Casa / Art / L'estetica di un'amicizia - Alfredo Volpi (1896-1988) e Bruno Giorgi (1905-1993), da Rosângela Vig

L'estetica di un'amicizia - Alfredo Volpi (1896-1988) e Bruno Giorgi (1905-1993), da Rosângela Vig

Rosângela Vig é Artista Plástica e Professora de História da Arte.

Vig è Rosângela Visual Artist and Teacher Storia dell'Arte.

Culturale Pinacoteca riunisce oltre 130 fabbrica, per la maggior parte inediti, che raccontano l'amicizia 52 anni i due artisti, il più longevo d'arte brasiliana

Pinacoteca culturale, Rio de Janeiro
Visitazione di pubblico: 14 da giugno a 27 luglio 2019
A cura di: Max Perlingeiro e Pedro Mastrobuono
Realizzazione: Pinacoteca culturale
sostegno istituzionale: Volpi Institute of Modern Art
Ingresso libero

La Pinacoteca culturale aperto da 14 Giugno 2019 per l'esposizione pubblica "L'estetica di un'amicizia - Alfredo Volpi (1896-1988) e Bruno Giorgi (1905-1993)", oltre 130 fabbrica, in gran parte senza precedenti, narrando la convivenza di lunga durata e affettiva dei due artisti, che durò per 52 anni. A cura di Max Perlingeiro, da Pinacoteca, e di Pedro Mastrobuono, Istituto d'Arte Moderna di Volpi, l'esposizione dell'idea è stato sviluppato dieci anni fa, e può essere realizzato dalle lunghe deposizioni di Leontina Ribeiro Giorgi, la vedova di Bruno, i dati ad entrambi i fiduciari. Ha aperto i file e "raccontato fatti storici e personali, Si tratta di una memoria viva dei due artisti ", Max riporta Perlingeiro. La mostra è accompagnata da un libro con copertina rigida, 228 pagine e 22 centimetri x 27 centimetri formato, con immagini di opere e testi critici Rodrigo navate, lo psicoanalista David Leo Levisky, di Mário de Andrade (estratto del testo scritto in 1944 e pubblicato sul "Journal Accademico", il 1945), e di Max Perlingeiro.

pubblicità: Banner Luiz Carlos de Andrade Lima

I criteri per la selezione delle opere, tutti appartenenti a collezioni private, Ha cercato di punteggiare l'amicizia di due grandi artisti, avviato nel 1936, quando Bruno Giorgi tornò brevemente in Brasile, durante il suo soggiorno in Italia e Francia. In 1939, nel round finale del paese Bruno, amicizia approfondito, e, successivamente, erano inseparabili. Oltre ai colloqui sulla costruzione di St. Helena, a São Paulo, che aveva bottega, esposizioni che erano insieme, le serate, discussioni artistiche, i due erano fratelli "per scelta", Volpi e aveva sempre un quarto prigioniero in Bruno residenze, che in 1946 Si trasferisce a Rio de Janeiro, e spesso trascorso periodi in Italia per la produzione delle sue sculture. In 1943, Bruno Giorgi, insieme a Sergio Milliet (1898-1966), Volpi era l'uomo migliore per Benedetta Maria da Conceição, Volpi chiamato dal "Judith".

"Storicamente, l'amicizia tra gli artisti è sempre stato oggetto di studio di grandi ricercatori ", Max osserva Perlingeiro. "No Brasil, l'amicizia di lunga durata tra artisti era, indubbiamente, entre Volpi e Bruno Giorgi. Entrambi provenivano dalla stessa regione in Italia, famiglie una montagna divisa - Toscana. Con personalità molto diverse, Volpi e Bruno avevano le stesse passioni e vissuto per più di 50 anni fino alla morte di Volpi, nel 1988. ", conto.

CORSO SUL DISPLAY

Entrando mostra, il pubblico viene ricevuto dalla scultura "Alfredo Volpi Head" (1942), Bruno Giorgi, con il dipinto "Senza titolo (Ritratto di Bruno Giorgi, il 1940)", Volpi.

In prima sala, Volpi saranno sei e Bruno paesaggi, e una serie di opere - sculture e dipinti - dedicato a "Donne", realizzato dai due artisti. Ci saranno i ritratti di Leontina e artista Eleonore Koch (1926-2018), rara allievo di Volpi, e da 1947 anche iniziato a frequentare lo studio di Bruno Giorgi a Rio de Janeiro, dove oggi è la Pinel Ospedale, na Climb. Sulla parete alla parte posteriore della sala è il grande quadro formato "Senza titolo (Ritratto di Judith, 1949)", Volpi, e una serie di nudi femminili, Bruno, disegni, acquarelli e sculture.

In seconda camera il pubblico vedrà una grande collezione di dipinti degli anni Volpi 1950 al 1970, che occupano tre pareti, e due serie di Bruno scultura: il "spettrale", termine coniato dal filosofo tedesco Max Bense (1910-1990), e "modelli" delle opere di grande formato dell'artista. Bruno saranno le sculture anche come "Capoeira" (il 1940) e prodotti a Brasilia, come "Meteor", "Candangos" e "Studio per il Monumento alla cultura", tutto il decennio 1960. Sulla parete di fondo è un grande dipinto formato "Senza titolo (Studio per il murale Don Bosco ", Brasilia, il decennio di 1960, Volpi. In questa stanza ci sarà una vetrina con i documenti, fotografie, e gioielli creati da Bruno Giorgi in anni 1970 e 1980.

In terza camera sono le opere "Affettivo", o dedicata a Santa Maria Egipcíaca realizzati da due artisti: pittura 1963 tempera su tela "Senza titolo", (c. 1961), a 54 centimetri x 107 centimetri, Volpi, appartenente al diplomatico Edgard Telles Ribeiro (1944), e design "Santa Maria Egipcíaca" (alla fine degli anni 1960), in pennarello su carta, Bruno fece Pro. La storia che coinvolge queste due opere ha origine nella tesi opposta che ciascuno degli artisti avevano sul santo. In una serata letteraria in casa Bruno Giorgi, il suo amico e vicino di casa Maria Telles Ribeiro recita "Ballata di Santa Maria Egipcíaca", il libro "Poesie complete", di Manuel Bandeira (1886-1968), poi in un recente numero di 1951. Da allora, i due artisti discusso animatamente circa l'episodio narrato, in cui il santo avrebbe dovuto attraversare un fiume per arrivare a Gerusalemme e questo ha pagato il barcaiolo con la sua verginità. per Volpi, la purezza è rimasta intatta, dal momento che come santo il tuo corpo non importa, prima della sua missione spirituale. Bruno, era santo inaccettabile hanno venduto il tuo corpo. Il risultato di diversi punti di vista può essere visto in due dipinti.

In questa sala sono anche Volpi studiare un arazzo per la casa Bruno, e il dipinto "Senza titolo" (il 1970), realizzato sei mani da Volpi, Bruno e Decio Vieira (1922-1988); e il disegno realizzato dal suo amico Bruno Volpi, nella sua ultima visita al suo amico, già estremamente indebolita.

Due documentari con le dichiarazioni di entrambi gli artisti, modificato con le opere espositive, sarà in looping questo spazio.

Un'era di ANCORAGGIO AD UN ALTRO

Anche se dalla stessa regione in Italia, i due artisti hanno diversa provenienza e condizione sociale. Psichiatra David Levinsky Leo sottolinea che "Bruno era un uomo cosmopolita. ben-viaggiato. Mi è stato letto e apprezzato la poesia e la letteratura. Fin da piccolo, sua madre lo portava a teatro, dove ha sviluppato il suo amore per la musica. tuttavia, il suo lavoro è stato sempre al primo posto, seguita da interesse per la politica e la cultura ". aggiunge: "Non ho avuto borsa di studio Volpi, ma mi sono divertito ad ascoltare la poesia recitando Bruno, preferiti sono quelli scritti da Francesco. Quali sono le origini della profonda generosità di Volpi, un'anima portatore di una religiosità intrinseca alla ricerca del? Tra Alfredo e Bruno, uno rappresentato un'ancora per l'altro ". "Volpi sembrava poco preoccupazione per il futuro del suo lavoro artistico e credeva che non avrebbe lo stesso riconoscimento pubblico Bruno. Ha giustificato il suo pensiero con il fatto che i suoi dipinti rimangono dentro le case dei loro collezionisti, mentre Bruno sculture erano opere pubbliche, esposte in aree aperte delle grandi città, sia in Brasile e all'estero ".

Il critico Rodrigo Naves sottolinea che "questa aura di semplicità ha contribuito a molti critici e scrittori sublinhassem purezza personale e artistica e la dimensione intuitiva Volpi". Intanto, i punti critici per il fatto che pochi artisti brasiliani concesso un ambiente culturale ricco come lui, un ambiente culturale moderno, fatto di convivenza e di dialogo, e non qualcosa di accademico e di registrazione, anche se questo ambiente culturale ha avuto molti limiti. Per ignorare questo sarebbe quello di identificare la sua pittura una semplicità che abbassa definitivamente la complessità ei dilemmi che esso contiene ". Naves ricorda una dichiarazione di Giorgi, il 1979, dove i rapporti "hanno preso, il 1937, Mário de Andrade - uno dei più preparati intellettuali San Paolo del periodo - e Sergio Milliet alla bottega Volpi ed entrambi 'meravigliato' ".

GIARDINI E PROGRAMMA EDUCATIVO

Alcune opere saranno nei giardini, e programma educativo gratuito si terrà dalle 11h alle 13h, su alcune sabato durante il periodo della mostra, con il seguente programma:

  • 29 Giugno - Bandiere | Creiamo le nostre opere ispirate alle famose bandiere di Alfredo Volpi?
  • 06 Luglio - laboratorio di gioielleria | Giocando disegnare e scolpire gioielli
  • 13 Luglio - Facciate Impresa di pittura | elementi geometrici sulle facciate di Alfredo Volpi
  • 20 Luglio - Alberi Volpi | Creazione di alberi da rottami
  • 27 affetti Albero - Luglio | Generato dal amicizia

La mostra è stata esposta in Pinacoteca a San Paolo, fra 25 Marzo e 25 può durare.

Servizio: "L'estetica di un'amicizia - Alfredo Volpi (1896-1988) e Bruno Giorgi (1905-1993)"
Visitazione di pubblico: 14 da giugno a 27 luglio 2019
A cura di: Max Perlingeiro e Pedro Mastrobuono
Realizzazione: Pinacoteca culturale
sostegno istituzionale: Volpi Institute of Modern Art
Ingresso libero
Pinacoteca Cultural Rio de Janeiro
Via San Clemente 300, Botafogo
22260-000 - Rio de Janeiro - RJ
Cellulari: (21) 2537-7566
E-mail: contato@pinakotheke.com.br
Dal lunedì al venerdì, das 10h às 18h, e il sabato, da 10.00 a 16:0.
L'ingresso è gratuito
visite scolastiche possono essere programmati per telefono 2537-7566

.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*