Casa / Art / Luoghi del delirio
Museo d'Arte di Rio. Foto: Rivelazione.

Luoghi del delirio

Dal 7 Febbraio 2017

Galleria talk: 16h

Il Museo d'Arte di Rio - SEA, sotto la gestione di Odeon Institute, si apre in 7 Febbraio la Mostra Luoghi del delirio. Idealizzato di Paulo Herkenhoff e a cura di Tania Rivera, la mostra presenta alcuni 150 lavoro – tra strutture, Mappe:, spettacoli, dipinti e oggetti – artisti vari, come Cildo Meireles, Laura Lima, Anna Maria Maiolino, Arthur Bispo do Rosário, Fernand Deligny, Lygia Clark, Raphael Domingues, Gustavo Speridião, Fernando Diniz, Cláudio Paiva, Geraldo Lúcio Aragona e altro. È una riflessione politica ed etica sull'arte e follia. "L'intenzione è di mettere in attesa la delimitazione fra il normale e il cosiddetto" crazy". Arte e follia hanno in comune la forza di trasformazione della realtà e questo è rappresentato nella Mostra", spiega la curatrice Tania Rivera, che è una psicoanalista e professore alla Università Federale Fluminense (UFF).

Il delirio di parola significa nulla che devia le impostazioni predefinite e creare nuove impostazioni della realtà. Ed è questo che viene utilizzato nel titolo di uno spettacolo che porta le opere di artisti diagnosticati un disturbo psicologico, ma anche i nomi familiari nell'arte, producono opere che rifiutano le rotte tradizionali di rappresentanza o di tale questione in un modo che si chiama follia. Inoltre, Inoltre presenta il lavoro di artisti visivi in collaborazione con pazienti delle istituzioni psichiatriche. Le opere saranno essere disposti in modo che si incontrano e comunicare nello spazio. C'è un approccio orizzontale in tutte le azioni della Mostra. "Vogliamo mostrare un'insolito e giocosa trasformazione della realtà e organizzare i lavori a una contaminazione visiva utile", Conto di Tania.

Che cosa è delirante nell'arte e che cosa è riflessione circa la follia nell'arte sono domande che hanno guidato la ricerca curatoriale, Chi ha organizzato la Mostra con un'ampia varietà di generi e linguaggi. "Stiamo portando artisti emblematici come Arthur Bispo do Rosário, che ha vissuto più di 50 anni istituzionalizzate nella clinica psichiatrica, ma anche altri non così ben noto al pubblico, come Luis guide, da Porto Alegre, Maurice Flandeiro, di Ceará e Fernando Lima, di Betlemme, in un dialogo con importanti artisti contemporanei come Cildo Meireles, Laura Lima e Anna Maria Maiolino, per esempio".

Dopo molti anni senza esporre in città, Anna Maria Maiolino sarà, all'inaugurazione della Mostra, una performance con la partecipazione di Sandra Lane. In "In Atto", l'artista segue, con la tua dolce presenza ma estremamente forte, il processo di rilascio di una donna che si stacca facilmente dalle obbligazioni. Laura Lima – che conta è state fondamentali per la vostra decisione di diventare un artista seguire un focolaio di tuo fratello-conduce agli spettacoli l'opera interattiva "nuovi costumi", che vengono in rilievo in vinile possono provare gli addetti. In "Ascenseur", una mano dietro la parete apparirà in modo insolito, in cerca di un set di chiavi. Ana Linnemann porterà i visitatori all'albero con l'installazione che si sposta, letteralmente, con uno dei pilastri del pilotis del Museo.

Lo psichiatra Nise da Silveira, Egli considerato schizofrenia uno della miriade di stati", citando l'artista e attore Antonin Artaud, è ricordato in mostra con opere che fanno parte della collezione del Museo di immagini dell'inconscio, creato per lei in 1952 nel cosiddetto centro psichiatrico nazionale, nell'Engenho de Dentro. Opere di Fernando Diniz e Raphael Domingues saranno sul display, che inoltre sarà caratterizzato da fotografie e disegni di Geraldo Lúcio Aragon, Ha frequentato i laboratori di arte del Nise in ritardo ' 1950, ma solo recentemente è stato staccato dall'insieme dell'istituzione.

Il lavoro "Ragione/follia" (1976), Cildo Meireles, rappresenta una sorta di visualizzazione poetica definizione, portando una riflessione circa la sottile differenza tra ragione e follia. Di Cildo, verrà visualizzato anche 42 immagini dalla serie di fotografie "Cottolengo", fatto nel villaggio di St. Joseph Benedict Cottolengo ospedale nel 1976. Uno di loro è stato utilizzato in "Zero Cruzeiro", che sarà presentata la nuova versione "Real Zero" (2013). Un'altra opera di questo artista nello show è "Liverbeatlespool", creato nel 2004 per la Biennale di Liverpool, composto da una bici che circolerà attraverso i dintorni del Museo con altoparlanti che gioca senza scali canzoni dei Beatles sovrapposti e invertiti.

Per la prima volta in città, Luoghi del delirio porta il lavoro dell'educatore francese Fernand Deligny, Morti il 1996, che ha influenzato autori come Gilles Deleuze e Félix Guattari. Al confine tra arte e trattamento, propri dipendenti tracciato mappe con i gesti e gli offset dei bambini autistici in ambienti abitativi mantenuti da educatore in ritardo ' 1960. Di Deligny, in mostra anche riviste con riproduzioni di disegni e frammenti di testo.

Lygia Clark è anche il suo show, con l'emblematico, ma poco conosciuta "camicia di forza", di 1969. "La Mostra afferma che la luoghi Il delirio sono molte e varie, e i tentativi di esplorare e mettere in discussione i confini tra normale e patologico, tra arte e vita, tra il Museo e il mondo", Tania Rivera per il curatore è invitato a dare continuità al progetto arte e società in Brasile – di cui ha preso parte nelle fiere La giacca e il terreno (2013) e Ci sono scuole che sono gabbie e ci sono scuole che sono le ali (2014).

Il Museo d'Arte di Rio – AS

La VAS è uno spazio dedicato all'arte e alla cultura visiva. Occupa due edifici su praça Mauá: stile eclettico, che ospita la Sala delle Esposizioni; altro stile moderno, Guarda dove il lavoro della scuola. Il progetto architettonico unisce i due edifici con una copertura di cemento liquido, che si riferisce ad un onda - un marchio di fabbrica del museo -, e una rampa, dove i visitatori vengono a spazi espositivi.

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il mare ha attività che coinvolgono la raccolta, registrazione, ricerca, la conservazione e la restituzione dei beni culturali per la comunità. Supporto proattivo istruzione e cultura dello spazio, il museo è nato con una scuola - Look Scuola -, la cui proposta è museologico innovativo: favorire lo sviluppo di un programma educativo di riferimento per le azioni in Brasile e all'estero, che unisce arte ed educazione dal programma curatoriale che guida l'ente.

Il mare è gestito dall'Odeon, un'organizzazione sociale della cultura, selezionata per il corridoio di città di Rio de Janeiro per avviso pubblico. Il Museo ha la Grupo Globo come maintainer, gli BNDES come sponsor di Riserve tecniche e sostenitore della Mostra Leopoldina, Principessa di indipendenza, delle arti e delle scienze, un Petrobras anche come sostenitore di Leopoldina, Principessa di indipendenza, e un Repsol come un sostenitore della Mostra.

La Scuola di Ricerca ha il Fecomercio sistema RJ, attraverso il Sesc, partner istituzionale, e ha il Banco Votorantim e un Prodiel come sostenitori. La Brookfield supporta il didattica. Il programma MARE presso l'Accademia ha il sostegno di DATAPREV e Amil uno salute Via Comunale legge di incentivo alla cultura, e Aliansce via la legge Rouanet. La Souza Cruz è copatrocinadora la Domenica al mare.

Il mare ha anche il sostegno del governo dello stato di Rio de Janeiro, e attuazione del Ministero della cultura e del governo federale del Brasile, attraverso la legge federale di incentivo alla cultura.

Servizio

Ingresso: R $ 20 Il R $ 10 (metà prezzo) - Persone con un massimo 21 anni, studenti delle scuole private, università, disabili e dipendenti pubblici della città di Rio de Janeiro. Il mare è parte della Carioca programma paga la metà, offerta metà prezzo per i locali e i residenti della città di Rio de Janeiro, in tutte le istituzioni culturali legati al Municipio. Presentare un documento comprovante (identità, prova di residenza, bollette dell'acqua, luce, telefono a pagamento con, Top, tre mesi di emissione) e rimuovere il biglietto al botteghino. Pagamento in contanti o carta di (Visa o Mastercard).

Biglietto di sola andata: R $ 32 – R$ 16 (metà prezzo) i locali e residenti a Rio de Janeiro, su presentazione di giustificativi documentazione o prova di residenza. Documenti giustificativi saranno considerati quelli che contengono il luogo di nascita, come RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.. Sarà considerata prova di titoli della residenza della collezione con un massimo di 3 (tre) mesi di emissione, come servizi idrici, luce, rete fissa o gas naturale, debitamente accompagnati da un documento ufficiale d'identità con foto (RG, patente di guida, portfolio di lavoro, Passaporto, ecc.) dell'utente.

Politica libero: Non pagare nessuna voce-su presentazione di documentazione probatoria – studenti provenienti da pubblici (l'insegnamento elementare e media), i bambini fino a cinque anni o persone da 60, insegnanti della scuola pubblica, dipendenti di musei, gruppi in situazioni di vulnerabilità sociale visita didattica, Vicini di casa delle guide turistiche e di mare. Martedì ingresso è libero al pubblico. Domenica l'ingresso è gratuito per i possessori di Carioca passaporto musei non hai ancora il timbro del mare. L'ultima domenica del mese il Museo ha ingresso gratuito per tutto il progetto Domenica al mare.

Martedì alla Domenica, das 10h às 17h. Il lunedì il museo chiude al pubblico. Per ulteriori informazioni, contatto per telefono (55 21) 3031-2741 o visita www.museudeartedorio.org.br.

Indirizzo: Praca Maua, 5 - Centro.

Commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*