Casa / Art / Verve Gallery vengono visualizzate individuale Guilherme Callegari
Titolo: “Oulu”, Dati: S / D, Tecnica: Disegno, Dimensioni: 150 x 200 cm. Foto: Rivelazione.

Verve Gallery vengono visualizzate individuale Guilherme Callegari

Composta por 25 opera in diverse tecniche, "Ndustria" presenta la ricerca dell'artista circa l'industria e la comunicazione nella società moderna, in opere che esplorano la grafica e simboli e loghi dessignificação

La Verve Galeria visualizza "ndustria", artista visivo Guilherme Callegari. A cura di Eduarda Freire e testo critico Juliana Muniz, il singolo artista nelle prime caratteristiche galleria 25 dipinti – olio, Acrilico, gesso oleosa, carbone, penna a sfera e matita colorata su tela -, visione che l'indirizzo dell'artista circa l'industria e la comunicazione nella società moderna, sostenuti nel loro lavoro quotidiano e una vasta ricerca sul design grafico.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

L'insieme di lettere "ndustria", con la quale i nuovi titoli spettacolo Verve Galeria, È stato progettato da Guilherme Callegari solo come un simbolo che identifica la mostra. La parola stessa è coerente con il titolo di alcuni dei dipinti esposti. Con questa astrazione, l'artista cerca di attirare l'attenzione solo ai disegni e il suono che passano.

la produzione Guilherme Callegari nasce da un lavoro quotidiano, il suo rapporto con la pittura pratico. L'industria automobilistica e la comunicazione viene la ricerca permeabile alla selezione dei colori, Elementi e simboli – esplorare la grafica e dessignificação. Circa il lavoro dell'artista, il pittore Rodolpho Parigi ha scritto: "I colori di William Callegari sono natura industriale e plastica, Non è una tavolozza di paesaggi o anche un pittore di carne. La sua tavolozza è una stampante professionale o anche uno schermo ufficio di seta […] William lavora come una macchina, ma i suoi quadri hanno caratteristiche e le caratteristiche del capolavoro, nessun senso di lavoro unico. I passaggi sono definiti come in Design, portando informazioni più grafico. Anche quando l'artista mescola i suoi elementi, sempre un bordo ben definito che differenzia. Tutto è solida e piatta. L'incontro dei colori avviene più frequentemente incrocio e si scioglie. Questo ci ricorda pantoni generati da Photoshop o dei negozi di vernice muro."

Senza necessariamente avere un carattere narrativo, le opere presentate da Guilherme Callegari coprire elementi derivati ​​dalla progettazione universo grafico – come tipografia e calligrafia -, ma impoverito di significati semantici o simbolico, utilizzati come forme nella composizione delle sue opere. In Douglas de Freitas di detti, A proposito di lavoro dell'artista: "Nei dipinti Callegari non v'è alcun errore, sia nessuna correzione da apportare. Ciò che esiste è la ricerca di una soluzione composizione esigenze, senza mai completamente cancellare ciò che è stato fatto, mai ripristinare ciò che è stato compiuto, anche se a quanto pare non ha più senso nel modo in cui la pittura ha preso. È anulare con una X che ha più effetto, perché ha perso il senso nel set artista compositiva, rendendo questa parte errata della soluzione "giusta" della sua pittura. […] Questi sono i dispositivi che Callegari mise la mano nella realizzazione dei suoi dipinti. Non c'è una regola o bisogno di materiali, il lavoro si svolge l'accumulo e la sovrapposizione di questi diversi elementi e materiali, carbone, Acrilico, smalto sintetico, pastelli, resina, tra molti altri".

Come curatore definito Eduarda Freire: "Tra un sospetto sollevato sulla possibilità interpretativa dei sigilli mistici, carattere o casualità internazionale, l'artista convinto che ci sia uno spazio potente, ora riempito, tra un poster informativo e un dipinto. Obbedisce alla perfezione visiva desiderata stabilita da disegno, mentre eludere il funzionamento della produzione di comunicazione e dei media nella semplice ammissione di produzione artistica libera".

Esposizione: "ndustria"
Artista: Guilherme Callegari
A cura di: Eduarda Freire
testo critico: Juliana Muniz
Coordinamento: Allann Seabra e Ian Duarte Lucas
Apertura: 11 luglio 2019, Giovedi, às 19h
Periodo: 12 da luglio a 17 Agosto 2019
Local: Verve Galeria - www.vervegaleria.com
Indirizzo: via di Lisbona, 285 - Jardim Paulista, Sao Paulo - SP
Telefono: (11) 2737-1249
Orari: Dal martedì al venerdì, il 11 às 19h / Sabato, il 11 às 17h
Numero di opere: 25
Tecnica: pittura a olio, Acrilico, gesso oleosa, carbone, penna a sfera e matita colorata su tela
Dimensioni: variabili
Prezzi: Su richiesta

.

Ufficio Stampa
comunicazione Balady - Silvia Balady / Zeca Florentino

Telefono: (11) 3814.3382 | 11 99117-7324 - contato@balady.com.br

Guilherme Callegari

Nato a 198 a Santo André, dove vive e lavora. Si è laureato in Graphic Design con l'accento sulla tipografia in 2011. Il suo lavoro con problemi di Graphic Design / Comunicazione e pittura. Dopo la sua formazione, l'artista lascia contaminato da loro ricerche in graphic design in un college e ora prende su questo tema come un soggetto di ricerca nella sua pittura. Callegari ha vinto premi in sale da Praia Grande e Santo André, Ha partecipato a mostre collettive presso Galeria Baró, Galleria cerniera e doppia nella nuova casa arte contemporanea e cultura. Le sue opere fanno parte di collezioni a São Paulo, Rio de Janeiro, Perù e Paesi Bassi. Integra pubblici Collezioni: AS – Museo d'Arte di Rio, Casa guardare Luiz Sacilotto (Santo André – SP), Palazzo delle Arti (Praia Grande – SP).

Verve Galeria

The Verve è una galleria d'arte contemporanea fondata a San Paolo, il 2013. Nei loro spazi, è guidato da artista visivo Allann Seabra e Ian Lucas Duarte Architect, e si muove attraverso diversi mezzi e linguaggi. Nato di entusiasmo e di ispirazione che animano lo spirito della creazione artistica, Verve Gallery è sede di diverse piattaforme di sperimentazione contemporanea. L'eloquenza e la finezza che caratterizzano il suo nome sono presenti anche nella selezione accurata di artisti e progetti espositivi. Capire che i linguaggi artistici sono processi continui e complementare, Si tratta di nuovi talenti e professionisti affermati che si muovono liberamente tra pittura, fotografia, scultura, video, sito in situ, site-specific, incisione e arte di strada. La galleria occupa una casa centenaria, e la diversità dei suoi spazi espositivi emergere possibilità curatoriali che vanno oltre il formato tradizionale “cubo bianco”. Per aprirsi la strada, instaurare un dialogo aperto con il patrimonio costruito di São Paulo, assolvere alla funzione di integrazione tra arte, il pubblico e la città. Cerca di andare al di là della vendita diretta dell'arte, promuovere spettacoli regolari, lezioni e workshop, e gli scambi e le collaborazioni con artisti e gallerie in Brasile e all'estero.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*