Casa / Art / ULTIMA SETTIMANA – La mostra “Future Now – Revisiting Architecture on Earth”, il Praça Mauá
Mostra “Future Now – Revisiting Architecture on Earth”, il Praça Mauá. Foto: Rivelazione.
Mostra “Future Now – Revisiting Architecture on Earth”, il Praça Mauá. Foto: Rivelazione.

ULTIMA SETTIMANA – La mostra “Future Now – Revisiting Architecture on Earth”, il Praça Mauá

Idealizzato da Jason Baumann, da Insight Architecture, La mostra ufficiale della Svizzera al 27° Congresso Mondiale degli Architetti UIA2021RIO presenta anche quattro webinar online con relatori internazionali

Un padiglione in legno di riforestazione sostenibile formato da 24 pannelli fotografici e tipografici, nel mezzo di Praça Mauá, riceve, a 17 Ottobre, al esposizione Future Now – Rivisitare l'architettura sulla Terra, contribuire a nuovi modi di pensare e comprendere le sfide dell'architettura contemporanea, con problemi urgenti. La mostra offre un'esperienza architettonica che unisce la conoscenza delle ultime novità in fatto di alta tecnologia con uno dei primi materiali utilizzati nella costruzione, la terra (come argilla e argilla), e le sue applicazioni contemporanee. L'evento a cielo aperto, con ingresso libero, è la mostra ufficiale svizzera al 27° Congresso Mondiale degli Architetti UIA2021RIO. diviso in due pilastri: mostra e webinar gratuiti, affrontare temi come l'innovazione tecnologica, Costruzione digitale, cultura e storia del pisé (tecnica di costruzione in argilla, chiamato fango in Brasile) e sostenibilità dei materiali utilizzati. “Future Now” è eseguito da Insight Architecture, Azienda svizzera che valorizza l'architettura attraverso i viaggi di architettura, eventi e design focalizzati sul Brasile, in collaborazione con gli architetti Diego Baloian, del Cile, e Pedro Rivera, del Brasile e con la collaborazione del Politecnico federale di Zurigo ETH.





Il padiglione espositivo, il Praça Mauá, è stato progettato dagli architetti cileni Diego Baloian, Sebastian Silva, Matias Baeza e Juan Pablo Peró, con la collaborazione di ITA, Impresa edile brasiliana specializzata in legno sostenibile da riforestazione. La mostra è curata da Insight Architecture, con contenuti in collaborazione con ETH Zurigo e gli architetti Fabio Gramazio e Matthias Kohler, da Gramazio Kohler Research, e Roger Boltshauser, fare Studio Boltshauser. Ha anche il sostegno di Pro Helvetia e del Consolato Generale Svizzero a Rio de Janeiro.

L'obiettivo del progetto è presentare nuove prospettive per il futuro attraverso un'architettura più sostenibile, per iniziare un nuovo capitolo nella storia dell'architettura contemporanea, con l'uso della terra, un materiale completamente rinnovabile e carbon neutral che, a differenza del cemento, non ha bisogno di essere bruciato durante il processo di raffinamento., utilizzando un metodo di fabbricazione digitale che amplia le possibilità per la pratica dell'architettura e della costruzione. "E' l'unione della bassa tecnologia, l'argilla millenaria, con l'alta tecnologia, abbinato alla robotica più innovativa, garantendo precisione nella costruzione e creando altri orizzonti per l'architettura. Vogliamo suggerire nuove strade", dice il creatore della mostra Jason Baumann, da Insight Architecture. Il padiglione ospiterà pannelli con illustrazioni delle opere Kiln Tower – Torre do Forno e Robotic Clay Rotunda, oltre a una breve storia dell'uso dell'argilla in architettura. Ci sarà anche un QR Code con diversi video sui lavori, più testi informativi aggiuntivi.

“La geometria circolare del padiglione, che propone un sistema costruttivo modulare e prefabbricato basato su parti in legno, interagisce con il pubblico attraverso una rampa di libero accesso e uno spazio interno capace di adattarsi a molteplici forme di appropriazione da parte del cittadino", dice l'architetto Diego Baloian.

“Torre del forno” – Torre do Forno è l'ultimo progetto dello Studio Boltshauser dell'ETH di Zurigo. una torre di 9 metri, costruito con la tecnica dell'argilla pisé, una tecnica per compattare l'argilla grezza in forme, simile a un pestello. Progettato per essere uno spazio espositivo e allo stesso tempo un forno per bruciare l'argilla, per motivi di Cham Brickworks Museum, Svizzera. Un'altra opera esposta sui pannelli della mostra è la Robotic Clay Rotunda, da Gramazio Kohler Research, anche dal Politecnico di Zurigo. La struttura in scala architettonica è stata realizzata con un metodo di costruzione robotica, utilizzando meno materiale e generando meno emissioni di carbonio, ridurre l'impatto sulla natura. Il processo aggiunge cilindri di argilla, i cosiddetti soft brick premendo, che consentono la produzione di strutture geometricamente complesse.

“Il fatto che sia a Praça Mauá è fantastico, uno spazio pubblico frequentato da tutti i tipi di persone. L'esposizione può risvegliare i desideri nelle persone, conoscenza, volontà, curiosità. È la cosa più importante", commenta l'architetto Pedro Rivera.

Nuove possibilità nell'architettura contemporanea

“Future Now” mira a raggiungere, non solo il pubblico specializzato in architettura, ma anche a tutti coloro che si propongono di conoscere nuovi modi di costruire più sostenibili. Sii consapevole del potenziale dell'argilla cruda, uno dei materiali da costruzione più antichi conosciuti, disponibile all'ingrosso in tutto il mondo, e completamente riutilizzabile e a zero emissioni di carbonio, è di interesse globale. Attraverso la storia, lo sviluppo tecnologico ha progressivamente ridotto l'uso dell'argilla con l'introduzione del calcare bruciato, usato per produrre cemento, l'ingrediente obbligatorio per produrre cemento armato. L'uso massiccio del cemento come materiale molto versatile e apparentemente eterno, è stato reso possibile dalla disponibilità pressoché infinita di energia a basso costo basata su carbone e petrolio, per tutto il XX secolo, ma che si è già dimostrato dannoso per l'ambiente.

Oggi, accanto a 30% degli edifici residenziali in tutto il mondo sono costruiti con terra o argilla.. Quasi 100 di più di 500 monumenti nella lista di 2004 I siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO sono stati costruiti parzialmente o completamente con l'argilla.. Alcuni esempi ben noti sono la Grande Muraglia Cinese, i “grattacieli” di argilla a Shibam e l'Alhambra a Grenada.

Per rendere possibile questo progetto, I professori dello Studio Boltshauser e Gramazio Kohler Research del Politecnico federale di Zurigo ETH hanno studiato il potenziale delle costruzioni in argilla attraverso due prototipi sviluppati in collaborazione con studenti e giovani ricercatori. Anche se ingegneria strutturale avanzata, la progettazione al computer e la fabbricazione robotica rendono possibili queste indagini architettoniche., seu potencial total só será possível quando e se houver uma mudança no sistema de valores tradicional da sociedade.

"Dobbiamo riconoscere che nulla è per l'eternità e che l'ambiente delle costruzioni ha bisogno di manutenzione e trasformazione costanti. Questa semplice scoperta rende imperativo costruire con zero rifiuti e materiali a emissioni zero per cercare un'espressione architettonica radicalmente contemporanea, è necessario scrivere un nuovo capitolo sulla ricca storia delle costruzioni in argilla, che si proietta radicalmente nel futuro. E il futuro è adesso", explica Fabio Gramazio, del Politecnico di Zurigo.

Servizio:
Exposição Futuro Agora – Revisitando a Arquitetura em Terra
Praca Maua, s/n – Centro di Rio
Di 08/09 al 17/10 di 2021
Tempo: dalle 10 alle 18
Controllare Franca

WEBINAR – PROGRAMMAZIONE E TEMI – FUTURE NOW

Nell'ambito della mostra e parallelamente al congresso UIA 2021 Fiume, Insight Architecture produce anche, in collaborazione con Swissnex Brasile, una serie di quattro webinar sugli sviluppi tecnologici e l'impatto sull'architettura contemporanea, con live streaming gratuito tramite il link insight-architecture.com/future-now-webinars-events. Parteciperà Fabio Gramazio, Fabian Scheurer, Roger boltshauser (Svizzera), Martin Rauch (Austria), Benjamin Dillenburger (Olanda), Josep Ferrando (Spagna), Fernando Minto, Marcos Akyaba e Marcelo Aflalo (Brasile), Gli eventi si terranno in portoghese e inglese, con traduzione simultanea in entrambe le lingue. Di seguito il programma:

Giorno 10/09 às 14h – REVISIONE DELL'ARCHITETTURA DELLA TERRA

Dare un nuovo significato e indagare nuove strade, com Fabio Gramazio e Roger Boltshauser (entrambi Svizzera), professori al Politecnico federale di Zurigo ETH, moderação Pedro Rivera, Fondatore Street Architects (Brasile)

Giorno 29/09 às 14h – UTILIZZO DELL'ARGILLA IN EDILIZIA

Com Martin Rauch (Austria) e Fernando Minto (Brasile), Igor moderazione da Vetyemy (Brasile)

Giorno 06/10 às 14h – SULLA PRODUZIONE DIGITALE IN ARCHITETTURA

Com Fabian Scheurer (Svizzera) e Benjamin Dillenburger (Olanda), moderação Cheryl Jacobs (USA)

Giorno 13/10 às 14h – UTILIZZO SOSTENIBILE DEL LEGNO IN EDILIZIA

Con Josep Ferrando (Spagna), Marcos Acayaba (Brasile), Marcelo Aflalo (Brasile), moderazione john hill (USA)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*