Casa / Art / Anche chiuso e non dovrebbe riaprire, Rio Art Museum presenta due mostre inedite
Casa Carioca - Ione Saldanha, Untitled, Nessuna data, Acquarello su carta. Rivelazione.
Casa Carioca - Ione Saldanha, Untitled, Nessuna data, Acquarello su carta. Rivelazione.

Anche chiuso e non dovrebbe riaprire, Rio Art Museum presenta due mostre inedite

La mostra collettiva “Casa Carioca”, oltre 600 articoli, e un individuo “Aline Motta: memoria, viaggi e acqua” può essere visitato gratuitamente, in date e orari specifici. Le registrazioni verranno effettuate sul sito web di MAR

Il Museo d'Arte di Rio – AS, sotto la gestione di Odeon Institute, presenta la sua mostra principale dell'anno: “Casa Carioca”. Con un ritaglio di circa 600 funziona e più di 100 artisti, lo spettacolo presenta temi come la socialità, il ruolo delle donne come pilastro della famiglia e il diritto alla casa. Fanno parte del montaggio anche opere che ritraggono il periodo di isolamento sociale, firmato da Marcelo Campos, curatore capo di MAR, e Joice Berth, architetto, urbanista e attivista del movimento femminista nero. Vale sponsorizza la mostra attraverso la legge federale sugli incentivi alla cultura.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

La mostra occuperà due gallerie al terzo piano dell'istituzione, oltre alla Sala Meeting situata al piano terra. Raccogliere nomi come Érica Magalhães, max willà morais, Maxwell Alexandre, Millena Lízia, Mulambo, Rafael BQueer, Raquel Nava, Rodrigo Torres, Wallace Pato, Yhuri Cruz e Yuri Firmeza, “Casa Carioca” è la mostra MAR con il maggior numero di artisti giovani e periferici. Sono opere nei più diversi supporti, come i video, oggetti, strutture, fotografie e dipinti, quel dialogo con temi come la differenza tra abitazioni da favela e alloggi d'élite – designato qui come eccezioni -, incendi, i cambiamenti, edifici, demolizioni e celebrazioni.

Oltre a presentare al pubblico la produzione contemporanea di nuovi talenti dell'arte brasiliana, la mostra presenterà anche opere di rinomati artisti, come Adriana Varejão, Alfredo Volpi, André Rebouças, Beatriz Milhazes, Cícero Dias, Lasar Segall, Marcel Gautherot, Mestre Valentim e Walter Firmo. Oltre alle opere della Collezione MAR, opere prese in prestito da più di 30 istituzioni e collezionisti contribuiscono a dare forma al percorso espositivo, che inizia con una cronologia dell'architettura a Rio de Janeiro e continua 10 centri che fanno un approccio trasversale alle problematiche legate all'abitare.

“Durante la fase di ricerca, ci imbattiamo in un fatto sorprendente. Solo 15% delle case brasiliane sono costruite da architetti, con la stragrande maggioranza che si adatta a ciò che gli esperti chiamano autocostruzione, quando il residente stesso comanda il lavoro con l'aiuto di parenti e vicini. A pensarci, cerchiamo artisti e opere che si occupino delle condizioni di queste case e che esplorino l'interno delle residenze, mettendoli in relazione con la questione sociale”, racconta il curatore Marcelo Campos.

Dai social media al museo

Tra i punti salienti della curatela c'è il fumetto “I santi – Una striscia di (umorismo) odiare”. Molto conosciuto nei social network, il progetto della scrittrice Triscila Oliveira e dell'illustratore Leandro Assis fa luce su temi come la disuguaglianza sociale, mancanza di empatia e razzismo, tra gli altri argomenti, dalle situazioni quotidiane. Lavori legati alla pandemia, come quella di max willà morais, in cui gli artisti ritraggono l'isolamento all'interno delle loro case, sarà anche nella collezione. Un altro punto forte è una grande installazione con filtri in argilla, dallo Studio Gru.A, che mostra il rapporto tra l'acqua e la città L'opera crea un nuovo ramo di distribuzione dell'acqua dell'edificio MAR, estendendolo al marciapiede di Praça Mauá, dove sono installati tre beccucci pubblici

Inizialmente, “Casa Carioca” doveva aprire nel maggio di quest'anno come parte del programma del Congresso mondiale degli architetti – UIA e, a causa della pandemia Covid-19, sia la mostra che il congresso hanno dovuto essere rinviati. Pertanto, in Aprile, il museo ha avviato la campagna #CasaCariocaMAR, che ha portato sui social network legati alla mostra collettiva contenuti inediti, suscitando già l'attenzione e l'interesse del pubblico per la mostra.

Individual di Aline Motta è un tuffo nella memoria della famiglia dell'artista

MAR presenta anche al pubblico “Aline Motta: memoria, viaggi e acqua”. Senza precedenti a Rio de Janeiro, l'individuo dell'artista Fluminense invita il pubblico a fare un tuffo nella storia della sua famiglia, attraverso un montaggio immersivo che presenta una trilogia di installazioni video in modo sequenziale e dinamico. Occupa una galleria al 1 ° piano del padiglione espositivo, i tre lavori – “Ponti sugli abissi” (2017), “Se il mare avesse i balconi” (2017) e “Altri fondamentali” (2019) – ha preso forma dopo che l'artista ha scoperto un segreto di famiglia raccontato dalla nonna: la sua bisnonna era una schiava ed era rimasta incinta dopo essere stata maltrattata dal suo proprietario. Dalla rivelazione, Aline ha iniziato una ricerca per le sue radici in luoghi distanti tra loro, ma approssimare l'Oceano Atlantico. Tutto questo è allineato in un'opera piena di acqua salata, dolce, trasparente o inquinata.

“La fiducia di mia nonna, Doralice, è stato il punto di partenza per iniziare a registrare la trilogia. Alla ricerca di informazioni sul passato della mia famiglia, in un lavoro che ha richiesto quattro anni per essere completato, Ho fatto quattro viaggi super intensi attraverso la Sierra Leone, Nigeria, Portogallo e anche per il Brasile, dove sono state raccolte immagini e documenti per comporre le installazioni video. Questi risultati segnano il modo in cui ho trovato ad affrontare i fatti etnici e razziali nella mia famiglia, mirando a comprenderne meglio gli effetti sul presente”, dice l'artista.

Attraverso il suo lavoro, Aline approfondisce le storie relative alla schiavitù nera e come la sua famiglia – dalla parte portoghese, di un altro africano e afro-brasiliano – è attraversato da questi rapporti ineguali che definiscono le particolarità della società brasiliana. Con installazioni video, l'artista affronta queste domande in modo poetico, proponendo un tuffo nelle proprie esperienze e ricordi.

“Il lavoro di Aline Motta si infittisce di colore, contrasti, ombre, alla ricerca di definizioni elevate che non sono nelle immagini, ma, prima, in storie oltre la fotografia. Le voci vengono invocate, i corpi, il nome e il cognome, espandendo i significati di molte storie di vita. La fotografia viene riordinata tra smarrito e ritrovato; spesso ci si confonde tra i documenti del cassetto e il regalo fotografico raccolto direttamente. Con questa, i ponti vengono costruiti continuamente, tra Brasile e Africa, Rio de Janeiro, Bahia e Lagos, tra l'artista e le sue nonne, i tuoi parenti su Orun”, scrive Marcelo Campos, capo curatore di SEA, nel testo di presentazione della mostra.

Solo visite programmate mentre il museo rimane chiuso

Le mostre e tutta la programmazione online offerta da MAR dall'inizio della pandemia sono state rese possibili dai suoi partner e sponsor ed eseguite da un team minimo. Fino a quando il Comune di Rio non recupererà le risorse finanziarie necessarie per il suo pieno funzionamento, il museo rimarrà chiuso.

Per adesso, “Casa Carioca” e “Aline Motta: memoria, viaggi e acqua” è visitabile solo previa registrazione gratuita al sito www.museudeartedorio.org.br. A settembre si svolgeranno le visite tra il 22 e 26 e sarà consentito fino al 60 persone ogni 2 ore. Persone sconcertanti e limitanti, molto al di sotto della capacità del museo, mirare a soddisfare i protocolli sanitari per combattere il Covid 19. L'uso delle maschere sarà obbligatorio durante tutta la permanenza nel museo.

Il Museo d'Arte di Rio – AS

Un'iniziativa di Prefeitura do Rio in collaborazione con Fundação Roberto Marinho, il Rio Art Museum è gestito dall'Istituto Odeon, un'organizzazione sociale di cultura e ha Grupo Globo come manutentore, Equinor come sponsor principale e IRB Brasil RE e Bradesco Seguros come sponsor attraverso la legge federale sugli incentivi alla cultura.

Escola do Olhar è sponsorizzata da Itaú e supportata da Icatu Seguros e Machado Meyer Advogados tramite la legge federale sugli incentivi alla cultura. Attraverso la Legge sugli Incentivi Culturali Comunali – Lei fare Iss, è anche sponsorizzato da HIG Capital, RIOgaleão e JSL.

MAR ha anche il sostegno del governo dello stato di Rio de Janeiro e del Ministero della cittadinanza e del governo federale del Brasile, dalla legge federale per la promozione della cultura.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*