Casa / Art / Durante la quarantena, Museum of Tomorrow lancia il tour virtuale della mostra “Pratodomundo - Comida para 10 miliardi "
Museo di domani. Foto: Bernard Lessa.
Museo di domani. Foto: Bernard Lessa.

Durante la quarantena, Museum of Tomorrow lancia il tour virtuale della mostra “Pratodomundo - Comida para 10 miliardi "

Un anno dopo l'inaugurazione, spettacoli, che ha avuto più di 250 migliaia di visitatori, sarà disponibile sui social network del museo per tre mesi a partire da questo giovedì, giorno 16 Aprile

Premiato con il Gran Premio di bronzo nella categoria delle mostre temporanee e con il segno di oltre 250 migliaia di visitatori, Pratodomundo - Food for 10 miliardi ", che è stato mostrato al Museum of Tomorrow in 12 Aprile a 27 Ottobre 2019, torna ora in ambiente online. Il tour virtuale della mostra sarà disponibile al pubblico da questo giovedì, giorno 16 Aprile. L'iniziativa integra l'ampia programmazione di #museuemcasa, promosso da attrezzature culturali durante la quarantena del coronavirus, e sponsorizzato da Carrefour.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

La mostra inizia dalla sfida di come nutrire 10 miliardo di persone, il numero stimato di popolazione nel decennio di 2050, con la diversità di produzione, rispetto per l'ambiente e la qualità nutrizionale. Intende inoltre riflettere su come dobbiamo affrontare le sfide del cambiamento climatico, riduzione della biodiversità, come fame estrema e l'obesità e l'ineguale distribuzione del cibo. In spettacoli, il pubblico conosce alcune alternative, come coltivazione in regioni inesplorate (tundra, oceani e deserti), e il consumo di alimenti come le alghe, insetti e piante commestibili non convenzionali.”

"Questo è un progetto che continua la missione" Pratodomundo "di proporre una riflessione su come possiamo avere un cibo di qualità nutrizionale, rispetto dei limiti ambientali di sostenibilità e anche della diversità della produzione. Il tour virtuale è un'occasione per portare questo contenuto oltre Rio de Janeiro, per il Brasile e per chiunque sia interessato a questo contenuto in portoghese. È un teaser della mostra e diventa anche uno strumento per ogni Pratodomundo per generare interesse da parte delle nuove istituzioni nel poter ricevere questa mostra., che è già pronto a vagare per altri musei, centri culturali e scientifici in Brasile e nel mondo ", spiega Leo Menezes, Gestione del contenuto del Museo di domani.

La mostra è divisa in cinque aree principali: "La cultura del mangiare", ciò mostrerà come le nostre abitudini alimentari si stanno globalizzando, con flussi intensi, mentre la pressione del mercato sta standardizzando alcuni tipi di alimenti, generando perdita di agrobiodiversità; "Nuove frontiere agricole", che evidenzia luoghi alternativi che già producono cibo ma dovranno intensificare quella produzione; "Tecnologie", sulle tecniche per migliorare la genetica e i nutrienti degli alimenti e la loro maggiore resilienza ai cambiamenti climatici; "Salute e società", che affronta la qualità delle diete globali, l'importanza di sfruttare appieno il cibo e le alternative per il consumo di proteine, come insetti, funghi e alghe; e, Infine, “Cibo per domani”, dove il visitatore diventa il protagonista per risolvere alcune sfide per nutrire un pianeta sovrappopolato.

La mostra “Pratodomundo” E 'stato organizzato dal Museum of Tomorrow, sotto la direzione dell'Istituto di Sviluppo e Gestione. Sponsorizzazione supporto Carrefour e IBM, sia attraverso la legge federale sugli incentivi culturali. Sostegno alimentare Nascosto e Isla sementi e dei partner di contenuti per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (FAO), Embrapa e Agence France Presse.

Domani Museum è un'istituzione culturale della Segreteria Comunale di Cultura di Rio de Janeiro, nell'ambito dello sviluppo e gestione Management Institute (IDG).

Circa il Museo di domani

Il Museum of Tomorrow è un museo di scienze applicate che esplora le opportunità e le sfide che l'umanità dovrà affrontare nei prossimi decenni dalle prospettive della sostenibilità e della convivenza. Inaugurato nel dicembre 2015 da Città di Rio, il Museum of Tomorrow è un'attrezzatura culturale del Segretario Comunale della Cultura, operando sotto la gestione di Istituto per lo sviluppo e la gestione (IDG). successo esempio di partnership tra il settore pubblico e privato, Domani Museo ha ricevuto oltre 4 milione di visitatori sin dall'apertura. Avere come sponsor principale il Banca di Santander, Shell come sponsor e una vasta rete di sponsor che include aziende come IBM, Engie, Lojas Americanas, Grupo Globo e Renner, il museo è stato originariamente progettato da Roberto Marinho Foundation.

Il IDG - Istituto per lo Sviluppo e Gestione Si tratta di un'organizzazione non-profit specializzata nella gestione di centri culturali pubblici e programmi ambientali ed è anche attiva nella consulenza per aziende private e la realizzazione o lo sviluppo di progetti culturali e ambientali. Rappresenta attualmente per la gestione del Museo di domani, a Rio de Janeiro, Paço fare Frevo, a Recife, come direttore operativo del Fondo Foresta Atlantica e come regista di azioni di conservazione e di consolidamento del sito archeologico del molo Valongo, nella zona del porto di Rio de Janeiro. Per saperne di più su www.idg.org.br

Circa il Museo del Domani e ODS ONU

In 2015, le Nazioni Unite (DELLE NAZIONI UNITE) creato Agenda 2030 con 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (ODS), che deve essere implementata da tutti i paesi del mondo a 2030. Con i pilastri della sostenibilità e della convivenza, Domani Museo è impegnata nella realizzazione di questa agenda, che prevede l'eliminazione della povertà e la fame; proteggere il pianeta dal degrado attraverso il consumo e la produzione sostenibili; assicurare la vita prospera e realizzazione personale delle persone, attraverso il progresso economico, sociale e tecnologica, in armonia con la natura; e promuovere la pace. Per ulteriori informazioni su ciascuna ODS, visitare il sito web delle Nazioni Unite: nacoesunidas.org/pos2015/agenda2030.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*