Casa / Art / Ultima settimana di registrazione per il 10 ° Prix Photo Aliança Francesa

Ultima settimana di registrazione per il 10 ° Prix Photo Aliança Francesa

La scorsa settimana per la registrazione del “Prix Photo Aliança Francesa”, che celebra un decennio di successi.

Sotto il tema "Riflessi", l'importante concorso fotografico nazionale dell'Alleanza francese propone al primo posto un viaggio a Parigi con diritto di accompagnamento, oltre a una mostra collettiva con i primi tre alla Galeria da Aliança Francesa Botafogo.

Iscrizioni fino a sabato, giorno 10 Aprile 2021, attraverso il sito: www.prixphotoaf.com.br

Considerata la più grande ONG culturale del pianeta con DNA di cultura collaborativa, l'alleanza francese completata 135 anni di presenza in Brasile nel 2020 e oltre l'insegnamento delle lingue, offre una ricca gamma di attività culturali, come Premio Foto Alliance Française, concorso fotografico nazionale alla sua decima edizione. Finora partecipando al concorso 320 partecipanti registrati. Chi è interessato a partecipare ha anche il Sabato prossimo, giorno 10 Aprile, alle 23:59 (ventitré ore e cinquantanove minuti) Tempo di Brasilia, per registrarsi tramite il sito web: www.prixphotoaf.com.br.





Dopo aver compilato il modulo di registrazione online, i partecipanti devono inviare anche tramite sito web, tramite "caricamento", la serie con l'estensione 10 fotografie a colori o in bianco e nero, sotto il tema "riflessioni", proposto in questa edizione e illustrato da una fotografia della serie “Terra d'acqua " fotografo Benoît Fournier, vincitore dell'edizione di 2013. Le immagini possono essere manipolate o meno, in una dimensione massima di 2mb e in formato JPG e ottenuto tramite apparecchiatura analogica (qualsiasi fotocamera di formato, pinhole o altra tecnica) o digitale.

Il Premio Foto Alliance Française è aperto a fotografi professionisti e dilettanti, e cerca di valorizzare proposte artistiche originali, sperimentale, sia astratto che documentario, e che possa offrire una prospettiva diversa sui temi attuali proposti dal concorso e che rappresentano un'eco dei grandi temi del nostro tempo.

La riflessione si trova nelle basi della fotografia, dalla sua invenzione nel 19 ° secolo: nei primi esperimenti, per produrre una foto era necessario catturare il riflesso della luce sotto una superficie. Nonostante i numerosi cambiamenti di questo dispositivo fino all'emergere di fotocamere digitali e smartphone, la fotografia continua ad essere fatta di riflessi: riflessi di nuove esperienze e soggettività, riflessioni di una società trasformata dalle tecnologie, riflessioni di nuove pratiche artistiche e delle loro infinite possibilità. Anche in questo momento di crisi mondiale, la fotografia resta uno degli strumenti principali per ritrarre e denunciare gli effetti della pandemia sui rapporti umani. In questa decima edizione del Prix Photo Aliança Francesa, il tema Reflexes propone una reinterpretazione dell'essenza della fotografia di fronte alle trasformazioni del mondo contemporaneo e alle sfide attuali.

Condotto dalla rete dell'Alleanza francese del Brasile, in collaborazione con Air France e la Hotel Santa Teresa, gli Premio Foto Alliance Française ricompenserà 1 ° posto con un viaggio di accompagnamento a Parigi con biglietti Air France. Il 2 ° classificato riceve un weekend per due al Santa Teresa Hotel RJ MGallery e il vincitore del premio della giuria popolare vince una borsa di studio semestrale presso l'Alleanza francese. Il concorso ha il supporto culturale di Foto Rio, uno dei festival fotografici più importanti del Sud America, fare Festival PhotoClimat, di rivista francese Halide, la rete francese di sedi espositive Rete Diagonale.

La giuria farà parte di Benoit Capponi, fotografo, fondatore e consigliere di amministrazione di Rivista francese Halide, incentrato sulla fotografia analogica e sui processi sperimentali; Erika Negrel, segretario generale di Rete diagonale, rete che riunisce le sedi espositive, pratica e produzione fotografica in Francia; al fotografo Erika Tambke, integrando il team di coordinamento di FotoRio 2020 e da allora coordina la Visual Occupation / FotoRio Week 2019; Eugenio Savio – insegnante di fotografia e fotogiornalismo, Fotografo nell'area editoriale e organizzatore Tiradentes Fotografia Festival; João Kulcsar - professoressa, autore e curatore di mostre fotografiche; Marina Alves – fotografo e scienziato sociale, insegnante di fotografia e membro del comitato organizzatore del Festival FotoRio Donne 2018; e Nicolas Henry, celebre fotografo francese che ha esposto alla Galeria AF in 2019 e organizzatore del festival PhotoClimat.

SULLA NONA EDIZIONE DI PRIX PHOTO ALIANÇA FRANCESA

In 2019 sotto il tema confini, il concorso ha ricevuto più di 200 portafogli di partecipanti registrati. Il vincitore dell'edizione ufficiale della giuria 2019 era del Ceará, Osmar Gonçalves dos Reis Filho (Fortezza, CE) con la serie "La sopravvivenza per le lucciole", viaggio premiato a Parigi con compagno. La seconda è stata posta Rio Kitty Paranaguá con la serie “Tempo Presente”. Il Premio della Giuria è stato assegnato a Moschea Giuliana Mota (Nova Friburgo, RJ), il test "Guarda Border". Oltre ai due classificati, Il saggio è evidenziato "Favelicidade", Luiz Baltar (Rio de Janeiro, RJ), al quale è stato dato una menzione speciale. A causa dell'attuale pandemia Covid-19 e delle raccomandazioni sulla sicurezza da parte delle autorità sanitarie, al 91a edizione di Prix ​​Photo Aliança Francesa ha vinto una mostra virtuale interattiva dei vincitori dell'edizione di 2019, disponibile sul sito web www.prixphotoaf.com.br

I VINCITORI DELLA NONA EDIZIONE DI PRIX PHOTO ALIANÇA FRANCESA

Il test "La sopravvivenza per le lucciole", Osmar Gonçalves dos Reis Filho (Fortezza, CE), Prima giuria ufficiale, ha discusso i limiti dei confini per le strade delle città latinoamericane, fotografato durante la notte. Secondo l'autore, "Sono sorpreso con il gran numero di strada che popolano le piazze, occupando i marciapiedi, contestare angoli ogni cm vacante. Avvolto in oscurità, emergono come lucciole, come piccoli esseri luminescenti, irregolare che, attraverso i tuoi gesti nomadi, Essi sostengono altri modi di intendere la città, altri modi di vivere e praticare lo spazio urbano ".

Il test “Tempo Presente”, Kitty Paranaguá (Rio de Janeiro, RJ), Secondo giuria ufficiale, ha portato una visione poetica del tema. Secondo l'autore, “Il fulcro del progetto è l'uomo, architettura, confine, la natura e tutto il dramma e la poesia che circondano questa lotta ". Le conseguenze del cambiamento climatico, il risultato dell'uomo è un intervento in natura, creare una metafora con la realtà di oggi.

Oltre ai due classificati, Il saggio è evidenziato "Favelicidade", Luiz Baltar (Rio de Janeiro, RJ), al quale è stato dato una menzione speciale. Il fotografo documenta la costruzione dei paesaggi, sociale e politica, basato su memorie personali e collettive della vita quotidiana delle favelas di Rio de Janeiro e "i confini invisibili di una città distrutta".

LA GIURIA DELLA 10a EDIZIONE

Benoit Capponi

Allo stesso modo, Benoit Capponi 52 anni. Contemporaneamente svolge attività di formatore e autore fotografo principalmente su nozioni di tempo e soggetto, con grande importanza data all'artigianato e all'esistenza materiale dell'immagine, con il lavoro nella fotografia analogica e vecchi processi. È membro del comitato editoriale e fondatore della rivista Halogénure. Da 2018, gestisce la galleria e il laboratorio Le Studio Spiral a Grenoble ed è membro del consiglio di amministrazione di Maison de l'Image.

Erika Negrel

Erika Negrel è la segretaria generale di Diagonal, la rete francese di sedi espositive, pratica e produzione fotografica. Dal 2008 ha partecipato alla strutturazione di una delle prime reti di arte contemporanea in Francia a Marsiglia “Provenza arte contemporanea” (ex esposizioni di Marsiglia) e sostiene la creazione contemporanea, soprattutto nei programmi di residenza per l'allevamento (Triangolo Francia, MP2013 Capitale European Culture). In 2017 ha fondato il COLLETTIVO, ufficio di supporto per la professionalizzazione e lo sviluppo di progetti di arti visive.

Erika Tambke

Erika fa parte del team di coordinamento di FotoRio 2020 e da allora coordina la Visual Occupation / FotoRio Week 2019.

Fotografo indipendente, Studente di dottorato in Media e mediazioni socioculturali presso ECO / UFRJ, Master in Visual Culture presso il Birkbeck College, Università di Londra e laurea in geografia (UFRJ). La sua ricerca è sulla fotografia popolare a Rio de Janeiro, come un modo per diversificare le narrazioni della città, contrappunto alle immagini da cartolina. Membro del collettivo Favela em Foco.

Erika ha già lavorato come fotografa a Londra e in seguito è stata la coordinatrice della People's Image Agency, nel fiume. Oggi lavora come fotografa e insegnante di fotografia in corsi gratuiti, a Rio e in altre città. Recentemente ha partecipato come moderatrice di tavole rotonde sulla fotografia con Magnum in Brasile, World Press Photo, altri. Ha presentato il suo lavoro in tre mostre personali: Cuori di festa (Rio de Janeiro, 2019); Linee, trattini e altre ricerche: dalla Fattoria Nazionale a Lagoa (Rio de Janeiro, 2016); Joy'n'Carnival (Londra, 2008) oltre a mostre collettive e mostre: Monomito (Reef, 2016), Cyanotype Day (New Orleans, 2017), Foto + Cittadinanza (FotoRio Resiste, Rio de Janeiro, 2018) Il cazzo dell'arte (Rio de Janeiro, 2019).

Eugenio Savio

Laureato in giornalismo (UFMG), master in Comunicazione e Cultura (UFRJ). Professore di fotografia e fotogiornalismo presso PUC Minas. Fotografo in area editoriale. Da 2004 E 'dedicata a promuovere la diffusione della produzione fotografica d'autore brasiliana, la qualificazione e l'aggiornamento degli artisti che utilizzano la fotografia attraverso le azioni del progetto Foto em Pauta, che promuove lezioni, mostre, corsi e il Tiradentes Photography Festival.

João Kúlcsar

Master of Arts presso l'Università del Kent, Inghilterra, professore in visita presso l'Università di Harvard. Coordinatore e professore presso SENAC-SP da allora 1990. Curatore di mostre fotografiche: Claudia Andujar, Cristiano Mascaro, Maureen Bisilliat, Thomaz Farkas, Henri Cartier-Bresson e Elliott Erwitt, tra l'altro. Autore di diversi libri come: Ritratti di immigrati e patrimonio condiviso. Editore del sito www.alfabetizacaovisual.com.br.

Marina Alves

Marina Alves è una fotografa e scienziata sociale, laureato all'Universidade Federal Fluminense. Specialista dell'educazione in relazioni etniche razziali da CEFET / RJ, ha formato il progetto A Cor da Cultura em 2012 e coordinatore del corso di formazione per insegnanti in storia africana e educazione alle relazioni etnico-razziali presso il Center for Articulation of Marginalized Populations (tampone) il 2013. Nel campo della fotografia, è un fotografo e operatore di camera nel nucleo di creazione e produzione audiovisiva di Agoyá e insegnante di fotografia presso COART / UERJ e nel progetto Cultura de Direitos – Municipio di Maricá / RJ, nonché membro del Comitato Donne che organizza il Festival FotoRio 2018. Il suo rapporto con la fotografia è diventato inseparabile dalla percezione della sua dimensione politica e dal suo potere narrativo subliminale, arma preferita, come ha detto il fotografo afroamericano Gordon Parks. Oggi, ritiene che stia progettando una raccolta di fotografie documentarie che mira a fare le agende dei movimenti sociali, movimento nero e femminile.

Nicolas Henry

Nicolas Henry è un fotografo e direttore artistico francese. Primo lighting designer e scenografo, allora direttore del progetto "6 miliards d’autres" di Yann Arthus-Bertrand, ora sviluppa il suo lavoro personale. La sua serie è prodotta in tutto il mondo, i suoi racconti fotografici e le installazioni monumentali sono teatro di universi onirici costruiti da intere comunità, che testimoniano i loro impegni solidali, umanistico e ambientale.

SUI PARTNER CULTURALI

FotoRio

FotoRio - International Photography Meeting a Rio de Janeiro mira a valorizzare la fotografia come bene culturale, dare visibilità alle grandi raccolte e collezioni pubbliche e private e la produzione fotografica contemporanea brasiliana e straniera, attraverso mostre, proiezioni, interventi urbani, Corsi, seminari, Workshop, tavole rotonde, lezioni, conferenze e letture portafoglio. L'intenzione è evidenziare, attraverso un grande evento internazionale, l'importanza della fotografia nel campo dell'arte, la comunicazione e la vita sociale contemporanea. L'evento è biennale, accadendo nei mesi di giugno e luglio, e ha avuto la sua prima edizione in 2003.

Rete diagonale

La rete diagonale, fondato nel 2009, è l'unica catena in Francia che riunisce strutture di produzione e distribuzione dedicate alla fotografia. Partecipa alla strutturazione della creazione fotografica; sostiene la professionalizzazione dei fotografi artisti e si impegna allo sviluppo dell'educazione artistica e culturale su tutto il territorio.

reseau-diagonal.com

Revista Halide

Halogénure è una rivista fotografica semestrale dedicata principalmente alle pratiche analogiche e ai processi preindustriali che esplora la vitalità di un'area periferica e molto attiva della fotografia contemporanea. Halogénure è composto da tre quaderni tematici per edizione.

Il team di Halogénure si è concentrato sul programma per offrire visibilità al pubblico – specializzato o no – in un insieme di fotografi e opere provenienti da questi universi marginali ma estremamente attivi che vengono chiamati processi fotografici “alternativi”, un vasto insieme che comprende l'estetica e le tendenze tecniche tanto diverse quanto varie e sperimentali.

PhotoClimat, alla biennale sociale e ambientale di Parigi

Su iniziativa del fotografo Nicolas Henry, la biennale Photoclimat proporrà a settembre 2021 un percorso espositivo nel cuore di Parigi che riunisce artisti e grandi attori dell'impegno ecologico e sociale in Francia. Così, Photoclimat sosterrà la rivoluzione verde attraverso un'esperienza outdoor artistica e impegnata, offrendo una scenografia unica che integrerà i principi dell'economia circolare e dell'eco-design.

SULL'ALLEANZA FRANCESE

Con 135 anni di attività in Brasile 2020, l'Alleanza francese è un punto di riferimento nella lingua e, senza dubbio, il più noto istituzione al mondo, quando si tratta della diffusione della lingua e della cultura francofona. Ha, attualmente, più di 830 unità 132 paesi, dove studiano circa 500.000 studenti. In Francia, ha scuole e centri culturali per gli studenti stranieri. Il Brasile è la più grande rete mondiale di alleanze con francesi 37 associazioni e 68 unità.

È l'unica istituzione in Brasile autorizzata dall'Ambasciata di Francia ad applicare i test che consentono di accedere ai diplomi DELF e DALF internazionali, riconosciuto dal Ministero dell'Educazione Nazionale francese. L'Alliance Française è anche centro di esame ufficiale per test internazionali validità di due anni TCF (Il Knowledge Test francese) TEF e canadesi (Assessment Test French) e il test nazionale valido per Capes uno anno (riconosciuto da agenzie CAPES e CNPq MEC).

Quest'anno, in occasione del suo 135 ° anniversario, l'Alleanza francese dovrà sacco di notizie. tra di loro, il cambiamento di metodo di insegnamento, che porterà maggiore dinamismo alle aule, con strumenti digitali e contenuto corrente su tutta la cultura francofona, Lezioni di trasformarsi in veri e propri centri di dibattito di idee e di apprendimento collaborativo.

Servizio:
Premio Foto Alliance Française 2020
Periodo di registrazione: 10 Febbraio al 10 Aprile 2021.
Sito: www.prixphotoaf.com.br
Mostra virtuale e interattiva: www.prixphotoaf.com.br
Alleanza francese - Muniz Barreto Street, 730, Botafogo
(21) 2286-4248 / 2539-4118
www.rioaliancafrancesa.com.br
www.facebook.com/aliancafrancesarj
www.youtube.com/user/aliancafrancesarj
www.instagram.com/rioaliancafrancesa

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*