Casa / Art / BELIZÁRIO Gallery apre con Maxim Malhado
Opera di Maxim Malhado. Foto: Rivelazione.
Opera di Maxim Malhado. Foto: Rivelazione.

BELIZÁRIO Gallery apre con Maxim Malhado

"…in questo momento e anche prima di ieri, è la possibilità di vedere me stesso e osservare l'altro!"
Maxim Tabby

La BELIZÁRIO Gallery apre un nuovo spazio culturale a San Paolo con il esposizione di Maxim Tabby – “...da dove abitiamo", sotto la curatela di Marcus Otter, con 15 opere tra sculture e oggetti dove il materiale principale è il legno che descrive concettualmente la verità che “ogni casa è bella; ogni casa misura un metro in più, compreso e principalmente il tuo!", come si definisce il gallerista Orlando Lemos.





José Roberto Furtado, Luiz Gustavo Leite de Oliveira e Orlando Lemos, gli artigiani della nuova galleria, inserire nel circuito espositivo di San Paolo una nuova opzione di luogo di propagazione artistica destinato a divulgare e commercializzare opere d'arte moderna e contemporanea. Il progetto di Galleria del Belize ha origine a Belo Horizonte, dove i tre amici si sono incontrati e, per la sua esperienza nella scena artistica del Minas Gerais, fornisce loro il supporto necessario per presentare un'opera di alto livello e originalità che si afferma dalla sua presentazione al circuito locale con la produzione recente e inedita dell'artista Maxim Tabby.

“'…da dove viviamo' riunisce un insieme espressivo della produzione recente dell'artista. Le sue opere dialogano con l'artigianato e il design popolare costruendo un'archeologia della memoria, dove gli oggetti vengono risignificati e ricostruiti. Dialoga con artisti del nordest della sua generazione come Carlos Mélo e José Rufino e anche, con Nuno Ramos e Tunga. Questa è la famiglia espressionista a cui appartiene l'artista; questo è il tuo universo, questa è la tua voce", spiega la curatrice.

Maxim Tabby approda nel circuito artistico negli anni del 1990 con le loro opere che trasmettono raffinatezza e dettaglio nella semplicità della scelta e selezione di materiali e formati - "i criteri sono gli stessi di quelli dei maestri e degli assistenti di costruzione nei loro 'cantieri', il desiderio, la volontà e la necessità di risolvere dubbi e problemi, cercare risposte", dice l'artista. Definire il posto dove vivere, offre possibilità di immersione intellettuale che possono indirizzare sia all'aspetto materiale della 'casa', dove vivi e ti stabilisci come più giocoso, immateriale, diretto al "corpo", il vero habitat umano, dove si costruisce anche la storia. Nelle parole di Marcus Otter, “L'edonistico Bahia, mare, sexy, salvadoregno, fa spazio alla selvaggia Bahia, campagna, entroterra, nord-est. questa è la terra, il territorio, la fonte della conoscenza da cui l'artista prende le sue pietre e perle per assemblare composizioni poetiche piene di autenticità e potenza naturale”.

Concorrente, consapevoli e consapevoli dello scenario attuale, sia globalmente che vicino al luogo dove sviluppa il suo lavoro, Maxim Tabby assume il suo ruolo di consapevolezza generale con la sua arte, e assume un posizionamento non statico, in continua evoluzione, in movimento, con quello che viene dopo. "Ci sono sempre sviluppi, necessaria, perché se anche i frutti peccano…non c'è nessun errore", dichiara l'artista.

"Ammirare queste articolazioni formali e concettuali, abbiamo imparato da Maxim Malhado che solo l'azione creativa nobilita la specie umana. E che la capacità di innovare, trasformare e interpretare ciò che chiamiamo reale, può fornire agli esseri umani gli strumenti essenziali affinché l'arte e la scienza siano per sempre il “santi guerrieri” che proteggono il mondo da “draghi malvagi”." Marcus Otter

la Galleria

La BELIZÁRIO Gallery arriva al mercato dell'arte di San Paolo in 2021 ed è il risultato di una partnership tra Orlando Lemos, José Roberto Furtado e Luiz Gustavo Leite. Un concetto di spazio per la cultura che nasce a Belo Horizonte con Orlando Lemos e un Objectaria Belizarar, che si trasforma in Galleria Belizer, anche a Belo Horizonte, facendo mostre d'arte di artisti nuovi e promettenti come Paulo Nazareth che inizia la sua traiettoria nel luogo. La sua proposta mira a proporsi come un'ulteriore opzione di partecipazione e visibilità della produzione di artisti emergenti e consolidati nel panorama dell'arte contemporanea brasiliana nel circuito culturale di San Paolo. La galleria si unisce al movimento che cerca di promuovere orizzonti che stabiliscono nuovi modi per reindirizzare ed espandere il mercato dell'arte, pensando alle diverse traiettorie e produzioni artistiche che lo compongono. Così, mirando alla promozione della diversità culturale intrinseca nella contemporaneità, funge da palcoscenico per artisti nuovi e affermati, nazionale ed estero, in partnership con curatori che sono anche imbevuti dello stesso scopo. In BELIZÁRIO Gallery, cerchiamo di servire un pubblico che cerca l'acquisizione di opere artistiche e, anche, la creazione e promozione di nuove collezioni. La sua collezione è composta da diversi temi ed estetiche, attraverso l'universo poetico di ogni artista. Il suo repertorio comprende opere d'arte di diverse lingue, supporti, tecniche e media come il disegno, scultura, fotografia, incisione, pittura, installazione e altro. La BELIZAR ci sono Orlando Lemos in direzione artistica, attivo nel mondo dell'arte dal 2001, José Roberto Furtado nella gestione amministrativa e commerciale e Luiz Gustavo Leite in direzione sociale.

SERVIZIO
Esposizione: "...da dove abitiamo"
Artista: Maxim Tabby
A cura di: Marcus Otter e Maxim Tabby
Apertura: 06 Novembre 2021, Sabato, da 11.00 a 18:0
Durata: di 08 Novembre a 05 Dicembre 2021
Local: BELIZÁRIO Gallery
Indirizzo: Rua Dr. Virgilio de Carvalho Pinto, 491 -Pini
Telefono: (31) 99403.0950 | Orlando
Orari: dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 19.00; Sabato dalle 10.00 alle 14.00
Numero di opere: 15
Tecnica: sculture e oggetti in legno
Dimensioni: vario
Prezzo: su richiesta
Sito: in costruzione
Instagram: @belizariogaleria
Facebook: in costruzione
E-mail: in costruzione

Maxim Tabby (Ibicaraí, BA)

Vive e lavora a Massarandupió, Bahia. Avendo iniziato a esporre da 1995, viene premiato sette volte ai saloni regionali di Bahia, e, il 2001, riceve il Premio Acquisizione dell'VIII Salone del Museo d'Arte Moderna di Bahia. Viene selezionato ad Itaú Cultural per le edizioni di 2001 e 2003 del Progetto RUMOS e, il 2004, partecipa alla 26a Biennale Internazionale d'Arte di San Paolo. Ha partecipato a mostre al Salone Nazionale di Goiás, Salone Nazionale d'Arte del Pará, Salone Nazionale di Curitiba, PR, Biennale di Montevideo, Uruguay. Ha opere nelle collezioni di istituzioni come Galeria Maxi ACBEU, Salvatore, BA; Progetto Salvador Porto e Mar – Codeba; Centro Culturale Danneman, San Felice, BA; Istituto di Cultura Brasile-Germania | ICBA, Salvatore, BA; Museo d'Arte Moderna di Bahia, tra i tanti. È nominato per il Premio PIPA nelle edizioni 2011 e 2015.

Marcus Otter (Rio de Janeiro, RJ)

Marcus de Lontra Costa è critico d'arte e curatore indipendente. È stato direttore della rivista Modulo; direttore della Parque Lage School of Visual Arts; critico d'arte due giornali Il globo, Tribuna stampa e Questo è e, anche, consigliere del Ministero della Cultura. Ha anche diretto il Museo d'Arte Moderna di Brasilia, DF, Museo di Arte Moderna di Rio de Janeiro, RJ e Museo d'Arte Moderna di Recife, PE. È stato Segretario alla Cultura di Nova Iguaçu (RJ), nel governo di Lindbergh Farias. Era il curatore delle mostre: "Come stai, generazione 80?" (insieme a Sandra Magger e Paulo Roberto Leal); "Wicked Childhood", MAM- RJ; "Dove sei generazione 80?", Il CCBB. Da 1998 è direttore delle produzioni culturale Otter.

José Roberto Furtado (Belo Horizonte, MG)

Vive e lavora a São Paulo, SP. Con una laurea in lettere incompleta presso UFMG, ha una lunga traiettoria nel circuito culturale del Minas Gerais come curatore di mostre istituzionali presso la Grande Galeria do Palacio das Artes, no Centro Culturale FUNALFA, oltre a progetti in spazi culturali e gallerie pubbliche e private. Negli anni 2000, porta la sua sensibilità e il suo talento alla Moda, diventando un'esperta del segmento. In 2014, torna alla sua vecchia passione per la cultura nel segmento delle arti, entrare a far parte di Orlando Lemos Galeria come rivenditore.

Luiz Gustavo Leite (Belo Horizonte, MG)

Luiz Gustavo Leite de Oliveira vive e lavora a San Paolo. Dottore in Medicina di FMIt, MG, con specializzazione in Chirurgia Generale e Plastica a Belo Horizonte; ha una partnership in Laprat Bioevolution & Centro benessere, SP, oltre ad agire come altoparlante da Allergan Estetica. Arriva a San Paolo in 25 Agosto 2009 dove consolida la tua carriera medica, oggi con una traiettoria di successo. A pochi anni fa, il tuo apprezzamento per l'estetica e la bellezza, ti avvicina al mondo dell'arte dove, passo dopo passo, diventa un collezionista con pezzi specifici di cui puoi parlare con dettagli sul formato, storia e autore.

Orlando Lemos (Franca, SP)

Vive e lavora a Belo Horizonte, MG. Laureato in Educazione Fisica presso UFMG, si è laureato in Arte Contemporanea e Storia dell'Arte alla PUC/MG. Direttore e fondatore di Orlando Lemos Galeria, con sede a Nova Lima, MG. Curioso, è riconosciuto e rispettato dai suoi colleghi per aver scoperto e lanciato nuovi talenti nelle arti visive.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*