Casa / Art / Inaugurazione della Mostra “Luce in Brasile” dell'artista belga Françoise Schein con pannelli urbani ispirati ai diritti umani
Stagione di Luce, Sao Paulo, mostra "Luz no Brasil"" di Françoise Schein. Foto: Rivelazione.
Stagione di Luce, Sao Paulo, esposizione "Luce in Brasile" di Françoise Schein. Foto: Rivelazione.

Inaugurazione della Mostra “Luce in Brasile” dell'artista belga Françoise Schein con pannelli urbani ispirati ai diritti umani

Ministero del Turismo, Segreteria Speciale della Cultura
Box assicurativo
PARTNER KDB

presente

Luce in Brasile

La mostra che segna la riapertura del Paço Imperial viaggia lungo la sua traiettoria dell'artista belga Françoise Schein, festeggiare 20 anni di attività in Brasile con opere pubbliche sui diritti umani

Con la tua Associazione, Françoise si sviluppa opere artistico-didattiche in quattro continenti

Di 25 da febbraio a 25 Aprile 2021, ingresso libero

Impossibile passare inosservati i giganteschi pannelli di piastrelle firmati da Françoise Schein, sia nei frontoni degli edifici appena fuori dalla stazione della metropolitana Siqueira Campos, in Copacabana, alla stazione di Luz, a São Paulo, o Concorde, Parigi. Tutti hanno lo stesso tema a cui Françoise dedica la sua vita: i diritti umani. Il processo di creazione è sempre fatto con la partecipazione degli studenti, giovani e bambini, dalle comunità meno favorite. Attraverso il coinvolgimento nella creazione dell'opera artistica, gli studenti conoscono la Dichiarazione universale dei diritti umani e, supportato dal lavoro educativo, sono incoraggiati a pensarci e a metterlo in relazione con le loro vite. Sarà la prima volta che Françoise avrà una retrospettiva del suo lavoro nella città che ha un'importanza fondamentale nel suo percorso.





La mostra è stata realizzata a quattro mani da Françoise e sua figlia Rio Lohana. La storia dei due si intreccia con le azioni artistico-educative di Françoise in Brasile e illustra uno dei primi pannelli della mostra, che racconta l'emozionante storia dell'adozione di Lohana. Per la ragazza preservare i legami con la sua famiglia, Françoise veniva a Rio ogni anno. Oggi, Lohana firma questa mostra come curatore. Françoise ha fondato Associação Registrire Brasil, un braccio dell'istituzione creata anni prima e il cui obiettivo è "Iscrivere i diritti umani nelle città del mondo". Na Register Brasil, Françoise ha un team che monitora tutte le fasi del progetto, formato da diversi professionisti, tra loro l'architetto Rita Anderaos e il pedagogo Moema Quintanilha.

I diritti umani rappresentano il filo conduttore dell'intera esperienza di Luce in Brasile. Inizia con un complimento all'utopia, passa attraverso una serie di dimostrazioni che insieme possiamo creare e amplificare la nostra voce attraverso l'arte e, Infine, domanda "Ora?". “Non esiste una risposta giusta o sbagliata a sfide complesse e Françoise sa che non esiste nemmeno una risposta. Pertanto, l'invito al pensiero, l'invito a tutti a capire cosa possono fare per costruire una società più giusta", coma Lohana Schein.

Luce in Brasile presenta la traiettoria di Françoise attraverso le foto, testi, disegni originali, immagini di numerose opere pubbliche in Brasile e nel mondo, video, schizzi e pezzi dalla collezione personale dell'artista. Il pezzo forte della mostra è il lavoro di Estação da Luz, a São Paulo, il primo intervento artistico partecipativo e pedagogico sui diritti umani in una stazione della metropolitana del Paese, che ha impiegato dieci anni per completare e ispirare il titolo della mostra. Il 16 I pannelli Luz raccontano anche la storia di San Paolo, attraverso disegni figurativi realizzati dall'artista e pannelli sui Diritti Umani dipinti da tremila studenti delle scuole della periferia della città. Per creare dashboard storici, l'artista ha disegnato un alfabeto di centinaia di piccoli disegni serigrafati che si ripetono su di essi.

I progetti di Vidigal, il primo in Brasile; da Siqueira Campos, il più conosciuto a Rio, che presenta una mappa di 200 m2 della regione con lettere sui diritti umani e immagini della storia della schiavitù; il lavoro della stazione della metropolitana Galeria dos Estados, in Brasilia, una commissione del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, un grande pannello di 110 mq realizzato con la partecipazione di 1.000 giovani del Distretto Federale, in cui grandi palloncini blu e verdi annunciano problemi di ecologia globale; progetti in diverse città del mondo e 20 strutture pubbliche partecipative situate in comunità svantaggiate alla periferia di Rio, che fanno parte del progetto “Enroll Human Rights in 1001 scuole ", rivelano il percorso intrapreso da Françoise e Inscribe.

André Couto, Presidente della Associazione Abbonati Brasile, evidenzia che "la mostra Luce in Brasile si presenta come un doppio faro. Un punto illumina il percorso intrapreso dall'artista Françoise Schein, dai lavori in giro per il mondo a quelli realizzati in Brasile, e l'altra estremità illumina il futuro, un futuro in cui la registrazione dei diritti umani e la piena democrazia dipendono dall'azione di tutti noi".

"Il lavoro che stiamo facendo, lentamente più sicuramente, nelle scuole brasiliane e in altre parti del mondo, è l'alfabeto delle abilità di vita e dovrebbe essere la prima cosa da insegnare a miliardi di giovani studenti in tutto il mondo. Allora, non ti insegnerà in modo giocoso, creare opere d'arte per il piacere del bello per tutti e per tutti, il modo migliore per farlo?", domande Françoise Schein.

Luce in Brasile patrocinato dal Ministero del Turismo, Segreteria speciale per la cultura e Caixa Seguradora, sostegno del Consolato generale francese, Artmyn e Gigascope. La produzione è di Bertrand Dussauge, da KDB PARTNERS. “Dopo due anni di lavoro con la mia amica Françoise Schein, Sono orgoglioso di condividere questa retrospettiva al Paço Imperial, dove esposto, subito dopo l'apertura dello spazio, il 1986, 350 stampe inedite di Picasso, portare migliaia di persone sul sito ", comenta Dussauge.

Sull'Artista

Françoise Schein è nato in Belgio, il 1953. Ha studiato Urban Design alla Columbia University, em Nova York, e architettura, Bruxelles. Ha anche studiato arte con Robert Morris alla NYU University. Sviluppa grandi opere urbane a livello internazionale in Europa, Stati Uniti, Sud America e Medio Oriente. Ci 30 anni, Françoise dedica gran parte del suo lavoro alla diffusione dei diritti umani nelle scuole e nei quartieri svantaggiati. In 1997, ha fondato l'Associazione, una ONG dedicata alla diffusione dei concetti di cittadinanza e diritti umani attraverso opere partecipative innovative.

Impegnato politicamente e sensibile all'evoluzione storica dei diritti umani, Schein ha creato un legame etico e artistico tra città e paesi attraverso i vari progetti che ha realizzato. Tutte le sue opere sono diventate punti di riferimento locali, monumenti contemporanei.

Françoise crede nel legame strutturale tra delicatezza, gentilezza e bellezza. Ha creato una metodologia molto umana per la produzione pedagogica delle sue opere, coinvolgendo la partecipazione di tutti i tipi di persone, dalle più diverse classi sociali. La sua metodologia artistica coinvolge spesso la ceramica in quanto è facile da usare e ha una longevità.

È sotto le città, nelle tue stazioni della metropolitana, nei parchi e sui muri riporta il testo dei diritti umani, di 1948, striato di immagini, testi filosofici e letterari e cartografie della cultura e della storia locale, prodotto con la partecipazione attiva della popolazione locale.

Con l'Associazione Iscriviti o da solo, Françoise Schein ha prodotto un gran numero di opere monumentali tra cui le stazioni della metropolitana Concorde, sulla rivoluzione francese, Parigi (1989-90); Saint Gilles, Bruxelles (1992), sui diritti umani e le frontiere europee; Parco, a Lisbona (1994), sui diritti umani e "scoperte portoghesi nel mondo nel Medioevo"; L'Università, a Stoccolma (1998), sui diritti umani e le questioni ambientali globali; e a Westhafen, a Berlino (2000), sui diritti umani e le questioni migratorie. Ha anche creato "Il giardino dei diritti umani", a Rhododendrons Park, a Brema (2001); la facciata del Centro culturale arabo-ebraico, ad Haifa, Israele (1993); e la facciata del teatro municipale di Ramallah, della Palestina – "Una città come un albero per i diritti umani" (2009).

Da 2000, partendo da Rio de Janeiro e andando in diversi paesi del mondo – Belgio, Francia, Israele, Palestina, Germania, Inghilterra, Portogallo, Spagna, Uruguay, Haiti – ha realizzato un progetto in crescita permanente denominato “Scrivere i diritti umani nelle scuole e sui muri delle città”.

Em Coventry, na Inghilterra (2005), Françoise ha realizzato un progetto di arte urbana su larga scala chiamato "The Time Zone Clock", un gigantesco orologio da pavimento progettato secondo il sistema dei fusi orari, realizzato in acciaio inox e luci. Vicino a Parigi, a Les Mureaux, ha creato mormorii, un grande pezzo di ceramica prodotta con la partecipazione dei residenti. In 2016, Bruxelles, criou Le Grand Banket, un'opera d'arte pubblica concepita come un banchetto, con la partecipazione dei residenti.

Nei tuoi progetti artistici individuali, Françoise lavora con la multimedialità, sculture, fotografie, grafica, libri e video d'artista. Ha già esposto il suo lavoro e la sua collaborazione con inscrire nei musei d'Europa, Brasile e Stati Uniti.

Per maggiori informazioni:

www.francoiseschein.com / www.inscrire.com

Luce in Brasile
Esposizione Françoise Schein
Con Associazione Abbonati Brasile
A cura di: Lohana Schein
Sponsorizzazione: Ministero del Turismo, Segreteria Speciale della Cultura, Box assicurativo
Supporto: Consolato generale di Francia, Artmyn, Gigascope, Studio Zero
Paço Imperial (Piazza XV de Novembro, 48 - Centro – Tale. 2215-2622) – Ingresso gratuito
Di 25 da febbraio a 25 Aprile 2021
Dal martedì al venerdì, 12h a 18:0 | Fine settimana e festivi, 12h às 17h

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*