduardo Kobra.

Hai un familiare o un conoscente che è un artista?

Purtroppo non ci sono artisti di plastica nella mia famiglia, ma c'era una ricamatrice meravigliosa che era mia nonna. È da lei che ho ereditato la mia influenza artistica.

Vivere dall'arte è possibile?

Per me, vivere di arte è possibile si, nonostante le difficoltà (che sono molti!). Oggi possiamo contare sull'aiuto dei social network, dove raggiungerti?, l'esposizione e il contatto con le persone è enorme..

Mai pensato di non agire con più arte? Puoi commentare il motivo?

Non riesco a immaginare la mia vita senza l'arte. mi vedo con 100 anni e ancora dipingendo… perché questo è ciò che riempie di più il mio essere di pienezza e felicità.

Quali competenze sono necessarie oggi per l'artista?

Oltre alle capacità artistiche, che varia a seconda dello stile di ognuno, ogni artista visivo deve avere una conoscenza minima del marketing digitale, uso dei social media e imprenditorialità.

Cosa provi quando crei o apprezzi un'opera d'arte?

Quando creo o mi godo un'opera d'arte, Sento le farfalle nello stomaco... sento di connettermi con le energie trascendentali, e che sto facendo quello per cui sono nato… è sempre una felicità immensa!

Le tue ispirazioni per creare un'opera d'arte?

Le mie ispirazioni vengono principalmente dalla natura e dalla femminilità, esplorando temi come la bellezza, potere, amare, malinconia, resilienza, forza, spiritualità e dolore.

Quale arte ti ha colpito di più finora?

La arte quello che mi ha colpito di più finora è il dipinto “A Noite Estrelada”, il Vincent van Gogh. Solo pensare a lei mi fa venire i brividi!

Devi sempre creare o creare solo in determinati momenti?

creo sempre, anche se non hai in mano il pennello. Di solito le mie creazioni scorrono una dopo l'altra, tuttavia, a volte mi "impacchettano" in un certo lavoro e, in queste occasioni, Cerco di prendermi una pausa per poter rinnovare le mie energie, riprendere il flusso e continuare il lavoro.

Il prodotto del tuo lavoro è unico o ha una relazione stretta o distante con il tuo lavoro precedente?

Penso ad ogni mia opera come se fosse unica, senza pensare ad alcun legame di continuità tra loro. Tuttavia, quando li vedo fianco a fianco, mi danno sempre la sensazione che, in qualche modo, sono strettamente imparentati.





Quali sono le sfide dell'arte / artista nello scenario attuale?

Viviamo in un momento molto buono in termini di portata e visibilità del pubblico, tuttavia, di fronte all'attuale crisi finanziaria del nostro Paese, purtroppo molte persone stanno incontrando difficoltà e, in questi casi, l'arte non è più una priorità per loro, e ho capito perfettamente. Tuttavia, dobbiamo sempre reinventarci e cercare il nostro spazio e il nostro pubblico. Credo che ci sia spazio per tutti, ma trovare questo spazio non è il compito più semplice.. la persistenza è l'unico modo!

I social network ti hanno aiutato a diffondere il tuo lavoro?

social networks (principalmente instagram) mi hai aiutato molto, ma davvero nel promuovere il mio lavoro. Oggi, a meno che tu non sia già un artista affermato e consolidato nel mercato, Penso che ogni artista abbia un "obbligo" di utilizzare i social come strumento di diffusione, coinvolgimento del pubblico e vendite.

Come le arti plastiche possono contribuire all'istruzione e alla cultura?

Per me, l'arte risveglia nelle persone l'incanto con la bellezza, indagini sociali, riflessioni esistenziali, il sentimento di speranza e il desiderio di un mondo migliore. E questi fattori finiscono sicuramente per motivare le persone a cercare di svilupparsi come essere umano, attraverso lo studio, dalla pratica dello sport, riflessione sul tuo ruolo di cittadino, oltre allo sviluppo professionale e spirituale.

Come analizzi le qualità di un'opera d'arte?

È qualcosa che è molto difficile da spiegare., per essere molto soggettivo. Ma credo che ciò che più richiami la mia attenzione in un'opera d'arte sia l'equilibrio tra le tecniche utilizzate ei messaggi e le sensazioni che suscita in me.. Un altro fattore molto importante per me è la sottigliezza nel modo in cui vengono trasmessi i messaggi e le sensazioni del lavoro., in quanto ciò consente un'interpretazione molto intima e suggestiva dell'opera d'arte..

Quali sono i criteri per stabilire il valore di un'opera d'arte?

Utilizzo diversi criteri oggettivi per determinare il valore del mio lavoro, essere loro: la dimensione dello schermo, la quantità di inchiostro utilizzata, la complessità delle tecniche utilizzate, il tempo che ho impiegato per completare il lavoro. C'è anche un fattore soggettivo, come il "peso artistico" dell'opera, in altre parole, forza, la potenza del messaggio trasmesso sullo schermo.

Parla dei tuoi progetti oggi

sono, in data odierna, raccogliendo frutti dopo tanto studio e perseveranza. Sto ricevendo diversi inviti a partecipare mostre virtuali e faccia a faccia, e questo è il mio obiettivo in questo momento. Sono anche diventato un microimprenditore individuale (MEI) recentemente, e questo mi sta aprendo nuove possibilità. Sono molto contento del mio momento artistico attuale..

Qual è il tuo consiglio per chi ha appena iniziato?

Anche se non ho molta esperienza io stesso, posso consigliare?, per chi inizia ora, pensare alle opere che più ti toccano il cuore e cercare di studiarle, sia tecnicamente che concettualmente. Consenti anche a te stesso di essere audace e di inserire le tue idee, non limitarti! Gradualmente consoliderai la tua identità artistica.

A proposito delle tue mostre, avere commenti in merito, sentimenti ...

Non ho ancora partecipato a mostre., perchè la mia ascesa artistica è avvenuta in maniera un po' fulminea. Ma, come ho detto prima, Ho ricevuto inviti, partnership consolidate e ho in programma alcune mostre, succederà molto presto!

Potresti commentare qualche curiosità artistica?

Un'importante curiosità artistica di cui a volte le persone non si rendono conto è il fatto che il grande genio Vincent van Gogh ha venduto un solo dipinto., nonostante abbia dipinto su 900 lavora in circa 10 anni di carriera. Secondo me, Van Gogh è la figura più stimolante di tutte, un essere che traboccava di arte e che dipingeva perché aveva bisogno di farlo, indipendentemente dal riconoscimento o dal ritorno economico.

Come definiresti la tua arte in una riga?

“L'espressione femminile nella sua pienezza.”

Social networking:

Instagram: @tassia_reisarts

 

* Grazie a Buana Lima, consulente dell'artista plastico, per tutte le informazioni pertinenti l'intervista.

 

 


Gruppo non Facebook | Instagram
LinkedIn | Facebook | Cinguettio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*