Casa / Art / In “città immaginarie”, mostra alla Pinacoteca Benedicto Calixto, l'artista Miriam Nigri Schreier presenta opere della sua produzione più recente
"Expulsando a escuridão", pintura de 2019, tecnica mista su tela, com 80cm x 148cm. Uma das obras de Miriam Nigri Schreier na exposição Cidades imaginárias. Foto: Rivelazione.

In “città immaginarie”, mostra alla Pinacoteca Benedicto Calixto, l'artista Miriam Nigri Schreier presenta opere della sua produzione più recente

Più di trenta anni di attività professionale. Ma Miriam nero Schreier ancora in piena attività creativa, e con la stessa energia della giovinezza. In 7 Agosto si apre nuova mostra personale, questa volta nello spazio Pinacoteca Benedicto Calixto, a Santos.

A spettacoli, che sarà aperta al pubblico fino 22 Settembre, Presenta un insieme intrigante di trentatré opere, la metà di loro ha prodotto negli ultimi tre anni. Sono raggruppati sotto il titolo suggestivo città immaginarie, rivelando il tema urbano che attraversa tutto il recente lavoro dell'artista. Il curatore è Zibel Carlos e Antonio Carlos Cavalcanti.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Predilezione per rosso - Come si vede in mostra città immaginarie, il lavoro di Miriam nero Schreier E 'sempre luminoso, caldo, mai scuro. “Nei miei edifici cerco di catturare la luce, di espellere l'oscurità”, dice.

Le opere artista, invariabilmente, varie forme geometriche, utilizzando una tavolozza di colori che vibrano e creare una notevole illusione del movimento. La mostra rivela anche la speciale predilezione dell'artista per il rosso, un lungo rosso. E, ancora, gli schermi di grandi formati: “Nelle grandi immagini mi Sputtering, respirare meglio”, dice.

Miriam raramente pianificare uno schermo, raramente sapere dove si otterrà. Lei dice che parte liberamente giocano vernici e, mentre “essi intrecciando”, in seguito a parlare con lo schermo fino a raggiungere l'inaspettato - “utilizzando l'esperienza che ho accumulato nel mio cosciente”.

Nei suoi quadri si fa spesso uso di incollaggio ritagli di carta e l'applicazione di sabbia o terra, per gli effetti strutturato. Un'altra delle sue tecniche è quello di “reprocessar” lavoro precedente: aree di tiro schermi pronti, stampa l'immagine su uno schermo in bianco e attinge. “Mi piace l'idea di qualcosa dal mio”, dice.

città illusori - molto presto Vieni Passione Miriam nero Schreier facendo arte. Inizia a dipingere i suoi primi dipinti con colori ad olio a tredici. E, dice oggi, “Presto mi resi conto che il mio destino è legato a quello di lavoro”.

Durante il suo periodo di formazione, l'artista ha sperimentato diverse forme di espressione artistica. sulla strada, Aveva la guida di insegnanti Costantino bolognesi, Angelo San Martin e Sergio Fingermann, per venire a dedicare definitivamente solo alla pittura. “Per me la pittura è una ricerca per ottenere qualcosa che va oltre l'ordinario, a giocare qualche cosa di più trascendente”, dice.

Nel corso del tempo Miriam nero Schreier Si può sempre mostrare il loro lavoro. Dal 1986 ha costruito un impressionante track record di decine di mostre personali e collettive, effettuato non solo in Brasile ma anche all'estero. E ha già preso la sua arte di città latinoamericane (pace, Cuzco, Città del Messico), dare all'Europa (Amsterdam, Budapest, Roma, Cannes, Parigi) e Stati Uniti. Per il loro ruolo nei saloni d'arte, Ha ricevuto numerose medaglie (oro, argento, Bronzo) e menzioni d'onore.

In questa nuova mostra personale, città immaginarie, Miriam nero Schreier comprende anche un paio di incisioni e dipinti su carta, del periodo di 2013 e 2014. Si tratta di opere che si oppongono alla più recente produzione di schermi, La maggior parte degli spettacoli, e permettere allo spettatore di seguire l'evoluzione del suo linguaggio e cambiamento tecnico, iniziata nel 2012.

Nelle parole dell'artista, “Il mio lavoro attuale si sviluppa attraverso la costruzione e la decostruzione di immagini”. egli aggiunge: “questa serie di nuove opere nato da una revisione della mia pittura, dove le immagini cambiano e conseguente più immagini, che a volte appaiono come città illusori, immaginario e stilizzato.”

Alla ricerca di espressione poetica – Trecho do texto dos curadores Zibel Carlos e Antonio Carlos Cavalcanti per il catalogo della mostra:

Con Imaginary Cities Miriam Nigri Schreier raggiunge la piena maturità professionale nelle arti plastiche. Questo dimostra la Pinacoteca Benedito Calixto porta una selezione di opere che vanno dal 2011 a 2019 un intervallo di otto anni che mostra un po 'di havida cambiamento tecnico alla fine 2012.

A quel tempo Miriam aggiunge al suo imponente repertorio uso, on allungato su telaio, impronta (con tono svasata, -Alto contrasto o solarizzazione) con l'inserimento di frammenti di opere precedenti, che l'artista interferisce pittoricamente in cerca di espressione poetica belle città immaginarie.(…)

Avendo sviluppato da disegno e la pittura su carta e lo sviluppo di piccole parti, inizia con 13 anni una carriera come pittore di ricevere, già 1986 e 1987, il bronzo e medaglia d'oro, rispettivamente, sia in di Sant'Andrea Salon d'Automne - il primo di numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali.

Servizio - A Pinacoteca Benedicto Calixto è in Av. Bartolomeu 15, Boqueirão, Santos, tel. (13) 3288-2260.
La mostra città immaginarie, di Miriam nero Schreier, ha apertura 7 Agosto 2019, il mercoledì, a 19 ore.
Visita da 8 da agosto a 22 Settembre 2019, di Dal martedì alla domenica, il 9 a 18 ore.
Ingresso gratuito.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*