Casa / Art / Esther Bonder presenta la mostra "Quietudes"
Artwork di Esther Bonder. Foto: Rivelazione.
Artwork di Esther Bonder. Foto: Rivelazione.

Esther Bonder presenta la mostra "Quietudes"

Giardini terrestri per schermi

Ester Bonder presenta la mostra "Quietudes"

Mostra curata da Fernando Cocchiarale e Patricia Toscano fatto no Midrash Il Centro Culturale si apre in versione virtuale

Un momento per alleviare la tensione e produrre calma. È così che si può definire la mostra “Quietudes”, mostra personale dell'artista e paesaggista Esther Bonder. La mostra curata da Fernando Cocchiarale e Patricia Toscano, riunisce oltre 20 dipinti il ​​cui lavoro nasce dall'attrito tra lo sguardo dell'artista e il mezzo visivo planare della tela, costruire dettagliate reinterpretazioni pittoriche di paesaggi naturali e urbani come risultato della loro più recente ricerca artistica.





L'eccesso di informazioni bombardate quotidianamente è servito come fonte di ispirazione per l'artista nella costruzione di "Quietudes". “L'asfissia provocata dalla globalizzazione immobilizza le persone e, tante volte, pochi possono fermarsi e respirare, riflettere e avere momenti di introspezione. La mostra rafforza esattamente l'importanza di questa tregua, ciò può essere ottenuto contemplando la natura, per esempio", Esther spiega.

Segundo Fernando Cocchiarale, uno dei curatori della mostra, I paesaggi di Esther possono essere riferiti al lavoro di Roberto Burle Marx, pittrice e paesaggista con cui Esther ha vissuto e lavorato. “La conoscenza e l'apprezzamento dell'artista per il mondo botanico trasudano da queste opere. La sua pittura è quasi un culto della natura intatta. Una ricerca paradossale della purezza esistenziale attraverso la meticolosa reinterpretazione pittorica che guida ogni opera esposta ”, dice.

Esposizione che doveva essere ritardata a causa della pandemia, ora ha una versione virtuale che consente l'interattività e l'accesso alle informazioni sulle opere, ed è possibile accedervi tramite il link .artspaces.kunstmatrix.com/en/.exibition/2144312/quietudes?t=, tramite l'Instagram dell'artista (@estherbonder) oppure tramite visita di persona previa programmazione con un limite massimo di tre persone, rispettando la distanza sociale, indossare maschere e seguire tutte le raccomandazioni di sicurezza COVID-19.

Chi vuole conoscere e capire un po 'di più sul processo creativo e sulla produzione artistica di Esther Bonder può seguire la conversazione sulla mostra, che sarà trasmesso in streaming su Instagram dal Midrash Cultural Center (@midrashcultural), su 1 Settembre 2020, A partir la 19h.

Circa l'artista

Esther Bonder è nata a 1963 è carioca, architetto paesaggista e fiorista che vive e lavora a Rio de Janeiro. Laureato in Architettura e Urbanistica alla USU ha sempre lavorato con allestimenti paesaggistici e floreali. Da sempre dedito alle arti plastiche, disegnare e pitturare, avendo la natura come tema.

Durante il college USU, negli anni 80 ha preso lezioni con Lygia Pape, Molica e Lauro Cavalcante, ha studiato con Ivan Serpa – MAM, Romina Ostrower, Lena Bergstein, Lilia Sampaio, Katie Van Scherpenberg, Charles Watson, Fernando Cocchiarale e Anna Bella Geiger.

Circola tra sporco e vernici con molta intimità. Dipinto in acrilico su tela con il tema della natura e del paesaggio.

In architettura e paesaggistica ha lavorato al fianco di Roberto Burle Marx de 1981 al 1983. Progetti sviluppati con Antônio Bernardo per il Jardim Botânico do RJ, partecipazione a opere architettoniche, così come nella struttura della collezione. Realizzato il giardino del Museo Pontal per Jaques Van de Beuque, creatore della collezione. Ha partecipato al progetto dell'Ecomuseo Itaipu con Fernando Chacel. Eseguito il branding floreale per gli hotel: Fasano da allora 1997, Hilton Barra da 2015, Emiliano 2017 e il Palazzo di Copacabana di 2016 al 2018. Firmato l'allestimento paesaggistico dei centri commerciali: Fashion Mall 1998 al 2018, Isola – MA, Mestre Alvaro – ES, Costa Beach – ES, Moxuara – ES e Dutra-RJ.

Nelle belle arti, ha partecipato alla mostra collettiva INTERSECTIONS POÉTICAS a settembre 2019 a Pier Mauá, a cura di Fernando Cocchiarale e Patricia Toscano e partecipazione speciale di Anna Bella Geiger, come artista ospite.

A proposito dei curatori

Fernando Cocchiarale

Critico d'arte, curatore e docente di filosofia dell'arte nel dipartimento di filosofia presso PUC-RJ (da 1978) e il corso di specializzazione in storia dell'arte e architettura in Brasile, dalla stessa università tra 1983 e 2005. È anche professore presso la School of Visual Arts al Parque Lage. Autore, com Anna Bella Geiger, del libro Astrattismo geometrico e informale (Funarte) e centinaia di articoli, testi e recensioni di libri pubblicati in libri, cataloghi, giornali e riviste in Brasile e all'estero arte.

Servizio
"Quietudes" di Esther Bonder
A cura di: Fernando Cocchiarale e Patricia Toscano
Dati: Di 1 Settembre a 30 Novembre 2020
Salone virtuale: .artspaces.kunstmatrix.com/en/.exibition/2144312/quietudes?t=
Artista di Instagram: @estherbonder
Instagram Midrash: @midrashcultural
Sito: www.midrash.org.br
Local: Midrash Centro Cultural
Indirizzo: Via generale Venâncio Flores, 184 – Leblon | Rio de Janeiro - RJ
Contatti per la programmazione delle visite: (21) 995403040
O tramite e-mail: estherbonder@gmail.com

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*