Casa / Art / Rivelazione del fotografo indigeno, Paulo Desana, partecipa alla mostra online
Manoel Lima. Foto: Paulo Desana.
Manoel Lima. Foto: Paulo Desana.

Rivelazione del fotografo indigeno, Paulo Desana, partecipa alla mostra online

Documenti inediti dell'universo degli sciamani e degli artigiani etnici dell'alto Rio Negro, sono presentati nella mostra 'Desmanche', sul sito del Centro Cultural Vale Maranhão

Entrare nei misteri del mondo degli sciamani e degli artigiani indigeni che vivono nel Rio Negro sarà possibile attraverso registrazioni fotografiche inedite presentate nella mostra virtuale 'Smantellare'. Giocare fino al giorno 31 Agosto sul sito web del Centro Cultural Vale Maranhão, questo e altri contenuti che faranno parte della mostra sono stati scelti attraverso il bando Ocupa CCVM 2020/2021.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

Il materiale è il risultato del progetto del videografo e fotografo indigeno Paulo Desana, intitolato 'Messa dell'omicidio (Gli spiriti della trasformazione)', che esplora la mitologia del viaggio della Cobra-Canoe of Transformation, o Pamürimasa, come viene chiamato dagli indigeni nella lingua Tukano. La proposta è di promuovere temi della cultura indigena come la mitologia, tradizione, arte, identità, attraverso la fotografia. La produzione dell'opera è stata molto impegnativa per Paulo, che ha sentito il bisogno di reinventare i percorsi del suo lavoro artistico. Comprendere che l'interesse per la cultura indigena cresce ogni giorno, l'artista ha deciso di creare un modo per presentare elementi della sua esperienza quotidiana in modo sorprendente. “Ho sentito che mancava qualcosa di più forte, questo potrebbe mostrarlo nei dipinti del corpo e nei manufatti che gli indiani hanno nelle loro mani, come l'arco e la freccia o l'intreccio di un cesto, c'è un'ascendenza che i popoli indigeni portano ", dice a Paulo.

Usando la vernice al neon, creò registrazioni fotografiche dei volti e dei corpi degli sciamani, benedetti e artigiani delle tribù che vivono nel Rio Negro, delle etnie Tuyuka, villaggio, Tucano, Spoglio, Wanano, Tariana e Baniwa. Il mito di Pamürimasa racconta, in breve, che le abilità degli indigeni furono ereditate dai loro antenati, tutto dal "Cobra-Canoa da Transformação". È stato scelto l'uso della vernice al neon perché riflette nella luce nera, provocando effetti luminescenti, che rappresenta intenzionalmente la simbolizzazione degli spiriti di questi antenati. "Ricerca, Ho visto che l'effetto che la pittura ha provocato si tradurrà in un'esperienza sensoriale e artistica, dove le persone e la grafica sui volti e sui manufatti dei parenti indigeni diventerebbero tele di quadri brillanti ”.

Il progetto, oltre a diffondere la cultura indigena, intende pubblicizzare il lavoro degli artigiani dei gruppi etnici Rio Negro e assistere nelle vendite, fortemente influenzato dalla pandemia covid-19. Il lavoro ha la partnership della Rio Negro Federation of Indigenous Organizations (SQUADRE), rappresentante legale della Rio Negro House of Indigenous Products – Wariro, e associazioni indigene che lavorano per rafforzare la produzione di artigianato, come Organizzazione Indigena del Bacino di Içana (OIBI) e l'Associazione degli artigiani indigeni di São Gabriel da Cachoeira (ASSAI).

Altri artisti che partecipano a "Desmanche" sono: Camila Soato, Marcos Ferreira, Wolf Sales, Iedoa Oliveira, Junior Suci, Tales Frey, João Almeida, John Angelini, Marcelo Muniz e Cadós Sanchez.

A proposito di Paulo Desana

Paulo Desana agisce in quanto 2010 come videografo e fotografo indigeno, ma era alla fine di 2019 e 2020 che le sue opere iniziarono a risaltare e ad essere viste come un riferimento nel ritratto indigeno. In 2020, Paulo ha partecipato al Festival Arte como Respiro, Itaú Cultural, con la serie fotografica ‘E Nós Parente?'; era anche al CCVM Indigenous Photography Award.BR, con il suo record "Ceremony / Dabukuri". Questa stessa fotografia, e anche "Boatman at sunset", erano in Foto Em Pauta, del Centro Culturale Yves Alves, anche in 2020.

Solo l'anno scorso, o Global Poverty Project (Cittadino globale), un'organizzazione internazionale di educazione e difesa che lavora per catalizzare il movimento per sradicare la povertà estrema, ha selezionato due registrazioni fotografiche di Paulo per comporre un articolo sull'Amazzonia, la regione considerata il "ground zero per le più grandi battaglie al mondo contro il Covid-19". Come cameraman, alla fine di 2019, Paulo ha lavorato al progetto per registrare il patrimonio culturale, impatto sociale e ambientale del popolo Yepá Mahsã – Tukano dalla terra indigena di Balaio.

Servizio
Che cosa: Mostra collettiva virtuale 'Desmanche'
Quando: Fino a 31 Agosto 2021
Dove: www.ccv-ma.org.br

Informazioni sul Centro Culturale Vale Maranhão

Il Centro Culturale Vale Maranhão (CCVM) è uno spazio culturale gestito dall'Instituto Cultural Vale, dalla legge federale per la promozione della cultura, con l'obiettivo di contribuire alla democratizzazione dell'accesso alla cultura e alla valorizzazione delle più diverse manifestazioni ed espressioni artistiche del territorio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*